22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/09/2015, 00.00

    VATICANO

    La Giornata di preghiera per la cura del creato nella basilica di san Pietro



    Papa Francesco presiede la Liturgia della parola nella Giornata da lui istituita in unità con la Chiesa ortodossa. Presenti rappresentanti di tutte le Chiese cristiane. Senza conversione del cuore a Dio “l’ecologia non ha speranze di successo”. San Francesco modello della cura del creato.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Rappresentanti ortodossi, anglicani e riformati,; cardinali, vescovi, corpo diplomatico e migliaia di fedeli hanno partecipato questo pomeriggio alle 17 alla Liturgia della Parola proposta da papa Francesco per celebrare la Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, indetta poche settimane fa in comunione con la Chiesa ortodossa che già da anni in questo giorno celebra tale Giornata.

    Per tale occasione, lo stesso Bartolomeo I, patriarca ecumenico di Costantinopoli, ha diffuso un Messaggio che si avvicina molto all’enciclica “Laudato sì” di papa Francesco.

    Durante la Liturgia della Parola, molto sobria (alcuni canti, due lettura bibliche, pochi addobbi), ha preso la parola p. Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa pontificia.

    Il frate francescano ha ripercorso alcuni temi trattati dal pontefice nell’enciclica: il “dominio” biblico dell’uomo sul creato non è sfruttamento asfissiante che produce la crisi ecologica, ma “custodia” e rispetto; senza conversione del cuore a Dio “l’ecologia non ha speranze di successo”; il primato della contemplazione permette di “possedere le cose senza accaparrarle” e condividendole con gli altri e le generazioni future.

    Il religioso ha anche raccontato di alcuni atteggiamenti di san Francesco, molto vicine ad alcune sensibilità “ecologiste”. “Quando i frati tagliano legna – ha citato -  proibisce loro di recidere del tutto l'albero, perché possa gettare nuovi germogli. E ordina che l'ortolano lasci incolti i confini attorno all'orto, affinché a suo tempo il verde delle erbe e lo splendore dei fiori cantino quanto è bello il Padre di tutto il creato. Vuole pure che nell'orto un’aiuola sia riservata alle erbe odorose e che producono fiori, perché richiamino a chi li osserva il ricordo della soavità eterna. Raccoglie perfino dalla strada i piccoli vermi, perché non siano calpestati, e alle api vuole che si somministri del miele e ottimo vino, affinché non muoiano di inedia nel rigore dell'inverno”. E questo non in nome di un’ideologia, ma per un “atteggiamento religioso” che “non è senza conseguenze pratiche e operative”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/09/2016 12:36:00 VATICANO
    Papa: Usiamo misericordia verso la nostra casa comune

    Messaggio di papa Francesco nella Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato. Esiste un peccato specifico contro l’ambiente, che produce conseguenze nefaste sui popoli. “Quando maltrattiamo la natura, maltrattiamo anche gli esseri umani”. Occorre cambiare lo stile di vita. Una nuova opera di misericordia corporale e spirituale: “la cura della casa comune”. La preghiera finale.



    26/08/2015 VATICANO
    Papa sulla preghiera: Dio è “la carezza che ci tiene in vita”
    All’udienza generale, papa Francesco spiega il valore della preghiera nella vita familiare. Riscoprire l’affetto per Dio. Egli non è solo “il grande Essere, l’Onnipotente che ha fatto ogni cosa, il Giudice che controlla ogni azione”. “Ci sono mamme e papà che potrebbero vincere il Nobel” perché in 24 ore fanno cose che avrebbero bisogno di 48 ore. “Il Vangelo letto e meditato in famiglia è come un pane buono che nutre il cuore di tutti”. L’appuntamento il primo settembre alle ore 17 in san Pietro per una liturgia della Parola nella Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, insieme agli ortodossi.

    01/09/2017 08:00:00 VATICANO-ORTODOSSI
    Papa Francesco e Bartolomeo: Messaggio congiunto per la cura del creato

    Il pontefice e il patriarca di Costantinopoli firmano insieme, per la prima volta, il Messaggio per la Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, fissata per il 1° settembre. La natura è vista non come un dono, ma come un possesso privato su cui spadroneggiare. “L’ambiente umano e quello naturale si stanno deteriorando insieme”. Il cambiamento climatico colpisce anzitutto i poveri. Occorre una responsabilità “condivisa”, “affidabile”, nella “solidarietà”.



    01/09/2017 08:51:00 INDIA – VATICANO
    Card. Gracias: appello ad una conversione ecologica, nella Giornata per la cura del creato

    Il porporato manda un messaggio in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato. Osservare questo giorno come un giorno di preghiera. Nella presente crisi ecologica, “porre la fiducia nel Signore”. Nel primo venerdì del mese, un appello a “stare insieme come famiglia”.



    30/08/2017 10:27:00 VATICANO
    Papa: Senza gioia non c’è evangelizzazione. L’appello per la cura del creato

    All’udienza generale papa Francesco parla dell’incontro con Gesù come fonte di gioia, di vocazione e di missione. Gesù “appare come un ‘incendiario’ dei cuori”.  “che giovinezza è una giovinezza soddisfatta, senza una domanda di senso? I giovani che non cercano nulla non sono giovani, sono invecchiati prima del tempo”. “Non diamo retta alle persone deluse e infelici”. Un Messaggio insieme al patriarca Bartolomeo I per chiedere a tutti di “assumere un atteggiamento rispettoso e responsabile verso il creato” e ai potenti di “ascoltare il grido della terra e il grido dei poveri, che più soffrono per gli squilibri ecologici.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®