30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/04/2014, 00.00

    INDIA

    La conversione di Dharmesh e Asha: Cristo ha liberato la nostra famiglia

    Dharmesh Rami

    Quarant'anni, di etnia gujarati e di religione indù, nella vita di Dharmesh conta solo il denaro e la sicurezza a tutti i costi. Quando la moglie lo lascia portando via anche il loro bambino, l'uomo si sente "un fallito, un nessuno, un niente assoluto". Le risposte e la pace che cerca non le trova nei santoni, ma "in Gesù, nel suo amore, nel suo essere venuto per darci la vita e sanare le nostre ferite attraverso il suo sangue".

    Mumbai (AsiaNews) - "Gesù ha liberato la mia famiglia. Cristo ci ha salvati, richiamandoci dalla nostra confusione, dalla nostra miseria e dal nostro amore per il denaro". Così Dharmesh Rami, 40enne indù originario del Gujarat, racconta ad AsiaNews la sua storia e del perché ha deciso - insieme a sua moglie Asha - di diventare cristiano. Una vita dedicata per lungo tempo al guadagno facile, fino a quando non si è ritrovato "schiavo del denaro, ottenuto con ogni mezzo a disposizione" e con un matrimonio scosso "da discussioni quotidiane, amarezza, accuse e sospetti". Poi, grazie a un ritiro spirituale si sente "per la prima volta in pace": coinvolge Asha nella sua scoperta, iniziano il cammino di conversione, e il prossimo 19 aprile - veglia di Pasqua - riceveranno il battesimo. (Traduzione a cura di AsiaNews)

    Ho 40 anni e sono un indù di etnia gujarati. Da piccolo vivevo in un quartiere di Mumbai abitato per lo più da cattolici. Una mia vicina di casa era cattolica e mi trattava come un suo fratello minore. Spesso mi portava con sé in chiesa.

    Da ragazzo e poi anche da adulto il mio solo obiettivo era guadagnare e avere una sicurezza economica. Ero pronto a fare qualunque cosa per "fare soldi", anche se con mezzi non etici. In pochi anni ho conquistato una solidità economica, ma senza "etica": ero schiavo del denaro, e l'unica preoccupazione della mia vita era farne sempre di più con ogni mezzo a disposizione.

    Il mio matrimonio con Asha è stato combinato dai miei genitori, e nel giro di un anno siamo stati benedetti dall'arrivo di un figlio maschio. La nostra unione era scossa da discussioni quotidiane, amarezza, accuse e sospetti. Per 13 anni la nostra vita matrimoniale è stata solo infelicità, insoddisfazione e litigi. A volte è caduto anche nella "magia nera". Poi il matrimonio è finito: Asha ha preso nostro figlio ed è tornata a casa di sua madre.

    Mi sentivo un fallito, un nessuno, un niente assoluto. Ho iniziato a cercare pace e risposte per la mia vita, e mi sono avvicinato a molti "babas" [santoni, ndr] e ad altri uomini di Dio. La mia vita era vuota e senza alcun senso, anche i miei soldi non riuscivano a soddisfare la profonda infelicità e tristezza che provavo.

    Ero disperato e ho condiviso la mia infelicità con la mia amica d'infanzia. Lei mi consigliò di partecipare a un ritiro di cinque giorni, guidato da un evangelista pentecostale. Per la prima volta dal mio matrimonio mi sono sentito in pace, è stato un momento di straordinaria grazia. Mi sentivo pieno di speranza: volevo che anche mia moglie Asha - il cui nome significa "speranza" - provasse quella pace. Quei cinque giorni erano stati i più felici degli ultimi 13 anni della mia vita.

    Sono andato ad Ahmedabad (Gujarat) e ho riportato mia moglie e mio figlio a casa. Ho condiviso con lei la mia gioia, e lei ha detto che il mio viso era raggiante di felicità. Su consiglio della mia amica, il 2 febbraio 2013 con la mia famiglia abbiamo fatto un ritiro al Tabor Ashram. Il predicatore ha parlato di Gesù, del suo amore, e del fatto che Cristo è venuto per darci la vita e sanare le nostre ferite attraverso il suo sangue. Asha era scossa fino alle lacrime, sentiva la guarigione di Gesù agire: il suo dolore, la sua solitudine, la sua disperazione e la sua angoscia svanirono e si sentì pervadere dalla pace.

