28 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/07/2005
israele - vaticano
La Santa Sede risponde alle accuse pretestuose di Israele

La dichiarazione di Navarro Valls – Il farneticante  comunicato del Ministro israeliano degli Esteri.



Gerusalemme (AsiaNews) – Ieri sera dalle montagne di Les Combes (Valle d'Aostra), dove si trova il papa per un periodo di vacanza, il direttore della Sala stampa vaticana, Joaquin Navarro Valls, ha risposto con una dichiarazione scritta alle accuse del governo israeliano contro Benedetto XVI.

La protesta di Israele è dovuta al fatto che il papa domenica all'Angelus ha citato l'Egitto, la Turchia, l'Iraq e il Regno Unito fra i paesi colpiti negli ultimi giorni dal terrorismo e non Israele, colpito dieci giorni fa dall'attentato di Netanya.

Le accuse del governo israeliano sono state fatte anche con una protesta verbale presentata ieri convocando al Ministero degli Esteri il delegato apostolico di Gerusalemme, mons. Pietro Sambi.

"Sorprende – dice la dichiarazione della Santa Sede - che si sia voluta distorcere così pretestuosamente l'intenzione del Santo Padre, essendo ben noti i numerosissimi interventi della Chiesa, del magistero dei sommi pontefici e da ultimo del Papa Benedetto XVI a condanna di ogni forma di terrorismo, da qualsiasi parte  essa venga e contro chiunque sia rivolta"

Navarro fa anche ''presente che le parole di Benedetto XVI si  riferivano espressamente agli attentati di 'questi giorni'''. ''Ovviamente – ha aggiunto il portavoce vaticano - anche il grave attentato di Netanya dell'altra settimana, a cui si riferiscono i rilievi da parte israeliana, rientra nella generale condanna senza riserve del terrorismo".

Ieri il Ministero israeliano degli Esteri ha diramato una nota a tutti i giornali israeliani, in un attacco senza precedenti a papa Benedetto XVI. Presentiamo di seguito la nota. La traduzione dall'ebraico è a cura di AsiaNews):

"A: tutte le redazioni

L'ambasciatore del Vaticano è stato redarguito oggi 25 luglio al Ministero degli Esteri ed è stata espressa ira erso di lui a proposito delle parole di Benedetto XVI nel suo sermone di domenica 24 luglio, in cui egli ha condannato i recenti attacchi terroristici "avvenuti in varie nazioni, fra cui Egitto, Turchia, Iraq e Gran Bretagna", e in modo esplicito [egli] si è astenuto dal condannare il tremendo attacco terrorista avvenuto in Israele la scorsa settimana.

Azioni terroristiche che colpiscono ebrei in Israele – compreso l'attacco della settimana scora che ha causato la morte e il ferimento di molti adolescenti e bambini – sono stati spesso condannati dai leader dell'area illuminata [ sic! - ndr: probabile errore ortografico: forse si voleva dire "del mondo civile"]. Il deliberato silenzio di condanna di questo gesto da parte del papa grida fino al cielo; al di là della macchia morale che questo comporta, questa cosa non può non essere interpretata che come un dare legittimità agli attacchi terroristi contro Israele. Tale ruggente pretesa da parte del Papa che nulla è accaduto rafforza gli elementi estremisti che si oppongono alla pace e indebolisce i moderati.

Da questo nuovo Papa – che dall'inizio del suo pontificato ha sottolineato l'importanza che per lui hanno le relazioni della Chiesa con il popolo ebraico -  ci saremmo aspettati un comportamento diverso, specialmente quest'anno, 40 anni dopo la Dichiarazione 'Nostra Aetate'.

Noi ci aspettiamo ora che il nuovo Papa - che ha proposto il 'dialogo fra le tre religioni che riconoscono Abramo come loro padre' – condannerà l'attacco terrorista che ha crudelmente colpito gli ebrei allo stesso modo in cui egli ha condannato gli altri attentati terroristi".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/11/2003 vaticano - israele
Vergognose le dichiarazioni di Weisel sul Papa
26/07/2005 israele - vaticano
Attacco di Israele contro il papa: un polverone per abbandonare i dialoghi con la Santa Sede
di Arieh Cohen
25/07/2005 israele - vaticano
Ministro israeliano degli esteri attacca il papa Benedetto XVI in modo "violento e volgare"
di Arieh Cohen
30/11/2003 vaticano
Il Papa: grandi religioni per non violenza, riconciliazione, perdono
12/05/2009 VATICANO-ISRAELE
Papa: amicizia con gli ebrei, dialogo con l’islam e tutti insieme operare per la pace
di Franco Pisano / inviato
Articoli del dossier
ISRAELE – VATICANO
Funzionario israeliano a Washington per riparare la crisi Israele - Santa Sede
vaticano - israele
P. Jaeger: Israele –Santa Sede, una crisi profondissima, che Sharon può risolvere
vaticano-israele
Santa Sede: Israele, su Giovanni Paolo II non si può mistificare la storia
vaticano-israele
La Santa Sede: infondate e pretestuose le accuse israeliane a Giovanni Paolo II
israele - vaticano
Attacco di Israele contro il papa: un polverone per abbandonare i dialoghi con la Santa Sede
israele - vaticano
Ministro israeliano degli esteri attacca il papa Benedetto XVI in modo "violento e volgare"

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate