21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/09/2007
NEPAL
La caduta della monarchia indù libera i cattolici alla missione
di Kalpit Parajuli
Nel 1951 il re invitò i gesuiti a fondare una scuola nel Paese, ma con il divieto di fare attività missionaria. Ora il Nepal è uno Stato secolare e il divieto non vale più. Il vescovo del Nepal racconta progetti attuali e vecchie persecuzioni, come quando fu arrestato nel 1986.

Kathmandu (AsiaNews) – I cattolici del Nepal non ritengono più valide le imposizioni della monarchia ai gesuiti, ora che il Paese è uno Stato secolare e il re ha perso il suo potere. Il vescovo del Nepal  parla ad AsiaNews della situazione e delle iniziative della Chiesa.

L’accordo risale al 1951 quando, su invito di re Tribhuwan, la Società di Gesù fondò la scuola San Francesco Saverio a Kathmandu, dopo quasi due secoli di bando anticristiano. Ma il re permise solo l’opera di istruzione, con divieto di qualsiasi attività missionaria e di evangelizzazione. Divieto sempre rispettato dai Gesuiti, che a partire dal 1984 hanno fondato altre scuole nel Paese. Ma ora il Nepal non è più una monarchia indù e i decreti reali non sono più legge, per cui i cattolici sono liberi di svolgere ogni attività.

Mons. Anthony Sharma, dal 2007 primo vescovo del Nepal, dice ad AsiaNews che per anni “non ci è stato permesso di svolgere attività fuori dalla valle [di Kathmandu]”. “Ma ora la situazione è diversa e il re non può fermare le nostre attività. Noi preghiamo con le azioni, più che con la bocca. La gente si unisce a noi vedendo quello che facciamo”.

Nato a Kathmandu nel 1937, primo sacerdote gesuita nepalese dal 1968, il prelato ricorda le recenti persecuzioni. Come quando a Biratnagar (Nepal orientale) nel 1986 la polizia segreta lo ha arrestato durante la Messa di Pasqua con l’accusa di avere pregato insieme a non cattolici. Alla funzione erano presenti i parenti non battezzati di alcuni cattolici e ci vollero ore per chiarire l’equivoco. Negli anni ’70 e ’80 ci sono stati continui arresti e condanne anche ad anni di carcere contro chi si è convertito al cristianesimo o è stato soltanto sorpreso a leggere la Bibbia.

Mons. Sharma, comunque, ribadisce che “è solo Dio che invita a entrare a lavorare nel Suo campo e ognuno è libero di rispondere alla grazia di Dio. E’ lui che fa tutto, non noi”. Ricorda che, durante un incontro in Francia cui ha partecipato, molti leader cattolici provenienti da varie parti del mondo hanno chiesto al Vaticano di “pubblicare un codice di condotta per guidarci nelle azioni e comportamenti finalizzati alla conversione", così da non incorrere nelle accuse di proselitismo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/05/2007 NEPAL
Ordinato il primo vescovo nepalese
di Prakash Dubey, Kalpit Parajuli
23/08/2008 NEPAL
Nasce una “organizzazione madre” per guidare la missione dei giovani cattolici in Nepal
di Kalpit Parajuli
31/07/2008 NEPAL
Dopo la morte di p. Prakash, minacce ed estorsioni a cattolici nepalesi
di Kalpit Parajuli
18/02/2008 NEPAL
Il governo riconosce le scuole religiose musulmane e buddiste
di Kalpit Parajuli
07/11/2008 NEPAL – BHUTAN
Nepal, rifugiati bhutanesi chiedono al nuovo re la fine dell’esilio
di Kalpit Parajuli

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate