23 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2017, 11.53

    ISRAELE - PALESTINA

    La Pasqua dei cristiani di Gaza, fra divieti e paura del terrorismo



    Il racconto di p. Mario Da Silva, parroco di Gaza. Chiese semivuote per paura dopo gli attentati in Egitto. Ridotti i permessi per andare in pellegrinaggio a Gerusalemme. I cristiani a Gaza sono sempre di meno.

    Gaza (AsiaNews) – “La situazione è molto difficile, le celebrazioni pasquali non sono andate bene, fra i cristiani c’è stata tanta paura per via degli attentati in Egitto. In pochi sono venuti a messa, sia cattolici che ortodossi”. Lo racconta p. Mario Da Silva, sacerdote di origini brasiliane e responsabile della parrocchia latina della Sacra Famiglia nel territorio di Gaza: “Nella nostra chiesa c’erano solo circa 50 persone. A quanto so, gli ortodossi erano in 25”.

    A far paura è la presenza di gruppi attivi dello Stato islamico (Isis) nella Penisola del Sinai, che dista solo poche decine di chilometri dalla Striscia, e di cui è un recente esempio l’attacco nei pressi del monastero di santa Caterina.

    Nonostante la paura, “grazie a Dio” non ci sono stati incidenti, commenta p. Da Silva.

    L’atmosfera nella Striscia di Gaza è tesa a causa dei problemi sociali ed economici che affliggono la popolazione. I cristiani, circa 1300 in totale, “soffrono come tutti i palestinesi, a causa dei loro numerosi problemi”.

    Il sacerdote fa notare che a pesare sui festeggiamenti pasquali c’è stata la questione dei permessi mancati per andare a Gerusalemme: “Questo è il secondo anno che chiediamo allo Stato di Israele permessi per le famiglie, affinché possano andare in pellegrinaggio per le feste. Hanno due possibilità, a Pasqua e Natale, per poter uscire, visitare i luoghi santi. L’anno scorso siamo riusciti a mandare soprattutto giovani con meno di 35 anni. La cifra ufficiale era di 891 permessi, ma credo che il numero reale fosse di 800 persone. Era la prima volta che uscivano da Gaza”.

    Ma quest’anno, per Pasqua, la cifra si è ridotta in modo significativo: “Quella ufficiale è di 700, ma in verità sono stati molti di meno. Alcuni di questi permessi sono arrivati a persone morte, o che non sono più a Gaza. Oppure, sono stati dati ai genitori e non ai loro bambini piccoli, e viceversa”. Il numero di permessi “reali” si aggira intorno ai 500, “forse di meno”.

    Proprio qualche giorno prima della Pasqua, i cristiani della Terra Santa avevano sperato in una Gerusalemme aperta, a discapito dell’annuncio dell’esercito israeliano sulle misure restrittive per la sicurezza.

    La preoccupazione più grande per p. Da Silva è che la comunità cristiana sta scomparendo dalla Striscia. “Sono sempre di meno, quelli che riescono a uscire a volte non tornano. Cercano pace fuori di qui. E alle feste, la chiesa è sempre più vuota”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/04/2017 12:05:00 ISRAELE - PALESTINA
    Per Pasqua, i cristiani di Terra Santa chiedono una ‘Gerusalemme aperta’

    Sono iniziate le celebrazioni di Pasqua con la processione della Domenica delle Palme, in cui si è tenuto un minuto di silenzio per le vittime degli attentati in Egitto. Si prevede un’ondata di pellegrini, ma l’esercito israeliano annuncia una settimana di chiusura dei valichi.



    23/03/2016 12:18:00 ISRAELE - PALESTINA
    Per Pasqua, centinaia di cristiani di Gaza potranno recarsi a Gerusalemme

    Le autorità israeliane hanno concesso il permesso al 95% dei richiedenti. Alcuni fra i più giovani sono bloccati da almeno otto anni nella “prigione a cielo aperto”. Per la prima volta è stata la Chiesa cattolica ad occuparsi del rilascio dei permessi. Parroco di Gaza: "Lavorato da mattina a sera per preparare i documenti necessari". 



    11/07/2017 11:53:00 ISRAELE - PALESTINA
    Mons. Pizzaballa: cittadinanza, chiave per un nuovo modello di convivenza in Medio oriente

    A poco più di un anno dalla nomina, l’amministratore apostolico del Patriarcato di Gerusalemme dei latini traccia un bilancio del lavoro. Dal cambiamento drammatico in atto nella regione, al principio di unità e al contatto con il territorio, sono molti i nodi irrisolti. Fra gli elementi positivi la collaborazione del clero locale e l’accoglienza delle persone. Ma è ancora molto il lavoro da fare.

     



    24/03/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Gerusalemme: la Croce distrugge i muri della paura

    Conversazione con p. Pierbattista Pizzaballa, ofm, Custode di Terra Santa.



    27/10/2004 ISRAELE - PALESTINA
    Il parlamento israeliano approva il ritiro da Gaza




    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®