23/08/2010, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

La lampada del Buddha all’Expo di Shanghai, per combattere i tibetani

di Kalpit Parajuli
La lampada è giunta oggi in Cina e sarà esposta nei prossimi giorni all’interno dello stand nepalese, dopo aver toccato i principali luoghi sacri del buddismo cinese. Kathmandu riafferma che il Nepal è l’unico luogo di nascita del Buddha e stringe maggiori rapporti con Pechino. La Cina domanda,ancora una volta, lo stop delle attività dei buddisti tibetani in esilio in Nepal.

Kathmandu (AsiaNews) – Il governo di Kathmandu invia la lampada della pace, simbolo del buddismo nepalese, all’Expo di Shanghai e sottolinea che il Nepal è l’unico luogo di nascita del Buddha. L’iniziativa avviene a pochi giorni dalla richiesta di Pechino di fermare le continue attività pro- Dalai Lama compiute dai tibetani in esilio in Nepal. Secondo la Cina esse sarebbero appoggiate da alcuni membri del governo nepalese in combutta con l’India. La lampada è partita lo scorso 21 agosto da Lumbini, dove centinaia di fedeli hanno celebrato l’evento con canti e danze tradizionali. Il suo arrivo in Cina è previsto per oggi. L’oggetto sarà esposto all’interno dello stand del Nepal, dopo aver toccato i luoghi sacri del buddismo cinese.

Ishwor Pkherl, portavoce del governo di Kathmandu, afferma: “Molte persone nel mondo sono ancora scettiche sulla reale nascita di Buddha. Altre credono invece che egli sia nato in India, perché diversi testi indiani dicono che Lumbini sia in realtà in India. Per sfatare queste menzogne abbiamo deciso di organizzare questa iniziativa all’Expo di Shanghai”.

Dopo l’invasione di Lhasa del 1951 e l’esilio del Dalai Lama in India, il Nepal ha ospitato migliaia di rifugiati in fuga dal Tibet, in forza degli storici rapporti con il governo indiano che da sempre chiede il rientro in Tibet del Dalai Lama. Con la caduta della monarchia nepalese nel 2006 e la salita al potere dei partiti maoista (Unified Communist Party of Nepal)  e leninista-marxista (Unified Marxist–Leninist) il Paese ha iniziato a stringere accordi economici con Pechino, vietando agli oltre 20mila esuli qualsiasi tipo di manifestazione anti-cinese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Non solo Milano: “Il Dalai Lama è oramai un apolide in tutto il mondo”
22/06/2012
Il buddismo tibetano celebra i 900 anni del Karmapa Lama
06/12/2010
Col pretesto delle truffe, Pechino dà la patente ai “buddha viventi”
20/01/2016 15:13
Il Karmapa Lama prende il passaporto della Dominica
02/11/2018 11:08
Pechino, il falso Panchen Lama entra nel governo
03/03/2010