19 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/12/2008
RUSSIA
La Russia svaluta il rublo, costretta dal minor prezzo del petrolio
E’ la quinta svalutazione dall’11 novembre e gli esperti prevedono scenderà ancora entro l’anno. Il cambio risente anche della guerra in Georgia e della crisi globale che ha indotto gli stranieri a portare via investimenti per 200 miliardi di dollari.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) – La Russia svaluta il rublo per la quinta volta in un mese per allargare il tasso di cambio verso euro e dollaro Usa, dopo che per mesi ha ridotto le sue riserve valutarie per la precedente difesa del cambio.

Mosca è in difficoltà per la forte discesa del prezzo del petrolio: il greggio degli Urali, sua principale esportazione, è sceso a circa 40 dollari al barile, perdendo il 71% rispetto ai record di luglio. Inoltre il rublo ha subito gli effetti negativi della guerra in Georgia. La crisi finanziaria mondiale ha, poi, causato il ritiro di investimenti esteri per circa 200 miliardi di dollari.  Per difendere il valore di cambio del rublo, da agosto il Paese ha venduto circa il 27% delle sue riserve di valuta pregiata, riducendole agli attuali 161 miliardi di dollari.

Ora ci vogliono circa 36,7 rubli per un euro e 27,9 per un dollaro.

Esperti ritengono che sia “una scelta obbligata” e che Mosca dovrà lasciare la sua moneta indebolirsi ancora. A novembre ha perso il 4,8% del valore rispetto al paniere di riferimento delle banche centrali.

Esperti della Goldman Sachs stimano che le diminuzione del petrolio costringeranno il rublo a perdere un altro 25% nel 2009 e la Troika Dialog, più vecchia banca russa d’investimento, chiede una svalutazione del 20% nelle prossime settimane, magari nel periodo delle vacanze di Natale, quando l’attività finanziaria è minore. La banca italiana Unicredit prevede una diminuzione del 15% entro l’anno.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/01/2007 CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
17/06/2008 CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
07/08/2008 CINA - INDIA
Introdotti maggiori controlli per impedire speculazioni sullo yuan
03/07/2009 CINA
Al G8 la Cina spinge per una alternativa al dollaro
19/08/2008 GEORGIA – RUSSIA
Georgia, ancora nessun segno del ritiro delle truppe russe

In evidenza
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.
CINA-EU
Xi Jinping torna dall'Europa sazio di contratti e di silenzi
di Bernardo CervelleraIl presidente cinese ha firmato accordi per decine di miliardi di euro con Francia, Germania, Olanda, Belgio. Ma non ha mai voluto incontrare i giornalisti per una conferenza stampa. Al Collegio dell’Europa a Bruges, egli sogna una Via della Seta per un volume di commercio pari a 1000 miliardi. Ma mette in chiaro che in Cina il monopolio del potere rimane al Partito. Fine del sogno delle riforme politiche per la Cina. Ma gli internauti non sono d’accordo con lui.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate