02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/12/2008, 00.00

    RUSSIA

    La Russia svaluta il rublo, costretta dal minor prezzo del petrolio



    E’ la quinta svalutazione dall’11 novembre e gli esperti prevedono scenderà ancora entro l’anno. Il cambio risente anche della guerra in Georgia e della crisi globale che ha indotto gli stranieri a portare via investimenti per 200 miliardi di dollari.

    Mosca (AsiaNews/Agenzie) – La Russia svaluta il rublo per la quinta volta in un mese per allargare il tasso di cambio verso euro e dollaro Usa, dopo che per mesi ha ridotto le sue riserve valutarie per la precedente difesa del cambio.

    Mosca è in difficoltà per la forte discesa del prezzo del petrolio: il greggio degli Urali, sua principale esportazione, è sceso a circa 40 dollari al barile, perdendo il 71% rispetto ai record di luglio. Inoltre il rublo ha subito gli effetti negativi della guerra in Georgia. La crisi finanziaria mondiale ha, poi, causato il ritiro di investimenti esteri per circa 200 miliardi di dollari.  Per difendere il valore di cambio del rublo, da agosto il Paese ha venduto circa il 27% delle sue riserve di valuta pregiata, riducendole agli attuali 161 miliardi di dollari.

    Ora ci vogliono circa 36,7 rubli per un euro e 27,9 per un dollaro.

    Esperti ritengono che sia “una scelta obbligata” e che Mosca dovrà lasciare la sua moneta indebolirsi ancora. A novembre ha perso il 4,8% del valore rispetto al paniere di riferimento delle banche centrali.

    Esperti della Goldman Sachs stimano che le diminuzione del petrolio costringeranno il rublo a perdere un altro 25% nel 2009 e la Troika Dialog, più vecchia banca russa d’investimento, chiede una svalutazione del 20% nelle prossime settimane, magari nel periodo delle vacanze di Natale, quando l’attività finanziaria è minore. La banca italiana Unicredit prevede una diminuzione del 15% entro l’anno.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2007 CINA
    Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
    La Banca centrale annuncia l’obiettivo di una crescita di “solo” l’8% nel 2007, dopo quattro anni di crescita superiore al 10%. Pechino ha paura che possa espandersi l’inflazione. Prevista “maggiore flessibilità” per lo yuan, ma senza dire se ci sarà la rivalutazione molto chiesta dagli Stati Uniti.

    17/06/2008 CINA - STATI UNITI
    Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
    Si attendono risultati concreti in materia di accesso ai rispettivi mercati e commercio, ma si discuterà pure di energia e valuta. Intanto conclusi accordi per 13,6 miliardi tra ditte dei due Stati. La “discreta” insistenza di Pechino per far venire Bush alle Olimpiad. Yuan record sul dollaro.

    07/08/2008 CINA - INDIA
    Introdotti maggiori controlli per impedire speculazioni sullo yuan
    Maggiori poteri alle autorità di controllo e accertamenti sui pagamenti per contante. Esperti: causerà una minor crescita dello yuan sulle valute estere. Il problema per le economie emergenti, come l'India, di impedire manovre puramente speculative, che aumentano l’inflazione senza portare loro ricchezza.

    03/07/2009 CINA
    Al G8 la Cina spinge per una alternativa al dollaro
    Il presidente cinese Hu Jintao proporrà l’adozione di valute mondiali di riferimento. Esperti: Pechino non vuole davvero mutamenti immediati, perché ha riserve valutarie in moneta Usa per 1.500 miliardi di dollari.

    19/08/2008 GEORGIA – RUSSIA
    Georgia, ancora nessun segno del ritiro delle truppe russe
    Nonostante l’accordo sul progressivo rientro a partire dalle 12 di ieri, fonti di Tbilisi denunciano la presenza massiccia dell’esercito nemico sul proprio territorio. Putin ordina la chiusura dei confini fra i due Stati, mentre la diplomazia internazionale cerca una via per risolvere la crisi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®