23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/09/2007
NEPAL
La caduta della monarchia indù libera i cattolici alla missione
di Kalpit Parajuli
Nel 1951 il re invitò i gesuiti a fondare una scuola nel Paese, ma con il divieto di fare attività missionaria. Ora il Nepal è uno Stato secolare e il divieto non vale più. Il vescovo del Nepal racconta progetti attuali e vecchie persecuzioni, come quando fu arrestato nel 1986.

Kathmandu (AsiaNews) – I cattolici del Nepal non ritengono più valide le imposizioni della monarchia ai gesuiti, ora che il Paese è uno Stato secolare e il re ha perso il suo potere. Il vescovo del Nepal  parla ad AsiaNews della situazione e delle iniziative della Chiesa.

L’accordo risale al 1951 quando, su invito di re Tribhuwan, la Società di Gesù fondò la scuola San Francesco Saverio a Kathmandu, dopo quasi due secoli di bando anticristiano. Ma il re permise solo l’opera di istruzione, con divieto di qualsiasi attività missionaria e di evangelizzazione. Divieto sempre rispettato dai Gesuiti, che a partire dal 1984 hanno fondato altre scuole nel Paese. Ma ora il Nepal non è più una monarchia indù e i decreti reali non sono più legge, per cui i cattolici sono liberi di svolgere ogni attività.

Mons. Anthony Sharma, dal 2007 primo vescovo del Nepal, dice ad AsiaNews che per anni “non ci è stato permesso di svolgere attività fuori dalla valle [di Kathmandu]”. “Ma ora la situazione è diversa e il re non può fermare le nostre attività. Noi preghiamo con le azioni, più che con la bocca. La gente si unisce a noi vedendo quello che facciamo”.

Nato a Kathmandu nel 1937, primo sacerdote gesuita nepalese dal 1968, il prelato ricorda le recenti persecuzioni. Come quando a Biratnagar (Nepal orientale) nel 1986 la polizia segreta lo ha arrestato durante la Messa di Pasqua con l’accusa di avere pregato insieme a non cattolici. Alla funzione erano presenti i parenti non battezzati di alcuni cattolici e ci vollero ore per chiarire l’equivoco. Negli anni ’70 e ’80 ci sono stati continui arresti e condanne anche ad anni di carcere contro chi si è convertito al cristianesimo o è stato soltanto sorpreso a leggere la Bibbia.

Mons. Sharma, comunque, ribadisce che “è solo Dio che invita a entrare a lavorare nel Suo campo e ognuno è libero di rispondere alla grazia di Dio. E’ lui che fa tutto, non noi”. Ricorda che, durante un incontro in Francia cui ha partecipato, molti leader cattolici provenienti da varie parti del mondo hanno chiesto al Vaticano di “pubblicare un codice di condotta per guidarci nelle azioni e comportamenti finalizzati alla conversione", così da non incorrere nelle accuse di proselitismo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/05/2007 NEPAL
Ordinato il primo vescovo nepalese
di Prakash Dubey, Kalpit Parajuli
23/08/2008 NEPAL
Nasce una “organizzazione madre” per guidare la missione dei giovani cattolici in Nepal
di Kalpit Parajuli
31/07/2008 NEPAL
Dopo la morte di p. Prakash, minacce ed estorsioni a cattolici nepalesi
di Kalpit Parajuli
18/02/2008 NEPAL
Il governo riconosce le scuole religiose musulmane e buddiste
di Kalpit Parajuli
07/11/2008 NEPAL – BHUTAN
Nepal, rifugiati bhutanesi chiedono al nuovo re la fine dell’esilio
di Kalpit Parajuli

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate