27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/03/2004, 00.00

    iraq

    L'ayatollah al-Sistani biasima gli USA, ma accusa i paesi confinanti



    Najaf (AsiaNews) – Il paese ha cominciato 3 giorni di lutto per le vittime degli attentati a Karbala e a Baghdad. Ieri, per la prima volta in assoluto, la massima autorità sciita dell'Iraq e del mondo, l'ayatollah di origine iraniana, al-Sistani, ha rivolto una critica diretta contro gli Stati Uniti. L'ayatollah ha accusato le truppe americane presenti nel paese "di aver fallito nell'impedire l'infiltrazione [dei terroristi] provenienti da paesi confinanti verso l'Iraq". L'ayatollah, noto per il suo pacifismo e per la sua mancanza di odio verso l'Occidente e la Coalizione, ha giudicato gli Stati Uniti incapaci di "esercitare il pieno controllo sui confini iracheni".

    Al-Sistani ha rivolto anche un appello a favore dell'unione degli iracheni, chiedendo al popolo di essere "attento e vigilante",  pronto a scongiurare i "complotti del nemico". Ha insistito nel chiedere alla gente di non lesinare gli sforzi per raggiungere la riunificazione popolare, fino ad esprimersi "con una sola voce ed affrettarsi a riprendere il possesso del potere iracheno ferito, dell'indipendenza e della stabilità".

    Intanto il numero delle vittime degli attentati sanguinosi di ieri, è giunto a 182, secondo le stime degli ospedali. Il Ministero Iraniano degli Esteri ha detto che  fra le vittime vi sono 22 iraniani, recatisi in pellegrinaggio ai luoghi sacri del sciismo in occasione della festa di Ashura.

    Le truppe polacche, responsabili della sicurezza a Karbala, hanno confermato l'arresto di due persone legate agli attentati, mentre in serata di ieri si parlava dell'arresto di altre 4 persone e di un altro sospetto a Baghdad. Teheran, Washington e il Governo Provvisorio puntano il dito contro Al-Qaeda. Il Consiglio Governativo Provvisorio ha dichiarato di rinviare la data per la firma della costituzione temporanea, attesa per oggi. Questa mattina a Baghdad sono stati lanciati alcuni missili a una centrale telefonica per contatti internazionali. La polizia ha detto che un uomo è stato ferito.(PB)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2004 iraq
    La risoluzione Onu accolta con soddisfazione da sciiti, sunniti e kurdi


    08/03/2004 iraq
    Firmata la costituzione provvisoria: "É un momento storico"


    13/07/2005 IRAQ
    Iraq: attentato in una moschea sunnita

    Due le vittime in una località al confine con l'Iran. Dieci sunniti sono morti invece in un quartiere sciita della capitale.



    28/02/2004 iraq
    Sconfitta degli islamisti all'interno del Consiglio Governativo Provvisorio


    20/08/2009 IRAQ
    Baghdad annuncia nuove norme sulla sicurezza, ma gli attacchi continuano
    Oggi una bomba ha ucciso due persone, una decina i feriti. Il premier al-Maliki promette una revisione nei sistemi di difesa, dopo gli attentati di ieri che hanno causato oltre 100 vittime e 500 feriti. L’esecutivo punta il dito contro al Qaeda; esperti di politica irakena parlano invece di “conflitti interni”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®