20 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/03/2006, 00.00

    Cina

    La Cina il buco nero della deforestazione asiatica



    Il mercato cinese importa oltre il 50 % del legname da Paesi dove viene tagliato illegalmente e dove la deforestazione distrugge la vita delle comunità "più povere del mondo".

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – La deforestazione illegale in tutta l'Asia trova nella Cina il suo canale principale e negli Stati Uniti, l'Unione Europea ed il Giappone i mercati chiave per prodotti e forniture in legno, che proviene da Paesi dove il fenomeno è diffuso ed i diritti umani ignorati.

    Lo denuncia un rapporto presentato oggi, 24 marzo, a Jakarta dal Forest Trends, dal Centro internazionale per la ricerca forestale e dal Centro per la politica agricola cinese. Il documento si intitola "La Cina ed il mercato globale per i prodotti forestali" ed è il frutto di cinque anni di ricerche.

    Secondo i dati raccolti, circa il 70 % di tutto il legname importato dalla Cina – il maggiore consumatore mondiale – viene convertito in mobili, pannelli di compensato ed altri prodotti lavorati, per  essere poi esportato. Negli ultimi 8 anni Pechino si è accaparrata il 33 % del mercato globale delle forniture e l'affare in crescita - raddoppiato dalla crescente domanda interna di carta e materiale ligneo - devasta le foreste di tutto il mondo e distrugge la vita delle comunità che vi abitano.

    "Sono molto pochi – dice Andy White, uno degli autori - i consumatori che capiscono che il prezzo basso pagato per questi prodotti è direttamente collegato allo sfruttamento di alcune fra le persone più povere della Terra".

    Il rapporto chiede al governo cinese di agire per rafforzare le riforme politiche interne relative al legname, migliorare la produttività e concentrarsi di più sulla protezione dell'ecosistema. Queste scelte potrebbero aiutare Pechino e tutta l'industria a ridurre l'appoggio all'importazione di legname, che aiuta la deforestazione illegale in altre nazioni. La Cina rappresenta infatti il destinatario di più del 50 % delle esportazioni di Paesi come la Papua Nuova Guinea, il Myanmar e l'Indonesia. Qui, l'80 % del mercato del legname è illegale: la mancanza di una politica per la protezione delle foreste ed una legislazione oscura sull'argomento peggiorano la situazione.

    Il documento prevede che "continuando di questo passo le foreste naturali in Indonesia spariranno in 10 anni e quelle della Papua in un periodo fra i 13 ed i 16 anni". La situazione in Myanmar "non è migliore, anzi potrebbe essere anche peggiore".

    Jakarta ha cercato di fermare le esportazioni illegali verso la Cina, un mercato stimato intorno ad 1 miliardo di dollari americani, mentre Pechino ha deciso di tassare la produzione di generi di lusso collegati al legname, come gli yacht.

    Il governo cinese ha aggiunto nche una speciale tassaa per le bacchette usa e getta in legno, usate in tutti i ristoranti del Paese: "Per la loro produzione - spiega il ministero cinese delle Finanze - si consumano ogni anno 1,3 milioni di metri cubi di legno. Questo esercita una pressione insostenibile sulle già provate risorse boschive del paese". Ma il tutto sembra essere una goccia nell'oceano.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/06/2006 MYANMAR - CINA
    Importazione illegale di legname dal Myanmar, Pechino tenta un giro di vite

    Ma il traffico illegale continua: i soldati fermano i trafficanti ma non li arrestano e li rilasciano dietro cauzione. Inoltre la sera i confini sono poco controllati.



    29/08/2005 CINA
    L'Unione europea costretta a importare più prodotti tessili dalla Cina

    Secondo il Commissario Mandelson è l'unica via per superare l'attuale crisi. Merci cinesi stipate nei magazzini alle frontiere e scaffali dei negozi europei vuoti. A rischio le vendite per Natale.



    28/09/2005 CINA
    Cina, il boom della produzione della carta distrugge le foreste in Asia

    Pechino si avvia a diventare la maggior produttrice mondiale nel settore cartaceo. Gli ambientalisti denunciano che la materia prima viene spesso procurata senza controllo o in modo vietato.



    10/11/2010 CINA
    Cresce a ottobre il surplus commerciale cinese verso l’estero
    Le esportazioni arrivano a 135,9 miliardi di dollari, le importazioni a 108,8 miliardi e sono inferiori al previsto. Ora al G 20 si prevedono fortissime pressioni per il riapprezzamento dello yuan, già annunciate dagli Usa. Ma Pechino si opporrà, preoccupata per inflazione e disoccupazione.

    27/09/2007 CINA - MYANMAR
    Pechino, l'alleato più prezioso della giunta militare
    La Cina è interessata ai ricchi giacimenti di gas, a un porto sull’Oceano Indiano, a oleodotti verso lo Yunnan, ma anche a un mercato per le proprie merci. In pochi anni un milione di cinesi ci si sono stabiliti in Myanmar. In cambio, Pechino “protegge” la giunta dall’Onu.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®