21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/07/2005
israele - vaticano
La Santa Sede risponde alle accuse pretestuose di Israele

La dichiarazione di Navarro Valls – Il farneticante  comunicato del Ministro israeliano degli Esteri.



Gerusalemme (AsiaNews) – Ieri sera dalle montagne di Les Combes (Valle d'Aostra), dove si trova il papa per un periodo di vacanza, il direttore della Sala stampa vaticana, Joaquin Navarro Valls, ha risposto con una dichiarazione scritta alle accuse del governo israeliano contro Benedetto XVI.

La protesta di Israele è dovuta al fatto che il papa domenica all'Angelus ha citato l'Egitto, la Turchia, l'Iraq e il Regno Unito fra i paesi colpiti negli ultimi giorni dal terrorismo e non Israele, colpito dieci giorni fa dall'attentato di Netanya.

Le accuse del governo israeliano sono state fatte anche con una protesta verbale presentata ieri convocando al Ministero degli Esteri il delegato apostolico di Gerusalemme, mons. Pietro Sambi.

"Sorprende – dice la dichiarazione della Santa Sede - che si sia voluta distorcere così pretestuosamente l'intenzione del Santo Padre, essendo ben noti i numerosissimi interventi della Chiesa, del magistero dei sommi pontefici e da ultimo del Papa Benedetto XVI a condanna di ogni forma di terrorismo, da qualsiasi parte  essa venga e contro chiunque sia rivolta"

Navarro fa anche ''presente che le parole di Benedetto XVI si  riferivano espressamente agli attentati di 'questi giorni'''. ''Ovviamente – ha aggiunto il portavoce vaticano - anche il grave attentato di Netanya dell'altra settimana, a cui si riferiscono i rilievi da parte israeliana, rientra nella generale condanna senza riserve del terrorismo".

Ieri il Ministero israeliano degli Esteri ha diramato una nota a tutti i giornali israeliani, in un attacco senza precedenti a papa Benedetto XVI. Presentiamo di seguito la nota. La traduzione dall'ebraico è a cura di AsiaNews):

"A: tutte le redazioni

L'ambasciatore del Vaticano è stato redarguito oggi 25 luglio al Ministero degli Esteri ed è stata espressa ira erso di lui a proposito delle parole di Benedetto XVI nel suo sermone di domenica 24 luglio, in cui egli ha condannato i recenti attacchi terroristici "avvenuti in varie nazioni, fra cui Egitto, Turchia, Iraq e Gran Bretagna", e in modo esplicito [egli] si è astenuto dal condannare il tremendo attacco terrorista avvenuto in Israele la scorsa settimana.

Azioni terroristiche che colpiscono ebrei in Israele – compreso l'attacco della settimana scora che ha causato la morte e il ferimento di molti adolescenti e bambini – sono stati spesso condannati dai leader dell'area illuminata [ sic! - ndr: probabile errore ortografico: forse si voleva dire "del mondo civile"]. Il deliberato silenzio di condanna di questo gesto da parte del papa grida fino al cielo; al di là della macchia morale che questo comporta, questa cosa non può non essere interpretata che come un dare legittimità agli attacchi terroristi contro Israele. Tale ruggente pretesa da parte del Papa che nulla è accaduto rafforza gli elementi estremisti che si oppongono alla pace e indebolisce i moderati.

Da questo nuovo Papa – che dall'inizio del suo pontificato ha sottolineato l'importanza che per lui hanno le relazioni della Chiesa con il popolo ebraico -  ci saremmo aspettati un comportamento diverso, specialmente quest'anno, 40 anni dopo la Dichiarazione 'Nostra Aetate'.

Noi ci aspettiamo ora che il nuovo Papa - che ha proposto il 'dialogo fra le tre religioni che riconoscono Abramo come loro padre' – condannerà l'attacco terrorista che ha crudelmente colpito gli ebrei allo stesso modo in cui egli ha condannato gli altri attentati terroristi".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/11/2003 vaticano - israele
Vergognose le dichiarazioni di Weisel sul Papa
26/07/2005 israele - vaticano
Attacco di Israele contro il papa: un polverone per abbandonare i dialoghi con la Santa Sede
di Arieh Cohen
25/07/2005 israele - vaticano
Ministro israeliano degli esteri attacca il papa Benedetto XVI in modo "violento e volgare"
di Arieh Cohen
30/11/2003 vaticano
Il Papa: grandi religioni per non violenza, riconciliazione, perdono
12/05/2009 VATICANO-ISRAELE
Papa: amicizia con gli ebrei, dialogo con l’islam e tutti insieme operare per la pace
di Franco Pisano / inviato
Articoli del dossier
ISRAELE – VATICANO
Funzionario israeliano a Washington per riparare la crisi Israele - Santa Sede
vaticano - israele
P. Jaeger: Israele –Santa Sede, una crisi profondissima, che Sharon può risolvere
vaticano-israele
Santa Sede: Israele, su Giovanni Paolo II non si può mistificare la storia
vaticano-israele
La Santa Sede: infondate e pretestuose le accuse israeliane a Giovanni Paolo II
israele - vaticano
Attacco di Israele contro il papa: un polverone per abbandonare i dialoghi con la Santa Sede
israele - vaticano
Ministro israeliano degli esteri attacca il papa Benedetto XVI in modo "violento e volgare"

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate