28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/09/2004, 00.00

    indonesia

    La chiesa indonesiana: "Tutta la società unita contro il terrorismo"



    L'attacco all'ambasciata australiana accade alla vigilia del ballottaggio per la presidenza in Indonesia e a un mese dalle elezioni in Australia.

    Jakarta (AsiaNews/Ucan) - "Un'azione contro la civiltà comune": così p. Ignatius Ismartono, portavoce della Conferenza episcopale indonesiana, ha definito l'attentato di ieri mattina all'ambasciata australiana di Jakarta. "Potremo mettere fine alla violenza del terrorismo solo se molte persone, di tutte le tendenze politiche, si uniranno per sconfiggere i terroristi" ha detto il Ismartono. "Speriamo che le forze di polizia possano combattere i terroristi in modo da avere un ballottaggio presidenziale" ha affermato Theophilus Bela, segretario generale del Forum cristiano di Jakarta

    L'attentato ha causato 9 morti e 180 feriti, di cui 10 in gravi condizioni. Su un sito internet islamico si trova una rivendicazione dell'organizzazione terroristica Jemaah Islamiyah (JI), il gruppo terroristico affiliato ad Al Qaeda: "Abbiamo deciso di punire l'Australia che consideriamo uno dei peggiori nemici dell'islam" si legge nel comunicato. "Un mujahedeen è stato capace di compiere un'azione suicida con un'autobomba contro l'ambasciata". Gli investigatori stanno verificando l'autenticità del messaggio.

    Il capo della polizia indonesiana Dai Bachtiar ha affermato che l'attentato potrebbe essere opera della JI. Due terroristi malaysiani della JI, Noordin Mohammad Top e Azahari Husin, sono sospettati di essere le menti dell'attacco. Firman Gani, capo della polizia di Jakarta, ha detto che la modalità dell'attentato (3 kamikaze a bordo di un'autobomba) è molto simile alla strage dell'hotel Mariott, dell'agosto 2003, attribuiti ai 2 malaysiani. "Dalle analisi sul luogo si può presumere che gli attentatori siano stato reclutati da Noordin e Azahari" ha detto il funzionario di polizia. Gani ha riferito che gli attentatori hanno usato un auto per abbattere le barriere di difesa intorno all'edificio dell'ambasciata così da causare uno scoppio ancora più violento. Nessun dipendente dell'ambasciata australiana è stato ferito. Il primo ministro australiano Johan Howard ha affermato che i terroristi non detteranno la politica estera del Paese. "Se uno Stato inizia a fare questo, perde il controllo sul suo futuro" ha detto Howard. Il prossimo 9 ottobre si terranno le elezioni in Australia, dominate dal tema dell'impegno di 2 mila soldati australiani in Iraq a fianco degli Stati uniti.

    Il presidente Megawati e il suo rivale alle elezioni, Susilo Bambang Yudhoyono si sono intrattenuti alcuni minuti con i feriti negli ospedali cittadini. Il capo delle forze armate Endriartono Sutarto non ha rilasciato commenti sul possibile caos che potrebbe nascere in occasione del ballottaggio presidenziale del 20 settembre: "Lasciate che le autorità di polizia svolgano le loro indagini" ha detto Sutarto. (MH-LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/10/2004 INDONESIA
    Con oltre il 60% dei voti Susilo è presidente dell'Indonesia
    Entro stasera i risultati ufficiali del ballottaggio

    13/09/2004 INDONESIA
    Elezioni presidenziali compromesse dall'attentato
    Mons. Ranjith, Nunzio a Jakarta: "Contro l'odio occorre più dialogo fra le comunità religiose".

    22/11/2006 INDONESIA
    Ergastolo all'uomo che nascondeva il terrorista super ricercato Noordin Top

    Subur Sugiyarto aveva assicurato rifugio per due mesi al terrorista più pericoloso del sud-est asiatico. I giudici lo hanno trovato colpevole anche di "sfruttare degli insegnamenti dell'islam a scopi politici".



    19/10/2005 INDONESIA - USA
    Gli Usa consegneranno a Jakarta il terrorista Hambali

    Arrestato dalla Cia nel 2003 è ritenuto ai vertici della Jemaah Islamiyah e più alto esponente di al Qaeda nel sud est asiatico. Washington non lo ha mai estradato, ma ora la situazione in Indonesia sembra cambiata.



    09/09/2004 indonesia
    Bomba all'ambasciata australiana: 8 morti e 100 feriti




    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®