4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/12/2008
RUSSIA
La Russia svaluta il rublo, costretta dal minor prezzo del petrolio
E’ la quinta svalutazione dall’11 novembre e gli esperti prevedono scenderà ancora entro l’anno. Il cambio risente anche della guerra in Georgia e della crisi globale che ha indotto gli stranieri a portare via investimenti per 200 miliardi di dollari.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) – La Russia svaluta il rublo per la quinta volta in un mese per allargare il tasso di cambio verso euro e dollaro Usa, dopo che per mesi ha ridotto le sue riserve valutarie per la precedente difesa del cambio.

Mosca è in difficoltà per la forte discesa del prezzo del petrolio: il greggio degli Urali, sua principale esportazione, è sceso a circa 40 dollari al barile, perdendo il 71% rispetto ai record di luglio. Inoltre il rublo ha subito gli effetti negativi della guerra in Georgia. La crisi finanziaria mondiale ha, poi, causato il ritiro di investimenti esteri per circa 200 miliardi di dollari.  Per difendere il valore di cambio del rublo, da agosto il Paese ha venduto circa il 27% delle sue riserve di valuta pregiata, riducendole agli attuali 161 miliardi di dollari.

Ora ci vogliono circa 36,7 rubli per un euro e 27,9 per un dollaro.

Esperti ritengono che sia “una scelta obbligata” e che Mosca dovrà lasciare la sua moneta indebolirsi ancora. A novembre ha perso il 4,8% del valore rispetto al paniere di riferimento delle banche centrali.

Esperti della Goldman Sachs stimano che le diminuzione del petrolio costringeranno il rublo a perdere un altro 25% nel 2009 e la Troika Dialog, più vecchia banca russa d’investimento, chiede una svalutazione del 20% nelle prossime settimane, magari nel periodo delle vacanze di Natale, quando l’attività finanziaria è minore. La banca italiana Unicredit prevede una diminuzione del 15% entro l’anno.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/01/2007 CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
17/06/2008 CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
07/08/2008 CINA - INDIA
Introdotti maggiori controlli per impedire speculazioni sullo yuan
03/07/2009 CINA
Al G8 la Cina spinge per una alternativa al dollaro
19/08/2008 GEORGIA – RUSSIA
Georgia, ancora nessun segno del ritiro delle truppe russe

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate