07/11/2005, 00.00
THAILANDIA

La Chiesa thailandese ricorda la "Nostra Aetate"

di Weena Kowitwanij

Il dialogo interreligioso ma anche quello con l'intellighenzia culturale di ogni società "sono alla base della convivenza pacifica fra cattolici e buddisti".  

Bangkok (AsiaNews) – I cattolici e la Chiesa in Thailandia "vivono in maniera serena ed armoniosa con la maggioranza buddista" perché "entrambi comprendiamo ed applichiamo gli insegnamenti alla base delle nostre fedi". Con queste parole il cardinale Michai Kitbunchu, arcivescovo di Bangkok, ha ricordato il 40° anniversario della promulgazione della dichiarazione conciliare Nostra Aetate.

Il porporato ha ricordato ai fedeli "la necessità di un dialogo con i fedeli di religioni differenti" ed ha citato l'esempio del "Buddhataspikku", seguace fedele di Buddha, che una volta disse: "Noi, fedeli di ogni religione, possiamo vivere in pace nel momento in cui mettiamo in pratica gli insegnamenti delle nostre fedi".

Padre Chusak Sirisudh, direttore del Centro ricerche su religione e cultura, sottolinea: "Il dialogo interreligioso non è l'unica missione della Chiesa thailandese, ma rientra nei 3 principali compiti delle Chiese asiatiche: il dialogo interreligioso; il dialogo con l'intellighenzia delle culture locali ed il dialogo con i poveri".

P. Sirisudh spiega che "in un'ottica di scambio spirituale e di conversazione, i cristiani dovrebbero avere sempre l'umiltà e la gentilezza del loro Maestro e non porsi in maniera arrogante o provocatoria, per esaltare uno e mortificare un altro". "In un'ottica di sviluppo di relazioni positive fra fedeli di diverse religioni – aggiunge –dovremmo aprire i nostri cuori per ascoltare gli altri, rispettarli e cercare di capire cosa sia in disaccordo con i nostri dogmi, così come ordinato dal comandamento di Dio di amare i fratelli e le sorelle".

"La situazione mondiale e quella del Sud della Thailandia – conclude – impongono un immediato ed efficiente dialogo fra le religioni. Non bisogna permettere alle differenze religiose o culturali di dividerci e portarci a distruggere la pace". La parte meridionale del Paese è afflitta da scontri separatisti fra musulmani e buddisti. Nelle 3 province a maggioranza musulmana - Narathiwat, Yala e Pattani – le violenze hanno ucciso oltre 1.100 persone da gennaio.

In Thailandia il 95% dei 62 milioni di abitanti è buddista, il 4% musulmano e l'1% cristiano di varie confessioni. I cattolici sono meno di 300 mila.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo di Vasai: La Nostra Aetate è la via per “l’arte di vivere insieme” tra religioni diverse
29/10/2015
Il Papa: cristiani ed ebrei rafforzino la loro amicizia
27/10/2005
Il Papa agli ebrei: "no ad odio ed antisemitismo"
09/06/2005
Una commissione di inchiesta sulla tragedia di Takbai
03/11/2004
Orissa, 3mila fedeli al ritiro di Quaresima per il rinnovamento dello spirito
18/03/2017 11:50