28/05/2008, 00.00
CINA - VATICANO
Invia ad un amico

La Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina a Sheshan

di Zhang Yiming
Cattolici ufficiali e sotterranei hanno partecipato al pellegrinaggio, pur con le difficoltà imposte dal governo locale. Giornata memorabile. “Abbiamo rinnovato la nostra comunione con la Chiesa universale e con il Santo Padre”. Reportage d'eccezione con tutte le foto del pellegrinaggio.

Sheshan (AsiaNews) – Almeno 2500 persone hanno partecipato al pellegrinaggio alla Madonna di Sheshan in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta da Benedetto XVI. A causa di ostacoli posti dal governo locale, al pellegrinaggio hanno potuto prendere parte solo membri della diocesi di Shanghai, sebbene fossero presenti anche cattolici da altre diocesi, non solo della Chiesa ufficiale, ma anche della Chiesa sotterranea (non ufficiale).

“Nella devozione alla Madonna e all’invito del papa, ci siamo incontrati tutti qui”, ha detto un fedele.

Il pellegrinaggio si è svolto in diverse tappe. Di buon mattino, alle 7 migliaia di fedeli sono giunti a piedi alla base del colle dove sorge il santuario e alle 8 è cominciata l’ascesa, fra il suono delle campane e la banda dei seminaristi. Sotto la guida di mons. Giuseppe Xing Wenzhi, vescovo ausiliare di Shanghai, i sacerdoti, le suore e i fedeli hanno sostato a 3 postazioni, dove vi sono statue della Madre di Dio, di san Giuseppe e del sacro Cuore.

In ognuna delle soste mons. Xing ha sottolineato il valore di questa giornata, in cui “scopriamo che la Madonna protegge la Chiesa di Cina come una volta proteggeva suo Figlio Gesù”.

Il vescovo ha poi benedetto una copia della statua della Madonna di Sheshan, che è stata posizionata sotto un baldacchino e portata da alcuni giovani fino all’interno del santuario.

“Questo pellegrinaggio – ha detto un fedele - è come un simbolo della vita della Chiesa in Cina: la Madonna, il vescovo, i cristiani che camminano fra tante curve e momenti oscuri, fra alberi e foreste di bambù”. Durante il tragitto i fedeli hanno cantato e pregato il rosario.

Nella basilica, già piena di gente, p. Gao Chaopeng, insegnante del vicino seminario, ha tenuto un’omelia. Egli ha messo in luce l’interesse e l’amore del papa e di tutti i cristiani del mondo verso la Chiesa cinese. “Non siamo più orfani – ha detto - ma membri di famiglia della Chiesa univeraale… Dobbiamo offrire alla Madonna di Sheshan tutte le difficoltà della Chiesa in Cina”. Egli ha anche invitato i fedeli a pregare per le vittime del terremoto nel Sichuan.

Alla fine i fedeli hanno recitato insieme la preghiera scritta dal papa, stampata a cura della diocesi.

Verso le 10 mons. Xing ha presieduto la messa, alla presenza del vescovo Jin Luxian, concelebrata da un centinaio di sacerdoti. Alla fine della messa tutti hanno recitato ancora un volta la preghiera alla Madonna di Sheshan composta dal pontefice.

“Il 24 maggio 2008 – ha detto un cattolico sotterraneo - ha un valore importante per la Chiesa cinese. Mentre celebriamo la festa di Maria Aiuto dei cristiani, rinnoviamo anche la comunione con la Chiesa universale e la fedeltà al Santo Padre”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Chiesa in Cina si prepara alla Giornata di Preghiera in unione col papa
22/05/2008
Sheshan, migliaia di pellegrini per la Giornata di preghiera voluta dal papa
24/05/2012
A maggio, stretta delle autorità cinesi sul santuario mariano di Donglu
24/05/2012
Santa Sede: Formazione, riconciliazione, unità col Papa, priorità della Chiesa in Cina
25/03/2010
Sotto controllo la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera del papa è oscurata
25/05/2009