20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2014, 00.00

    UCRAINA - RUSSIA

    La lezione di Khodorkovskij, per un dialogo fra russi e ucraini

    Vladimir Rozanskij

    Mentre crescono le minacce reciproche di Vladimir Putin e degli Stati Uniti e Crimea e Kiev si accusano a vicenda, l'ex oligarca dà prova di comprendere e gli ucraini e i russi. Le prese di posizione politiche e militari devono lasciare spazio al dialogo fra la popolazione.

    Mosca (AsiaNews) - In questi giorni di relativa calma in Ucraina, dopo l'epopea della rivoluzione del Majdan e la goffa prova di forza dei russi in Crimea, l'evento più interessante è stato senza dubbio lo "show" - a dire dei media russi - di Michail Khodorkovskij nei teatri di Kiev, la scorsa settimana. L'ex-oligarca e petroliere, ora anche ex-prigioniero politico principale dell'epoca putiniana, è l'unico russo ad essere intervenuto direttamente sulla scena ucraina, visto che perfino l'esercito russo di Putin si è camuffato da "guardia locale" anti-sommossa. E in generale, in due mesi di tensioni, scontri, rivoluzioni, colpi di stato e minacce armate, non sono emerse figure significative in grado di rispondere veramente alle domande degli insorti, degli studenti e del popolo sia ucraino che russo. L'altra grande ex-prigioniera Julia Timoshenko, leader naturale della parte vincente della rivoluzione, è apparsa piuttosto spenta e indebolita dopo la reclusione, e non ha saputo indicare una direzione chiara al destino del suo popolo, limitandosi a chiedere all'Europa di essere più dura con Putin e preparandosi a vincere facilmente le prossime elezioni presidenziali, evento che richiede un giusto periodo di recupero della forma fisica ed estetica, magari in una clinica di quella stessa Germania che sta ospitando il semi-esule Khodorkovskij.

    L'ex-padrone della Yukos è del resto il vero antagonista storico di Vladimir Putin, che in quindici anni di regno si è sbarazzato di tutti gli altri oligarchi, cacciandoli o assoggettandoli. Per il resto, Putin ha narcotizzato in modo totale le istituzioni politiche russe, i partiti, il parlamento, i vari soggetti federali a cui ha tolto ogni autonomia in nome della "verticale del potere", lo slogan di inizio decennio con cui aveva smontato l'allegro caos organizzato della Russia di Eltsin. Anche le timide adunanze di piazza moscovita degli ultimi anni, i cosiddetti bolotnye (dalla piazza Bolotnaya dove si radunano), hanno prodotto soltanto una figura pur interessante e moderna come il blogger Alexey Navalnyj, il cui messaggio peraltro non va oltre le denunce anticorruzione e l'ansia di scalzare i vecchi squali dell'amministrazione, tipica di tutta l'antipolitica di moda oggi anche in Europa.

    La presenza di Khodorkovskij a Kiev nei giorni scorsi è stata anche il suo primo intervento pubblico dopo la liberazione concessa da Putin subito prima delle Olimpiadi di Sochi, e ha segnato quindi in un certo senso il suo vero debutto in politica: dieci anni fa, quando fu arrestato, era ancora soltanto un imprenditore, e le sue riflessioni sulla vita della società si sono manifestate progressivamente durante gli anni di detenzione. Ebbene, queste riflessioni hanno trovato il primo palcoscenico pubblico proprio in Ucraina: Khodorkovskij è stato capace di costringere tutti a ripensare a quanto accaduto, intervenendo certo per sostenere la lotta per la libertà del popolo ucraino, ma in nome degli "interessi della Russia" e non contro di essi, e neppure contro lo stesso Putin, cui ha suggerito di evitare azioni belliche, ma riconoscendo di essere in fondo d'accordo con lui.

