18/04/2006, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

La chiesa vietnamita incrementa le attività a sostegno dei bisognosi

di JB. VU

Nel periodo pasquale tutte le risorse economiche sono state utilizzate per organizzare attività a favore di anziani, malati, e bambini bisognosi. Le iniziative si sono svolte alla cattedrale di Notre Dame di Ho Chi Minh City.

Ho Chi Minh City (AsiaNews) - Durante il periodo pasquale sono state organizzate alla cattedrale di Notre Dame di Ho Chi Minh City una serie di attività a favore delle persone bisognose. Tutte le risorse economiche sono state utilizzate per programmi a favore di anziani, malati, bambini ciechi o abbandonati per strada.

Una signora di nome Hang ha accolto nella sua casa alcuni malati terminali di Aids e li aiuta a essere sereni ed in pace con Dio. Ma "anche i giovani delle parrocchie del distretto di Gia Dinh hanno organizzato attività pratiche in occasione della Pasqua", dichiara ad AsiaNews padre Joseph Tran, della Congregazione De La Salle. "Hanno fumato di meno per risparmiare e avere fondi da utilizzare per aiutare i bambini meno fortunati delle parrocchie. Hanno visitato gli anziani soli ed abbandonati e hanno parlato con loro".

Madre Bich Lien organizza attività a sostegno di 25 bambini che vivevano per strada. Racconta che molti di loro provengono da famiglie non cattoliche, e che hanno avuto l'occasione di festeggiare la Pasqua ed essere felici grazie alla loro seconda famiglia.

"Aiutiamo oltre 200 bambini orfani", aggiunge ad AsiaNews Hue Tri, una buddista. "Non hanno i genitori  o non sanno chi sono i loro genitori. Ogni anno il Natale e la Pasqua rappresentano per loro la felicità. Partecipano inoltre ad attività sociali, fanno attività di carità e lavori sociali utili alla città".

Suor Tha, della congregazione Adoratori della Santa Croce, è specializzata nel lavoro sociale. "La parrocchia di Binh Hung porta avanti molte attività sociali", dichiara. "Oltre 1000 fra cattolici, non cattolici e anche non credenti lavorano insieme con un unico fine".

Dalla Pasqua di quest'anno la parrocchia ha dato inizio ad un programma per emigranti, bambini e poveri. I giovani insegnano il catechismo ai bambini e organizzano attività pastorali e sociali per i genitori. Un giovane della parrocchia di Binh An dice che "dalla Pasqua ci focalizziamo su attività pratiche per giovani e bambini meno fortunati". Un'insegnante cattolica della parrocchia aggiunge: "Insegno a 16 ragazzini figli di pescatori, dai 12 ai 16 anni. Ora sono in grado di studiare la matematica e il vietnamita. È importante che abbiano imparato a leggere e scrivere: possono così studiare il catechismo ed avere la forza dello Spirito Santo".

Un francescano che partecipa alle attività aggiunge che "questa Pasqua è stata santa. Circa 500 persone di diverse etnie hanno condiviso credenze e felicità. La combinazione di tradizioni diverse, la preghiera e il canto, mi hanno fatto vedere la vittoria di Gesù".

Ad Ho Chi Minh c'è grande partecipazione nelle chiese. Le celebrazioni sono affollate, e molte volte i laici sono costretti a partecipare alla messa fuori, dal cortile.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cattolici vietnamiti: 300 mila bambini ciechi attendono qualche politica sociale
15/11/2006
La Madonna del Carmelo, l’incontro con Gesù ‘nella carne sofferente dei nostri fratelli e sorelle’
18/07/2017 11:40
Papa: ‘Guardare in faccia i più bisognosi, ecco cosa ci rende cristiani’
07/08/2013
Pakistan, l'aiuto dei più poveri per le vittime del terremoto
24/10/2005
Oltre 7mila fedeli insieme per riflettere sulla compassione divina
28/03/2008