Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/01/2010, 00.00

    VIETNAM

    La diocesi di Hanoi accusa: un “vero sacrilegio” la distruzione del crocefisso di Dong Chiem

    J.B. An Dang

    Il luogo è della parrocchia da più di cento anni e dal 1944 è usato come cimitero. Sacerdoti e fedeli sono andati a portare solidarietà ai parrocchiani aggrediti. Ritrovati e ricoverati in ospedale i due feriti che la polizia aveva portato via.
    Hanoi (AsiaNews) – “Un sacrilegio” che “offende la fede cattolica”: è indignata l’arcidiocesi di Hanoi per la distruzione, compiuta il 6 gennaio, con l’esplosivo, del crocefisso del cimitero della parrocchia di Dong Chiem. Lo stesso giorno, “sacerdoti e fedeli sono accorsi a Dong Chiem per portare solidarietà e auguri ai pastori e ai parrocchiani. Sono stati vicino alle vittime della violenza e hanno concelebrato una messa, pregando per i feriti e per la parrocchia nel suo insieme”.
     
    “La collina - afferma una dichiarazione di ieri del vicecancelliere, padre John Le Trong Cung - è sempre stato proprietà della parrocchia, fin dalla sua istituzione, più di cento anni fa”. Inoltre, “fin dai tempi della Grande fame, che - prosegue la dichiarazione - colpi il nord del Vietnam dall’ottobre 1944 fino a maggio 1945 e nella quale due milioni di persone morirono di stenti, il luogo è stato usato come cimitero della parrocchia. Ancora oggi, poi, la parrocchia permette ad alcune persone di affittare parte della collina per coltivarla”.
      
    Si sa, però, che le autorità negano ogni diritto di proprietà, con l’affermazione che in un Paese comunista “la terra appartiene al popolo e lo Stato la gestisce per il popolo”.
     
    Padre John Le Trong Cung ricorda poi che di fronte alla distruzione della croce, i fedeli sono intervenuti per chiedere alla polizia di non portare avanti l’azione sacrilega, ma le centinaia di agenti in tenuta antisommossa presenti hanno reagito con brutalità. “Almeno una decina di persone sono state duramente bastonate, due di loro sono state ferite seriamente e portate in una clinica di Te Tieu, dove però non sono state curate. Più tardi, i sacerdoti e i fedeli le hanno trovate e le hanno portate all’ospedale di Viet Duc, e qui i medici sono intervenuti”.
     
    ”Ora stiamo vivendo un grande dolore e siamo colpiti, perché quanto accaduto al crocefisso è un sacrilegio contro Cristo, nostro Signore. E’ stato un vero sacrilegio, un insulto contro il simbolo iù sacro della nostra fede. L’aver assalito brutalmente inermi e innocenti civili è un atto selvaggio e inumano,che ferisce gravemente la dignità umana. Questa ottusa condotta va condannata”.
     
    Padre Le Trong Cung chiede infine a sacerdoti, religiosi e fedeli di pregare “perché il nostro Paese divenga giusto, democratico e civile e nel quale siano rispettati e valori sacri e protetti i diritti umani”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2010 VIETNAM
    Esplosivo per abbattere il crocefisso di un cimitero cattolico di Hanoi
    La polizia attacca i fedeli accorsi in difesa della scultura. Imprecisato numero di feriti. L’arcidiocesi denuncia e condanna quanto accaduto ieri nella parrocchia di Dong Chiem. Un fatto simile a quanto avvenuto a novembre a Bau Sen.

    09/01/2010 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti accusano la repressione del governo per la distruzione del crocefisso
    Il brutale attacco contro il crocefisso del cimitero di Hanoi e la distruzione di simboli sacri “ingredienti della politica” del regime comunista nel risolvere le dispute. I prelati chiedono dialogo per la ricerca di una soluzione pacifica. I fedeli costruiscono una nuova croce in bambù; la polizia arresta cinque cattolici e blinda la zona.

    12/01/2010 VIETNAM
    A Dong Chiem cattolici picchiati, un giornalista ferito e un prete minacciato
    Attaccato da agenti in divisa e in borghese, che gli hanno preso la macchina fotografica, il reporter è stato abbandonato in mezzo alla strada in stato di incoscienza e il volto insanguinato. Solidarietà dei vescovi del nord Vietnam a padre Van Lien, accusato dalle autorità di “istigare i suoi fedeli a commettere crimini”.

    15/01/2010 VIETNAM
    Ora le autorità negano l’attacco ai parrocchiani di Dong Chiem
    Il vicepresidente del locale Comitato del popolo afferma che la croce distrutta era stata costruita illegalmente su un terreno pubblico e che la parrocchia ha respinto i tentativi di diaalogo. Ma l’arcivescovado di Hanoi ribadisce che la collina appartiene alla chiesa da più di cento anni e il responsabile del Partito comunista di Dong Chiem conferma il raid contro i fedeli.

    14/01/2010 VIETNAM
    Dong Chiem sta diventando un “Monte delle croci”
    La polizia ha fatto affluire rinforzi e ha istituito posti di blocco per fermare i pellegrinaggi di fedeli che si vogliono recare sul luogo ove è stato distrutto il crocefisso, ma la gente riesce comunque a passare e portare altre croci in cima alla collina. Una manifestazione di protesta.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®