24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/05/2010, 00.00

    INDIA

    La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”

    Nirmala Carvalho

    La Conferenza episcopale, insieme ai superiori delle congregazioni religiose indiane, si riunisce per studiare le norme da applicare in caso di crimini di natura sessuale. Il vescovo di Pune spiega: “Tolleranza zero per chi sbaglia. Il Papa ha indicato la via, sbagliato criticarlo”.

    Vasai (AsiaNews) – Contro coloro che si macchiano di abusi sessuali, specialmente se membri del clero, “deve essere esercitata una tolleranza zero. Va seguito il sistema di giustizia civile, e si deve rendere pienamente giustizia alle vittime di tali abusi. Ma rimane il fatto che, soprattutto in India, c’è un’esagerata campagna di odio contro il Papa: accusarlo di non fare nulla contro la pedofilia è profondamente falso, dato che proprio Benedetto XVI è uno dei più fermi e coraggiosi pontefici che hanno affrontato casi del genere”.

    Lo dice ad AsiaNews mons. Thomas Dabre, vescovo di Pune e presidente della Commissione teologica della Conferenza episcopale indiana di rito latino, commentando la proposta della Conferenza episcopale nazionale a favore di un codice di condotta contro gli abusi sessuali. I presuli indiani si preparano a discutere questo tema insieme ai superiori degli ordini religiosi: al termine degli incontri, verranno diramate a tutto il clero delle direttive su come affrontare la questione.

    Per mons. Dabre, “dal punto di vista dell’insegnamento teologico, l’abuso è intrinsecamente malvagio. E’ incomprensibile come un sacerdote, promotore di questo insegnamento nel suo ministero, si possa macchiare di attività come queste. La morale della Chiesa ha sempre condannato queste attività, fra cui il sesso prematrimoniale e ovviamente gli abusi ai danni di minori. Vorrei promuovere, per casi come questi, la tolleranza zero”.

    Per diramare delle direttive, prosegue il vescovo, “dobbiamo studiare la questione da angolazioni differenti. Dal punto di vista dell’antropologia teologica, ad esempio, non possiamo mettere da parte un bambino e la sua personalità perché materia di poco conto. Va poi considerata la sessualità: il bambino non capisce cosa gli stia accadendo, ma subisce un trauma enorme. Poi c’è la teologia pastorale: se un sacerdote commette abusi, nessuno verrà più da noi”.

    Per questo, aggiunge, “dobbiamo mettere in pratica delle misure penali e correttive per chi sbaglia. Inoltre, casi come questi vanno analizzati sotto l’aspetto del codice canonico, di quello civile, della psicologia… Dobbiamo disegnare una politica che prenda in considerazione tutti questi aspetti e li risolva”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/05/2010 INDIA
    Gujarat: ragazza di 13 anni stuprata costretta ad abortire su consiglio della Corte
    I giudici hanno accolto la richiesta di interruzione di gravidanza fatta dalla madre ribaltando il giudizio negativo del tribunale locale. Essi giudicano la nascita del bambino un pericolo per la salute mentale della ragazza e un problema economico e sociale per la famiglia. Mons. Agnelo Gracias, presidente della Commissione per la famiglia e per la Vita della Conferenza episcopale indiana: “La giustizia dovrebbe punire il criminale e non l’innocente”.

    26/01/2013 INDIA
    Mumbai, "37 milioni di luci" contro gli aborti selettivi e la violenza sulle donne
    Il numero si riferisce alla disparità di numero tra maschi e femmine segnalata dall'ultimo censimento nazionale (2011). Nelle parrocchie dell'arcidiocesi si accenderanno 37 milioni di lampade e candele. Per il direttore del settimanale cattolico The Examiner serve un'educazione spirituale e sessuale, per portare un cambiamento di mentalità che rispetti la dignità e la sacralità dell'essere umano. Il messaggio della Conferenza episcopale per la Festa della repubblica indiana.

    08/09/2010 INDIA
    La nascita di Maria e la sofferenza di milioni di donne in India
    La Chiesa indiana celebra oggi il Day of the Girl Child per condannare la discriminazione della donna nella società indiana. Solo il 67,7% delle bambine tra 15 e 24 anni riceve un’istruzione e circa il 40% delle donne sposate subisce violenze all’interno delle mura familiari. India agli ultimi posti per il tasso di crescita della popolazione femminile, a causa dei diffusi feticidi, aborti e selezione prenatale.

    29/07/2010 COREA DEL SUD
    Seoul, la Chiesa celebra il primo Congresso nazionale per la vita
    Due giorni di discussioni e interventi, coordinati dalla Commissione per la vita e da quella sulla Bioetica della Conferenza episcopale coreana, per trasformare la “cultura della morte” in una “cultura della vita”.

    22/07/2011 FILIPPINE
    Filippine, attacco contro la pagina pro-life del sito della Conferenza episcopale
    Gli hacker hanno bloccato il sito per ore con un immagine di un uomo imbavagliato. L’attacco avviene a pochi giorni dal congresso organizzato dai pro-life cattolici contro la legge sul controllo delle nascite. Fonti di AsiaNews sottolineano la confusione politica nel Paese e il calo di popolarità del presidente Aquino.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®