    Asha si sentiva chiamata ad accettare Gesù come Dio che salva, ama, cura e dà la vita. Io sentivo lo stesso.

    Nel giugno 2013 ci siamo iscritti al Rito dell'iniziazione cristiana degli adulti (Rica) e abbiamo iniziato il nostro cammino di fede. Mio figlio segue un corso domenicale a Malad, e tutti insieme stiamo aspettando con gioia e speranza la vigilia di Pasqua, quando vivremo con la Sua grazia e il suo amore.

    Ho sistemato i miei affari e ora guadagno un salario onesto.

    Quando mia madre ha saputo che mi stavo preparando per ricevere il battesimo ha cercato di dissuadermi, arrivando a dirmi che mi avrebbe escluso dall'eredità. Ma Gesù ha liberato la mia famiglia. Cristo ci ha salvati, richiamandoci dalla nostra confusione, dalla nostra miseria e dal nostro amore per il denaro. Le minacce di essere diseredato non hanno fermato la mia decisione, ma anzi mi hanno rafforzato. Perché Gesù diceva: "Non di solo pane vive l'uomo".

     

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/04/2007 INDIA
    Vescovo di Hyderabad: la persecuzione ci rende più saldi nella fede
    Nell’Andhra Pradesh i cristiani sono circondati da un continuo e diffuso sospetto, con minacce e violenze fisiche da parte di estremisti indù. Mons. Joji racconta la situazione e conclude: la persecuzione rende i credenti più uniti tra loro e verso la Chiesa.

    04/05/2015 INDIA
    Madhya Pradesh: governo cancella un raduno cristiano per “questioni di ordine pubblico”
    Secondo le autorità del distretto, l’evento organizzato dalla comunità pentecostale ha attirato troppe persone. “Sono liberi di tenere piccoli incontri di preghiera nella chiesa locale, non grandi funzioni”. Global Council of Indian Christians: “È una scusa, i radicali indù attaccano anche i cristiani che pregano in casa propria”.

    27/08/2010 INDIA
    Kandhamal: ucciso ex leader indù convertito al cristianesimo
    Il corpo di Biskesan Pradhan è stato trovato questa mattina dalla polizia nei pressi di Tiangia (Orissa), villaggio colpito dai pogrom anticristiani del 2008. Ex leader di un’organizzazione estremista indù, l’uomo si era convertito al cristianesimo tre anni fa e frequentava la Chiesa battista. Cristiani dell’Orissa denunciano continui casi di conversioni forzate da parte degli estremisti indù.

    30/03/2015 INDIA
    La conversione di Rupali, un seme che porterà i suoi frutti a Pasqua
    Nata da una famiglia indù, la giovane ha sempre avuto “molte domande su Dio, ma nessuno mi dava risposte”. Il suo interesse per il cristianesimo cresce con l’incontro di un collega cattolico, che inizia a parlarle di Cristo e a farle leggere la Bibbia. Oggi sono fidanzati, e dopo un cammino di catecumenato è pronta a ricevere il battesimo e la prima comunione. “Ho imparato che tutti devono portare la propria croce, ma non bisogna mai sentirsi smarriti, perché Dio ci dà il coraggio e la forza per affrontarla”.

    05/08/2014 INDIA
    India, ragazza indù stuprata e costretta a convertirsi all'islam
    La giovane, 20 anni, è riuscita a fuggire e ha denunciato tutto alla polizia, con l'aiuto della famiglia. Tra gli aggressori anche l'imam di una madrassa (scuola coranica) dove la studentessa lavorava part-time come insegnante. Leader cristiano ad AsiaNews: "Fatto increscioso e allarmante".



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®