19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/08/2017, 10.06

    LIBANO-SIRIA

    La cacciata di Daesh sui monti di Jurud segna l’inizio della fine della guerra in Siria

    Pierre Balanian

    L’esercito libanese - e dall’altra parte del confine, l’esercito siriano ed Hezbollah - hanno distrutto le basi dello Stato islamico tagliando le vie di comunicazione e di rifornimento in Siria. L’esercito libanese osannato come liberatore dalla popolazione. Il rispetto di Hezbollah per i prigionieri, jihadisti quasi per caso.

    Beirut (AsiaNews) –  I combattenti di Daesh sono ormai in trappola: l’esercito libanese ha iniziato ad avanzare nelle aeree montagnose di Jurud,  non lontano dal confine con la Siria. Dal’altra parte del confine è in corso in contemporanea un attacco dell’esercito siriano sostenuto dai combattenti di Hezbollah. Nella giornata di ieri l’artigliera dell’esercito libanese ha colpito le basi dei terroristi islamici di Daesh causando morti e feriti. Gli arteficieri hanno avanzato bonificando il terreno dalle mine disseminate prima del ritiro dei combattenti a Kehouf, ultimo rifugio rimasto loro in Libano.

    Davanti all’impossibilità di fuga i combattenti di Daesh hanno chiesto un cessate il fuogo che il commando militare ha rifiutato di concedere prima di ottenere informazioni inerenti agli ostaggi rapiti ad Ersal ed ancora in mano a Daesh.

    In un comunicato diffuso ieri dall’ufficio del Capo di Stato maggiore libanese si è parlato di “un successo veloce nell’esecuzione delle due fasi dell’operazione ‘Fajr el Jurud (Alba dei Jurud)’ e che l’esercito si prepara a passare alla terza ed ultima fase”.

    Con la liberazione del confine siriano con la Giordania, con l’Iraq ed ora con il Libano, si chiude al terrorismo islamico le vie di rifornimento in uomini e mezzi. Il loro indebolimento segna l’nizio della fine della guerra in Siria.

    Sempre ieri le truppe siriane con gli Hezbollah libanesi sono riusciti a liberare Kornet Shaabet Ekko ai confini col Libano, nel corso dell’operazione “Se tornate ritorneremo”, un’azione militare congiunta da ambo i lati del confine che vede una collaborazione di fatto fra Damasco e Beirut, per la prima volta dall’inizio della guerra in Siria. Fonti locali riferiscono di raid compiuti da parte dell’aviazione militare siriana - oltre 20 -  contro le basi  sull’altura di Halima Kara nella zona siriana dei Jurud di Kalamun occidentale. Fra le zone siriane liberate da Daesh vanno elencate le alture di Shaabat al Duab, Shaabat Beit, Shukr, oltre ai due valichi importanti per Daesh: quelli di Shams Tem el Mal e Kosseirah. Altre notizie provenienti dalla zona parlavano di un avanzamento dell’esercito siriano lungo la valle di Al Shahut ad ovest.

    La stampa libanese ha riportato con orgoglio il comportamento dei combattenti di Hezbollah verso i prigionieri di guerra di Daesh ai quali,  trattandoli con dignità, dicevano: “Il vostro onore non sarà violato; le vostre vite sono care come le nostre; noi siamo contro le ingiustizie”.

    In una nota emanata ieri dall’Ambasciata Usa a Beirut si legge che Washington è fiera dell’azione dell’esercito libanese che considera un “alleato nella lotta contro il terrorismo”.

    L’esercito libanese è stato accolto con molto calore dalla popolazione locale e la TV libanese ha trasmesso le immagini di donne della zona di Al Kaa e Ras Baalbeck che si sono unite per cucinare buoni cibi ai soldati al fronte, mentre un’associazione di giovani è stati creata disponendo giovani lungo il tragitto per il fronte, per offrire bottigliette d’acqua e frutta ai soldati diretti verso le zone di combattimento.

    Va notato che i combattenti di Daesh in questa zona sono diversi da quelli di Raqqa, Deir Ezzor o Mosul: si tratta di combattenti di varie fazioni nella miriade di miliziani in nome dell’Islam che dopo la fuga da Al Qusayr [dove nel 2013 si è tenuta una battaglia vinta dall’esercito siriano - ndr], hanno scelto di aderire a Daesh nella speranza che questi venisse in loro aiuto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/08/2017 10:27:00 LIBANO-SIRIA
    La resa di Daesh apre la polemica su chi li sosteneva

    Il Libano celebra la vittoria su Daesh: è il primo Paese della regione e del mondo ad essersi liberato in modo completo dall’organizzazione terrorista. Hassan Nasrallah chiede chi ha bloccato l’esercito dal combattere contro l’Isis. Le accuse all’ex presidente Suleiman.



    13/11/2015 LIBANO-SIRIA
    Lutto nazionale in Libano dopo l’attentato a Bourj el-Barajne
    Il doppio attentato, rivendicato dallo Stato islamico, ha fatto 43 morti e 239 feriti. L’obbiettivo era colpire gli “apostati” sciiti e gli Hezbollah, che appoggiano militarmente Bashar Assad. Il Mufti (sunnita): “Questo crimine ha colpito persone innocenti”. La condanna di Ban Ki-moon. I partiti libanesi spingono all’unità.

    12/03/2016 10:05:00 LIBANO - SIRIA
    Lo Stato islamico minaccia i cristiani del Libano ed Hezbollah. La Lega araba: Hezbollah sono “terroristi”

    In un video si spinge i cristiani libanesi a convertirsi all’islam; si spingono i sunniti a ribellarsi e a imporre la legge islamica al Paese dei Cedri; si condanna come terrorista il gruppo Hezbollah, impegnato in Siria a combattere al Nusra e lo Stato islamico. Lega araba e Paesi arabi del Golfo condannano anch’essi il “terrorismo” degli Hezbollah. Accuse a Riyadh di sostenere i gruppi fondamentalisti in Siria e Iraq. Iran: Non mettete a rischio la stabilità del Libano.



    04/07/2017 08:54:00 SIRIA
    Raqqa, offensiva anti-Isis: l’alleanza apre una breccia nelle mura della Città Vecchia

    Con il sostegno dei raid Usa, le Forze democratiche siriane creano un varco di 25 metri. L’obiettivo è accelerare le operazioni militari per strappare la roccaforte del Califfato. All’interno vi sono ancora 4mila jihadisti pronti a combattere. Onu: timore per la sorte dei civili, usati come scudi umani. 

     



    07/07/2017 08:53:00 SIRIA - STATI UNITI
    Raqqa, oltre 200 civili uccisi nei raid aerei della coalizione a guida Usa contro l’Isis

    Il bilancio è riferito all’ultimo mese, dall’ingresso delle forze arabo-curde nella roccaforte del Califfato. Fra le vittime vi sono anche 38 bambini e 28 donne. Portavoce della coalizione smentisce il dato e parla di “fonti singole, non affidabili”. Decine di migliaia di civili ancora intrappolati in e usati come scudi umani. 

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®