27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/05/2010, 00.00

    PAKISTAN

    La Corte di Lahore toglie il controverso oscuramento a Facebook



    Oggi ha tolto il bando al sito Facebook, previo il suo impegno a non trasmettere in Pakistan i contenuti ritenuti blasfemi. Ma continua il dibattito sulla legittimità dell’oscuramento, che divide personalità e popolazione.

    Lahore (AsiaNews/Agenzie) – L’Alta Corte di Giustizia di Lahore, presieduta dal giudice Ejaz Chaudhry, ha deciso oggi di sbloccare il popolare sito web Facebook, leader mondiale dei contatti sociali su internet, oscurato il 20 maggio per ordine dello stesso giudice.

    Il blocco era conseguito all’invito di alcuni utenti di Facebook di fare una Giornata per il disegno di Maometto, affinché ognuno esponesse sulla propria pagina internet un’immagine del profeta Maometto. Ma l’islam ritiene blasfema qualsiasi rappresentazione visiva di Maometto e in Pakistan ci sono state reazioni furenti, anche con proteste di piazza, pure per i già diffusi sentimenti antioccidentali. Le autorità sono subito intervenute per oscurare Facebook, come pure altri siti web come YouTube, Wikipedia, Flicker e circa 800 siti che avevano riportato materiale ritenuto blasfemo.

    YouTube è tornato accessibile il 24 maggio, per ordine del governo e il 27 maggio anche la Corte di Lahore aveva tolto il divieto. Per Facebook si è discussa invece oggi la denuncia presentata da alcuni avvocati islamici contro il sito. C’è stato un accordo tra Chaudhry Zulfigar, avvocato pakistano autore della denuncia, e Richard Holbrooke, inviato speciale Usa per Afghanistan e Pakistan, secondo il quale Facebook si impegna a non diffondere in Pakistan qualsiasi materia blasfemo.

    La questione comunque non è ancora definita e il tribunale ha fissato una nuova udienza per il 15 giugno. Facebook ha già bloccato l’accesso a tale pagina in India, che ha la 3° maggiore popolazione islamica nel mondo.

    Facebook è  il sito più popolare tra i 170 milioni di pakistani. Anche per questo nei giorni scorsi si è acceso nel Paese il dibattito circa la legittimità che il governo decida cosa i cittadini possono vedere.

    Molte le posizioni critiche, come il noto giornalista e studioso dei media Omar Alavi, che in un’intervista tv ha commentato che “siamo ancora dove eravamo nel 2002…. Occorre capire che non ci sarà abbastanza libertà su internet se l’industria internet pakistana non progredisce al livello di quella di altri Paesi”.

    Gli fa eco Sherry Rehman, parlamentare ed ex ministro federale per l’Informazione e la Radiodiffusione, che dice che viene così violata la libertà di 170 milioni di persone.

    Anche il ministro dell’Interno Rehman Malik ha commentato il 26 maggio che è sbagliato impedire l’accesso a interi siti web, seppure i contenuti blasfemi vadano censurati.

    Islamabad ha già oscurato You Tube nel 2008, per la presenza del trailer di un film che descrive il Corano, libro sacro islamico, come un testo fascista.

    Altri internauti sono invece indignati e ripetono che la libertà di espressione non significa poter offendere una qualsiasi religione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2010 BANGLADESH
    Dhaka, oscurato Facebook, dopo il diktat dei partiti islamici
    Manifestazione di piazza per protesta contro i siti web Facebook e You Tube, accusati di blasfemia contro il profeta Maometto. Il governo oscura Facebook, dopo che i partiti islamici avevano minacciato dure proteste di piazza.

    20/05/2010 PAKISTAN – ISLAM
    Pakistan: dopo Facebook, la legge sulla blasfemia blocca anche YouTube
    L’Autorità per le telecomunicazioni ha stabilito la chiusura del sito web che consente la condivisione di file video. Alla base della decisione, il trasferimento da Facebook a YouTube di materiale che offende il profeta Maometto. Oscurate anche alcune pagine di Wikipedia.

    19/05/2010 PAKISTAN – ISLAM
    Pakistan: Facebook oscurato dalla legge sulla blasfemia
    Un giudice ha disposto il blocco agli accessi fino al 31 maggio, perché il social network contiene una pagina che invita gli utenti a inserire caricature di Maometto. Per la blasfemia in Pakistan è prevista anche la pena di morte. Gli amministratori della pagina: gli estremisti “non ci possono togliere la libertà di pensiero”.

    14/09/2012 INDIA
    Film anti-islam, proteste in India. Gli imam richiamano alla calma
    Nel Jammu e Kashmir centinaia di musulmani hanno invaso le strade, bruciando bandiere israeliane e americane e chiedendo la rimozione della pellicola da Youtube. Leader religiosi islamici: “Protesta contro atto ignobile è un nostro diritto, ma no ad atti distruttivi. Cerchiamo la pace”.

    17/09/2012 INDONESIA
    Jakarta, violente proteste contro il film blasfemo su Maometto
    Oltre 1000 radicali islamici attaccano l'ambasciata Usa con bastoni, pietre e bombe molotov. A Medan del Nord, Bandung e Solo Distrutti diversi fast food, simbolo della cultura americana. A Jombang (Java orientale) giovani attivisti musulmani cristiani danno il via a un gruppo interreligioso per discutere la situazione e condannare le violenze.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®