13/12/2010, 00.00
PAKISTAN

La legge pakistana sulla blasfemia colpisce un altro innocente

di Jibran Khan
Un nuovo caso “Asia Bibi”: un medico ismaelita in carcere per aver gettato via un biglietto da visita di un uomo chiamato “Muhammed”, come il profeta dell’Islam. Il vescovo Rufin: “Prego affinché Asia Bibi possa celebrare il Natale con la sua famiglia”.

Lahore (AsiaNews) – Mentre si moltiplicano appelli e proteste per la liberazione di Asia Bibi, la controversa legge sulla blasfemia fa un’altra vittima di una minoranza religiosa, questa volta della setta musulmana ismaelita che fa capo all’Agha Khan. L’episodio dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, come la legge sulla blasfemia danneggi la convivenza civile pakistana. Il fatto è avvenuto ad Hyderabad, seconda città della provincia del Sindh. Naushad Walyani, un medico, è in carcere per un gesto all'apparenza banale. Un rappresentante farmaceutico Muhammed Faizan, si è recato il 9 dicembre nel suo studio per vendere alcuni prodotti. ''Il medico dopo aver preso il biglietto da visita del rappresentante lo ha gettato nel cestino ed è uscito'' scrive un giornale locale. Evidentemente risentito per il comportamento, Faizan è tornato più tardi con alcuni colleghi intenzionato a ''dare una lezione'' al medico. E' scoppiato un violento litigio tra i due.

Il rappresentante ha minacciato di denunciare il professionista per blasfemia per il mancato rispetto al nome sacro impresso sulla carta da visita. Secondo quanto riportano i media locali, il 10 dicembre alcuni colleghi di Faizal hanno picchiato a sangue il medico, che, in seguito a una denuncia in base alla legge sulla blasfemia (Blasphemy Act) è poi stato arrestato dalla polizia ed è ora in attesa di processo. A nulla sono servite le scuse e l'assicurazione che ''non aveva intenzione di insultare il Profeta buttando il biglietto nel cestino''. La denuncia è stata appoggiata dai leader religiosi locali.

Nel Paese prosegue  intanto il dibattito sulla necessità di modificare, o abolire la legge sulla blasfemia. Intanto a Londra e a New York si sono svolte manifestazioni di pakistani cristiani, davanti al Consolato nazionale e davanti alla sede delle Nazioni Unite. I manifestanti chiedevano il rilascio di Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia. Essi hanno consegnato un memorandum in cui chiedevano l’immediato rilascio della donna e protestavano contro la decisione dell’alta Corte di Lahore di impedire al presidente Asif Ali Zardari la concessione della grazia prima della sentenza di appello. L’alta Corte però non ha ancora fissato la data dell’udienza per la revisione della sentenza. La legge sulla blasfemia continua a essere usata come un spada di Damocle sul capo di cristiani e di altre minoranze religiose che sanno di poter essere accusati in ogni momento, e che la legge e la polizia non sono al loro fianco.

Il vescovo di Islamabad/Rawalpindi, ha appoggiato la petizione presentata all’ufficio delle Nazioni Unite di Islamabad dall’organizzazione “Life for All” il giorno universale per i Diritti Umani, il 10 dicembre scorso. “Appoggio questa richiesta dei gruppi per i diritti umani a favore di Asia Bibi. Prego affinché Asia Bibi possa tornare a casa e celebrare il Natale con la sua famiglia. Il mio messaggio è che tutti i cristiani del Pakistan sono pakistani che amano la patria, amano il loro Paese, servono il loro Paese; hanno il diritto di praticare la loro fede ed esprimere ciò in cui credono senza paura di essere uccisi dagli estremisti o condannati a morte dallo Stato”, ha detto mons. Rufin. Padre Anwer Patras ha sottoscritto anch’egli la petizione: “La Chiesa cattolica è compatta con la famiglia di Asia Bibi, vogliamo che sia presto con la sua famiglia. E non posso non apprezzare gli sforzi che i gruppi per i diritti umani in Pakistan compiono per lei”.

 

Continuano a giungere adesioni alla campagna di AsiaNews, sia per e-mail che per posta. Scrivete a:

salviamoasiabibi@asianews.it

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cattolici e musulmani uniti nel lutto, dopo la strage degli ismaeliti sciiti a Karachi
15/05/2015
Karachi, attacco terrorista a un bus di ismaeliti sciiti: 43 morti e 13 feriti
13/05/2015
Papa: riceve marito e figlia di Asia Bibi
24/02/2018 13:11
Asia Bibi, parla l'avvocato: Il governo pakistano è l’unico responsabile di questa situazione
03/08/2015
Leader islamici: Sì alle leggi sulla blasfemia, chi insulta Maometto non ha diritto a vivere
16/06/2015