26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/09/2007, 00.00

    CINA – VATICANO

    La gioia dei cattolici di Pechino per l’ordinazione di mons. Li Shan



    Alla cerimonia hanno presenziato oltre mille persone, fra cui i rappresentanti del governo e dell’Associazione Patriottica. Secondo un cattolico locale, mons. Li rappresenta un forte passo verso l’unità della Chiesa in Cina.
    Pechino (AsiaNews) – Il nuovo vescovo della capitale cinese, mons. Giuseppe Li Shan, “ha l’approvazione del Vaticano. Ora che la cerimonia si è conclusa lo possiamo dire, con gioia”. E’ questo il primo commento fatto ad AsiaNews da una fonte cattolica di Pechino, che questa mattina ha partecipato all’ordinazione solenne del nuovo presule. Ancora oggi alcuni cattolici avevano lamentato la mancanza di una pubblica dichiarazione del Vaticano sul nuovo vescovo.
     
    La cerimonia si è svolta nella centenaria cattedrale dell’Immacolata Concezione, la Nan Tang (costruita nel ‘600), ed è stata presieduta da mons. Giovanni Fang Xingyao di Linyi, uno dei primi vescovi cinesi a chiedere il riconoscimento della Santa Sede. Fra i co-ordinanti vi erano mons. Luigi Yu Runsheng di Hanzhong; mons. Zhang Hanmin di Jilin; mons. Pei Junmin di Liaoning. Presenti anche alcuni sacerdoti ordinati vescovi in maniera illecita, fra cui Ma Yinglin, della diocesi di Kunming; Jin Daoyuan di Changzi e Fang Jianping di Tangshan.
     
    Secondo la fonte di AsiaNews, “la cerimonia di questa mattina rappresenta un cambio significativo dell’atteggiamento del governo riguardo le nomine e le ordinazioni dei nuovi vescovi cinesi. Il governo concede una certa forma di libertà alla nostra Chiesa, e non impone più i propri candidati. Questo ci conforta e ci fa ben sperare per il pieno raggiungimento di una vera unità fra i cattolici, come auspicato dal Papa nella sua Lettera alla Chiesa di Cina”.
     
    Alla messa, svoltasi alle 9.00 (ora locale), hanno partecipato più di mille persone. Fra questi vi erano rappresentanti del governo (Zhang Shuxian e Wang Zuoan, il direttore dell’Ufficio affari religiosi ed il suo vice) e dell’Associazione patriottica (il vice presidente Liu Bainian), che ha più volte cercato di attribuirsi la paternità dell’ordinazione.
     
    Il nuovo vescovo è stato accolto da un caloroso applauso da parte dei cattolici di Pechino, che hanno apprezzato il breve discorso da lui pronunciato prima della fine della messa. Nel corso del suo intervento, il nuovo presule ha ringraziato la sua famiglia che lo ha educato al cattolicesimo e tutti i religiosi che lo hanno formato, oltre al governo per l’onore di essere divenuto vescovo di Pechino.
     
    Al momento, mons. Li vive nella residenza dove ha trascorso gli ultimi anni il defunto Michele Fu Tieshan, vescovo patriottico della capitale morto lo scorso aprile. Nei prossimi giorni, ha annunciato la sua intenzione di celebrare messa nelle varie chiese di Pechino per poter così “iniziare a conoscere meglio i cattolici della sua diocesi”.
    FOTO: AsiaNews
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2007 CINA - VATICANO
    Pechino, ordinato mons. Li Shan
    Il nuovo vescovo è stato accolto dall’applauso dei suoi fedeli. Succede a Michele Fu Tieshan, vescovo patriottico che non ha mai chiesto la riconciliazione con il Papa. Mons. Li ha l’approvazione del Vaticano.

    20/09/2007 CINA - VATICANO
    Tutto è pronto per l’ordinazione del nuovo vescovo di Pechino
    Alla cerimonia di domani si partecipa solo per invito, fra misure di sicurezza e divieti per i media (stranieri). I fedeli rassicurati sull’approvazione papale.

    24/09/2007 CINA - VATICANO
    Nuovo vescovo di Pechino: Desidero ringraziare il papa
    Mons. Li Shan incontra i fedeli di Pechino alla sua prima messa pubblica. Diradati i dubbi sulla sua legittimazione. La “paura” del Vaticano e i problemi della diocesi stremata dalla precedente gestione del vescovo patriottico Fu Tieshan.

    17/06/2016 10:09:00 CINA - VATICANO
    Cina e Vaticano: reazioni incredule e di sconforto al “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, vescovo di Shanghai

    Dopo essersi dimesso dall’Associazione patriottica, e aver subito quattro anni di arresti domiciliari, mons. Ma sembra ritrattare le sue posizioni ed esalta l’AP e la sua funzione per la Chiesa cinese. Per alcuni fedeli egli “è stato costretto”; per altri egli è vittima di “troppe pressioni”; per altri ancora questa “sottomissione” è il “prezzo da pagare” per ridare libertà alla comunità di Shanghai, dove forse riaprirà il seminario (chiuso da 4 anni) in settembre. In Vaticano non si dà molto credito alle dichiarazioni del prelato. Un vescovo cinese si domanda se è ancora utile il dialogo fra Santa Sede e Cina e teme che qualcuno in Vaticano abbia pilotato la “confessione” di Ma Daqin per far piacere al governo cinese.



    24/06/2010 CINA - VATICANO
    Nuovo vescovo di Sanyuan, approvato dal Vaticano
    All’ordinazione hanno partecipato tutti vescovi in comunione col la Santa Sede. Si attendeva il nuovo vescovo da cinque anni. Fra le priorità del neo-ordinato: l’evangelizzazione, un rapporto più personale con i sacerdoti, la formazione di preti e laici fondata sulla Bibbia. Nella diocesi non vi sono problemi fra cristiani sotterranei e ufficiali



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®