    I vari interventi del "pubblicista russo", come è stato definito sui manifesti che invitavano al suo ascolto, sono stati accolti da folle traboccanti, soprattutto al Politecnico di Kiev, dove al relatore sono state rivolte un'infinità di domande. Il suo tono pacato e l'appello al buon senso, il tentativo di porsi come mediatore tra le parti in conflitto, il realismo nelle valutazioni hanno lasciato gli ascoltatori a metà tra il soddisfatto e l'incompiuto, e proprio questo è stato uno degli aspetti più impressionanti di questi incontri: il popolo, la gente comune di ogni ceto, sia in Ucraina che in Russia, ha una grande voglia di conoscere le risposte ai suoi bisogni, ma non sa a chi porre le domande. Non certo ai politici di ogni orientamento; non ai giornalisti "di regime" o "anti-regime", comunque lontani da qualunque obiettività; non agli intellettuali, gli unici a cui Khodorkovskij ha rivolto un appello diretto: uniamoci per ritrovare il senso della nostra storia, e dei rapporti tra i nostri popoli. Nemmeno alla Chiesa o alle Chiese, nel caso dell'Ucraina, troppo compromesse col potere per avere il coraggio di dire parole in grado di raggiungere il popolo.

    La gente vuole essere protagonista, e in Ucraina sono morti per questo. Il Majdan (che non è una "piazza", come scrivono gli occidentali, ma uno spazio più ampio e aperto, e oggi non solo in senso geografico) è sommerso dai fiori in onore della "Centuria Celeste", il gruppo dei cento morti per la libertà che sembra evocare antiche legioni di angeli cantate dai Padri della Chiesa, i messaggeri di Dio che facciano sentire una voce non omologata e non confusa. Russi e ucraini sono arrivati a considerare profeta anche un petroliere pentito: forse il tempo degli angeli è soltanto all'inizio. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/02/2015 UCRAINA-RUSSIA
    Qualche segno di speranza per un piano di pace per l'Ucraina
    L'incontro fra rappresentanti russi e ucraini, insieme ai leader europei è iniziato ieri sera e durato tutta la notte. Rendere effettivo l'accordo di Minsk, firmato il 5 settembre scorso, ma rimasto lettera morta. Fonti Onu: finora il conflitto ha fatto oltre 5mila morti e quasi 13mila feriti.

    03/03/2014 UCRAINA-RUSSIA
    Soldati russi contro "le minacce ultranazionaliste". La piccola speranza di un gruppo di dialogo
    Bandiere russe anche sul parlamento regionale di Donetsk. Mezzi blindati sulla riva russa del canale di Crimea. La somiglianza con la guerra in Georgia nel 2008. Le accuse di Stati Uniti, Gran Bretagna e Svezia. Germania e alcuni Paesi della Ue cercano il dialogo con Putin. Anche l'Onu alla ricerca di vie per ridurre la tensione.

    21/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    L'annessione della Crimea fa paura al Patriarca di Mosca
    Assente Kirill dal grande discorso di Putin alla Duma. Mentre la Russia cammina sulle orme dell'impero di Ivan il Terribile, le Chiese ortodosse dell'Ucraina vengono spinte all'autonomia da Mosca. Il Patriarcato di Mosca rischia di essere una minoranza al prossimo Concilio Panortodosso.

    17/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    Dopo il referendum, la Chiesa ucraina-Patriarcato Kiev teme il bando in Crimea
    Il patriarca Filaret prega perché l'Ucraina sia liberata "dagli occupanti". Gli ortodossi di obbedienza moscovita temono di essere cacciati via dall'Ucraina. Il Patriarcato di Mosca ha riconosciuto il diritto dell'Ucraina all'autodeterminazione, ma rimane sotto l'ombra di Putin. L'invasione della Crimea come l'Anschluss della Germania nazista.

    26/08/2014 RUSSIA-UCRAINA
    Putin e Poroshenko si incontrano a Minsk
    Nessuno esprime speranze sulle crescenti tensioni. La Russia vuole inviare un nuovo convoglio umanitario nelle regioni ribelli e chiede la collaborazione della Croce rossa e del governo di Kiev. Soldati russi catturati in Ucraina. Fissata la data delle prossime elezioni, che si terranno il 26 ottobre.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®