30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/03/2011, 00.00

    CINA

    La Cina spenderà 1.300 miliardi di yuan per frenare il caro-mattone



    Crescono ancora i prezzi delle case, nonostante le iniziative contrarie del governo. Pechino annuncia la costruzione di 10 milioni di nuove abitazioni destinate alle famiglie a basso reddito.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nel 2011 la Cina spenderà circa 1.300 miliardi di yuan (142,4 miliardi di euro) per costruire 10 milioni di appartamenti destinati a cittadini con basso reddito che non possono pagare i prezzi delle case, trascinati in alto da una speculazione selvaggia. Lo ha annunciato oggi Oi Ji, vice ministro per lo Sviluppo dell’Abitare e Urbano-Rurale, che si è scagliato contro gli speculatori, che hanno portato il mercato immobiliare a prezzi “irragionevoli”.

    “Il problema dei prezzi immobiliari – ha promesso – sarà risolto in modo graduale con l’esecuzione delle politiche del governo e maggiori responsabilità dei governi locali”. Peraltro le autorità pubbliche forniranno oltre 500 miliardi di yuan, mentre il resto sarà versato dalle ditte e dalle famiglie beneficiarie del programma. Inoltre ci saranno finanziamenti agevolati, sussidi ed esenzioni fiscali per chi si costruisce la propria casa.

    I prezzi delle case sono cresciuti a dicembre per il 19mo mese consecutivo, anche se esperti dicono che per febbraio si prevede nelle grandi città un ulteriore aumento medio di solo lo 0,5%, il minimo da agosto. Gli interventi del governo finora hanno avuto scarso impatto, come a gennaio l’aumento delle imposte minime per la seconda casa e l’introduzione di nuove tasse a Shanghai e Chongqing dove i prezzi sono maggiori. Gli stessi esperti sono divisi circa l’efficacia dell’attuale politica, tra chi prevede una prossima caduta dei prezzi e chi stima che continuerà la crescita, anche per la continua migrazione verso le grandi città.

    Nei giorni scorsi il premier Wen Jiabao, parlando all'Asemblea Nazionale del Popolo, aveva annunciato l’intenzione del governo di intervenire “con risolutezza” per controllare il mercato immobiliare e fermare la speculazione anche con “severe punizioni” contro le irregolarità e con una politica di crediti agevolati ed esenzioni fiscali.

    L’alto prezzo delle case, insieme con i continui aumenti di generi di consumo essenziali come gli alimenti, sta erodendo il reddito del ceto medio. Il governo teme l’esplodere di proteste per problemi sociali. Peraltro finora Pechino non è riuscita a frenare la speculazione nel mercato immobiliare: persino grandi ditte statali sono accusate di utilizzare una parte importante dei loro fondi per compiere simili speculazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2011 CINA
    Il crollo dell’economia della Cina
    Accelera l’inflazione, grandi banche cinesi perdono in borsa dopo che Moody’s ha detto che sono piene di “cattivi crediti”. Appare irreversibile la crisi del “boom economico” cinese. Esperti: occorre cambiare subito il modello di sviluppo, aumentando i diritti economici dei cittadini rispetto allo Stato.

    07/03/2011 CINA
    L’aumento del greggio costringerà Pechino ad attuare più giustizia sociale
    Il noto economista Andy Xie ritiene che le proteste del Nord Africa e l’aumento del costo del greggio causino gravi effetti sull’economia cinese, già in difficoltà. Per impedire sommosse, Pechino deve tutelare le esigenze delle classi minute, piuttosto che delle grandi aziende statali.

    12/03/2012 CINA
    Pechino, bilancia commerciale in rosso: il peggior deficit da 22 anni
    Il deficit di 31,5 miliardi di dollari Usa è quattro volte quello previsto. Lo yuan è stato deprezzato dello 0,5% in due mesi. Le importazioni di greggio e di minerali sono cresciuti per timore di un innalzamento dei prezzi internazionali. Si teme sempre la bolla speculativa per le proprietà. I prezzi delle case sono scesi del 25% dall'inizio dell'anno. Ma il prezzo per metro quadro è pari a cinque mesi di salario medio mensile.

    09/08/2011 CINA
    Nelle metropoli cinesi i posti auto costano più di un appartamento
    A Xian un posto auto costa quanto un appartamento di circa 70 metri quadrati. Ogni anno sono immatricolate molte più auto dei nuovi posteggi creati e la situazione peggiora. I costruttori ci speculano e il governo interviene in modo lento.

    21/10/2014 CINA
    Rallenta ancora l'economia cinese: la più bassa negli ultimi cinque anni
    Il Pil nel terzo trimestre è cresciuto del 7,3%. Per mantenere la crescita al 7,5 saranno necessari nuovi stimoli. La Banca di Cina programma iniezioni di prestiti per 200 miliardi e per 500 miliardi di yuan.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®