1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
GIAPPONE
La crisi dell'euro (e della Cina) affossa l'export del Giappone
Il commercio con la Ue è sceso del 25,1% in un anno; quello con la Cina dell'11,9%. In un anno l'export con gli Usa è salito solo del 4,7%. Nel Paese è bassa anche la domanda interna, a causa della lenta ricostruzione post-tsunami.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - Le esportazioni del Giappone sono calate in modo drastico nel mese di luglio, colpite dalla crisi dell'Europa e dal rallentamento dell'economia cinese e statunitense.

In un anno l'export del Paese del Sol levante è sceso dell'8,1%. Quello verso l'Unione europea è sceso del 25,1%, segnando l'abbassamento più forte dal 2009, quando a causa della crisi dei crediti subprime scoppiata negli Usa, il commercio era sceso del 29%.

L'export verso la Cina - il primo partner commerciale del Giappone - è sceso dell'11,9% in un anno, segnato soprattutto dalla riduzione nel commercio di semiconduttori, elettronica e ricambi per auto.

Un altro segno preoccupante è che l'export verso gli Usa è salito solo del 4,7% rispetto a un anno fa.

Alla riduzione della domanda internazionale, si aggiunge pure la difficoltà di far salire la domanda interna in un Paese ancora segnato dalle conseguenze dello tsunami e dalla lenta ricostruzione.

Il ministero nipponico delle finanze ha comunicato che il deficit commerciale del Giappone è salito a 517,4 miliardi di yen (5,23 miliardi di euro).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/12/2011 GIAPPONE – UE
Crisi in Europa, il Giappone perde fiducia nei mercati
22/12/2008 GIAPPONE
Crollano le esportazioni giapponesi, cresce il deficit nel commercio
11/10/2013 CINA- EU
Lo yuan sempre più internazionale: scambi di valuta con la Banca centrale europea
21/12/2010 CINA - UE
La Cina “preoccupata” è pronta a sostenere la crisi del debito Ue
21/06/2012 CINA - UNIONE EUROPEA
Wei Jingsheng: L'Occidente smetta di barattare i diritti umani in Cina con il commercio
di Wei Jingsheng

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate