2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/12/2010
PAKISTAN
La legge pakistana sulla blasfemia colpisce un altro innocente
di Jibran Khan
Un nuovo caso “Asia Bibi”: un medico ismaelita in carcere per aver gettato via un biglietto da visita di un uomo chiamato “Muhammed”, come il profeta dell’Islam. Il vescovo Rufin: “Prego affinché Asia Bibi possa celebrare il Natale con la sua famiglia”.

Lahore (AsiaNews) – Mentre si moltiplicano appelli e proteste per la liberazione di Asia Bibi, la controversa legge sulla blasfemia fa un’altra vittima di una minoranza religiosa, questa volta della setta musulmana ismaelita che fa capo all’Agha Khan. L’episodio dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, come la legge sulla blasfemia danneggi la convivenza civile pakistana. Il fatto è avvenuto ad Hyderabad, seconda città della provincia del Sindh. Naushad Walyani, un medico, è in carcere per un gesto all'apparenza banale. Un rappresentante farmaceutico Muhammed Faizan, si è recato il 9 dicembre nel suo studio per vendere alcuni prodotti. ''Il medico dopo aver preso il biglietto da visita del rappresentante lo ha gettato nel cestino ed è uscito'' scrive un giornale locale. Evidentemente risentito per il comportamento, Faizan è tornato più tardi con alcuni colleghi intenzionato a ''dare una lezione'' al medico. E' scoppiato un violento litigio tra i due.

Il rappresentante ha minacciato di denunciare il professionista per blasfemia per il mancato rispetto al nome sacro impresso sulla carta da visita. Secondo quanto riportano i media locali, il 10 dicembre alcuni colleghi di Faizal hanno picchiato a sangue il medico, che, in seguito a una denuncia in base alla legge sulla blasfemia (Blasphemy Act) è poi stato arrestato dalla polizia ed è ora in attesa di processo. A nulla sono servite le scuse e l'assicurazione che ''non aveva intenzione di insultare il Profeta buttando il biglietto nel cestino''. La denuncia è stata appoggiata dai leader religiosi locali.

Nel Paese prosegue  intanto il dibattito sulla necessità di modificare, o abolire la legge sulla blasfemia. Intanto a Londra e a New York si sono svolte manifestazioni di pakistani cristiani, davanti al Consolato nazionale e davanti alla sede delle Nazioni Unite. I manifestanti chiedevano il rilascio di Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia. Essi hanno consegnato un memorandum in cui chiedevano l’immediato rilascio della donna e protestavano contro la decisione dell’alta Corte di Lahore di impedire al presidente Asif Ali Zardari la concessione della grazia prima della sentenza di appello. L’alta Corte però non ha ancora fissato la data dell’udienza per la revisione della sentenza. La legge sulla blasfemia continua a essere usata come un spada di Damocle sul capo di cristiani e di altre minoranze religiose che sanno di poter essere accusati in ogni momento, e che la legge e la polizia non sono al loro fianco.

Il vescovo di Islamabad/Rawalpindi, ha appoggiato la petizione presentata all’ufficio delle Nazioni Unite di Islamabad dall’organizzazione “Life for All” il giorno universale per i Diritti Umani, il 10 dicembre scorso. “Appoggio questa richiesta dei gruppi per i diritti umani a favore di Asia Bibi. Prego affinché Asia Bibi possa tornare a casa e celebrare il Natale con la sua famiglia. Il mio messaggio è che tutti i cristiani del Pakistan sono pakistani che amano la patria, amano il loro Paese, servono il loro Paese; hanno il diritto di praticare la loro fede ed esprimere ciò in cui credono senza paura di essere uccisi dagli estremisti o condannati a morte dallo Stato”, ha detto mons. Rufin. Padre Anwer Patras ha sottoscritto anch’egli la petizione: “La Chiesa cattolica è compatta con la famiglia di Asia Bibi, vogliamo che sia presto con la sua famiglia. E non posso non apprezzare gli sforzi che i gruppi per i diritti umani in Pakistan compiono per lei”.

 

Continuano a giungere adesioni alla campagna di AsiaNews, sia per e-mail che per posta. Scrivete a:

salviamoasiabibi@asianews.it


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
22/12/2012 PAKISTAN
Pakistan, non solo Asia Bibi: musulmano linciato e bruciato vivo per blasfemia
07/10/2011 PAKISTAN
Musulmani pakistani in sciopero contro la condanna a morte dell’assassino di Salman Taseer
di Jibran Khan
05/03/2011 PAKISTAN
Pakistan: assolto per blasfemia, ucciso per strada. La “legge nera” fa ancora vittime
11/02/2011 PAKISTAN
Sacerdote pakistano: I cristiani sono a rischio. Un giovane torturato e ucciso
di Jibran Khan
17/12/2010 PAKISTAN
Asia Bibi. Sarebbe meglio abolire la legge sulla blasfemia, è più realistico emendarla

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate