16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/11/2005, 00.00

    THAILANDIA

    La Chiesa thailandese ricorda la "Nostra Aetate"

    Weena Kowitwanij

    Il dialogo interreligioso ma anche quello con l'intellighenzia culturale di ogni società "sono alla base della convivenza pacifica fra cattolici e buddisti".  

    Bangkok (AsiaNews) – I cattolici e la Chiesa in Thailandia "vivono in maniera serena ed armoniosa con la maggioranza buddista" perché "entrambi comprendiamo ed applichiamo gli insegnamenti alla base delle nostre fedi". Con queste parole il cardinale Michai Kitbunchu, arcivescovo di Bangkok, ha ricordato il 40° anniversario della promulgazione della dichiarazione conciliare Nostra Aetate.

    Il porporato ha ricordato ai fedeli "la necessità di un dialogo con i fedeli di religioni differenti" ed ha citato l'esempio del "Buddhataspikku", seguace fedele di Buddha, che una volta disse: "Noi, fedeli di ogni religione, possiamo vivere in pace nel momento in cui mettiamo in pratica gli insegnamenti delle nostre fedi".

    Padre Chusak Sirisudh, direttore del Centro ricerche su religione e cultura, sottolinea: "Il dialogo interreligioso non è l'unica missione della Chiesa thailandese, ma rientra nei 3 principali compiti delle Chiese asiatiche: il dialogo interreligioso; il dialogo con l'intellighenzia delle culture locali ed il dialogo con i poveri".

    P. Sirisudh spiega che "in un'ottica di scambio spirituale e di conversazione, i cristiani dovrebbero avere sempre l'umiltà e la gentilezza del loro Maestro e non porsi in maniera arrogante o provocatoria, per esaltare uno e mortificare un altro". "In un'ottica di sviluppo di relazioni positive fra fedeli di diverse religioni – aggiunge –dovremmo aprire i nostri cuori per ascoltare gli altri, rispettarli e cercare di capire cosa sia in disaccordo con i nostri dogmi, così come ordinato dal comandamento di Dio di amare i fratelli e le sorelle".

    "La situazione mondiale e quella del Sud della Thailandia – conclude – impongono un immediato ed efficiente dialogo fra le religioni. Non bisogna permettere alle differenze religiose o culturali di dividerci e portarci a distruggere la pace". La parte meridionale del Paese è afflitta da scontri separatisti fra musulmani e buddisti. Nelle 3 province a maggioranza musulmana - Narathiwat, Yala e Pattani – le violenze hanno ucciso oltre 1.100 persone da gennaio.

    In Thailandia il 95% dei 62 milioni di abitanti è buddista, il 4% musulmano e l'1% cristiano di varie confessioni. I cattolici sono meno di 300 mila.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/11/2005 Thailandia
    Thailandia, contro le violenze la Chiesa promuove il dialogo tra musulmani e buddisti

    Ad un seminario promosso dalla Commissione episcopale per il dialogo interreligioso e culturale uno studioso musulmano definisce le violenze nel Sud come "politiche, non religiose".



    22/12/2008 THAILANDIA
    Il Natale in Thailandia, occasione di dialogo interreligioso nelle scuole
    In un istituto cattolico di Yala, provincia a sud del Paese, cristiani, musulmani e buddisti condividono le celebrazioni natalizie. Esse rappresentano un momento di incontro e di superamento delle barriere, in una provincia il cui l’80% degli abitanti professa l’islam.

    22/12/2004 THAILANDIA
    Buddisti e non cristiani alla messa di Natale


    01/12/2004 THAILANDIA
    Il governatore di Bangkok alla messa per la pace nel sud


    03/11/2004 THAILANDIA
    Una commissione di inchiesta sulla tragedia di Takbai

    Le violenze del sud si ripercuotono su turismo e sicurezza dei paesi vicini.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®