17 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/04/2007
CINA - GIAPPONE
La Cina è ora il primo partner commerciale del Giappone
A marzo gli scambi tra i due Paesi hanno superato quelli di Tokyo con gli Stati Uniti. La vicinanza, l’interesse di Tokyo per il lavoro a basso costo e l’immenso mercato cinese e quello di Pechino per gli investimenti e gli impianti ecologici giapponesi, fanno prevedere una stabile “alleanza” commerciale.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha superato gli Stati Uniti come primo partner commerciale del Giappone. Analisti osservano che i rapporti tra le due potenze possono solo aumentare, considerati gli attuali buoni rapporti politici, dopo anni di contrasti.

Gli scambi bilaterali sono stati di 25,43 trilioni di yen (210 miliardi di dollari) dall’aprile 2006 al marzo 2007. La Cina insieme a Hong Kong aveva già superato gli Stati Uniti dal 2004, ma ora il dato è riferito alla sola Cina. Nel 2006 sono aumentate del 21,2% le esportazioni dal Giappone, specie per i componenti elettronici. Le importazioni dalla Cina sono salite del 13%, specie per gli indumenti.

Le relazioni tra i due Paesi sono state problematiche negli ultimi anni e sono migliorate solo nell’ottobre 2006 con la visita a Pechino del premier nipponico Shinzo Abe, seguita dal viaggio del premier Wen Jiabao a Tokyo questo mese.

Denis Kawan, esperto economico di Hong Kong, osserva che “le ditte giapponesi hanno trasferito in Cina i loro impianti ed ora vi esportano i semiconduttori o altri componenti dove sono assemblati nel prodotto finale e poi riportati in Giappone o venduti altrove”. “La Cina sta anche diventando il maggiore consumatore dei prodotti giapponesi. Le due economie sono sempre più interdipendenti”.

Esperti osservano che questa collaborazione economica può solo aumentare, anche perché Tokyo trae vantaggio dal basso costo del lavoro e dall’immenso mercato cinese, mentre Pechino ha necessità di investimenti esteri ma anche di fabbriche che non inquinino e il Giappone è leader nel settore. Si configura una vera alleanza commerciale, con reciproco vantaggio contro la concorrenza di Stati Uniti ed Europa.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/05/2007 COREA DEL SUD
Seoul vuole essere “perno di unione tra Europa, Usa e Asia”
di Theresa Kim Hwa-young
10/08/2011 CINA
La crisi mondiale non colpisce ancora l’export cinese, record a luglio
18/06/2008 CINA - STATI UNITI
Pechino promette un apprezzamento dello yuan, "a tempi appropriati"
17/06/2008 CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
19/06/2008 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate