29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/04/2009, 00.00

    COREA DEL SUD

    La Chiesa coreana conclude i 50 giorni dalla scomparsa del card. Kim

    Theresa Kim Hwa-young

    Celebrata una messa solenne per la chiusura di questo periodo di commemorazione. Una tv cattolica sottolinea il grande aumento di donatori di organi per trapianti, sull’esempio di mons. Kim.

    Seoul (AsiaNews) – L’Arcidiocesi di Seoul ha concluso i 50 giorni di commemorazione del cardinale Stephen Kim con una messa solenne celebrata il 6 aprile dal cardinale Nicholas Chung Jun-suk a Seoul, presso la sua tomba a Yongsan, cui hanno partecipato centinaia di fedeli.

    Mons. Chung ha ricordato le ultime parole del cardinal Kim: “Grazie a voi, amatevi l’un l’altro”, che sono state anche scritte su adesivi distribuiti ai presenti. Egli ha sollecitato tutti a seguire il suo esempio e “a iniziare un movimento per espanderne lo spirito di gratitudine, condivisione e amore”.

    Mons. Kim ha donato le sue cornee per trapianti. La televisione cattolica PBC ha sottolineato che il suo esempio ha suscitato grande ammirazione nella popolazione. Da allora i donatori di cornea sono aumentati di 10 volte, con circa 4.700 nuovi donatori desiderosi – come ha detto  uno di loro – “di offrire una parte di me per la salvezza di altri che ne hanno bisogno”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2006 corea del sud
    Il cardinale e i sacerdoti di Seoul "per amore" si impegnano a donare gli organi post-mortem

    Proposta a tutti i coreani, la promessa fa parte di  progetto a favore della vita, lanciato in occasione del Congresso Eucaristico. L'immediato consenso da parte del Consiglio dell'Apostolato Laico.



    17/05/2005 COREA DEL SUD
    Corea del Sud: nell'anno dell'Eucarestia aumenta la donazione di organi


    05/03/2009 COREA SUD - COREA NORD
    Cinque seminaristi nordcoreani frequentano il seminario cattolico a Incheon
    Si spera che possano poi tornare nel loro martoriato Paese, adempiendo un sogno non realizzato del card. Kim. A poche settimane dalla scomparsa dell’ex primate coreano, crescono gli atti di devozione suscitati dal suo esempio.

    23/08/2014 VATICANO - IRAQ
    Il Papa dona 1 milione di dollari per i cristiani e le altre minoranze dell'Iraq
    Il Prefetto di Propaganda Fide, card. Filoni, è rientrato dalla missione umanitaria a Erbil e ha portato con sé "un decimo della somma. Il 75% dei soldi è andato ai cattolici, il resto agli yazidi. Fino a che anche solo un cristiano vivrà in Iraq, la Chiesa sarà con lui".

    23/06/2006 corea del sud
    Card. Cheong: "L'ambiente vive una crisi che solo l'uomo può risolvere"

    L'arcivescovo di Seoul è il primo presule coreano a scrivere sul tema. Nella sua lettera pastorale, inviti al rispetto delle specie che popolano la terra e proposte concrete che la Chiesa può attuare per risolvere la questione.





    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®