03/06/2005, 00.00
CINA-NAZIONI UNITE
Invia ad un amico

La Cina dice no all'allargamento del Consiglio di sicurezza Onu

New York (AsiaNews/Agenzie) – Wang Guangya, ambasciatore cinese presso le Nazioni Unite, ha dichiarato oggi che Pechino si oppone all'ingresso permanente di Brasile, Germania, India e Giappone nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Wang ha chiarito che "la Cina si opporrà con forza qualora queste 4 nazioni – chiamate G4 – dovessero continuare a proporre la loro candidatura". Secondo Wang la proposta è "pericolosa", perché "distruggerebbe l'unità dell'Onu e distrarrebbe la discussione dalle necessarie riforme interne".

Il 16 maggio i G4 hanno emesso una bozza di risoluzione indirizzata all'Assemblea generale in cui propongono l'allargamento del Consiglio di sicurezza permanente fino a 25 membri, 10 in più del Consiglio attuale. Inoltre, di questi nuovi membri 6 dovrebbero avere la qualifica di membri permanenti, con diritto di veto identico a quello detenuto dai 5 membri permanenti: Gran Bretagna, Cina, Francia, Russia e Stati Uniti.  

Il G4 pensa di proporre la mozione all'Assemblea generale per la ratifica solo se avrà la certezza di ottenere il supporto dei 2/3 dei 191 membri Onu. La bozza non specifica quali paesi debbano essere i nuovi membri permanenti: propone solo che siano 2 paesi asiatici, 2 africani, 1 per l'Europa dell'Ovest e 1 per l'America latina.

La Cina ha più volte chiarito che "è fortemente contraria" all'ingresso del Giappone nel Consiglio di sicurezza a causa del "revisionismo storico" operato da Tokyo sul periodo della guerra sino-giapponese e della II guerra mondiale.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Usa e Cina: no all'allargamento del Consiglio di Sicurezza proposto dal G4
05/08/2005
Pyongyang contro le nuove sanzioni Onu. Dubbi sull’effettiva applicazione
02/12/2016 14:45
Pechino plaude la decisione Onu di inviare 26mila soldati in Darfur
02/08/2007
Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare
19/04/2006
Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica
06/03/2006