20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/04/2017, 09.02

    AFGHANISTAN-USA

    La “madre di tutte le bombe” uccide decine di miliziani dell’Isis. Karzai: Ci usano come campo di sperimentazione



    Uccisi 36 miliziani. La Moab ha una Potenza pari a 11 tonnellate di esplosivo. Per il Pentagono non è uno strumento di “uccisione indiscriminata”. In origine si era pensato di usarla contro Saddam Hussein. Forse verrà usata contro l’Iran.

    Kabul (AsiaNews/Agenzie) – La più potente bomba non-nucleare lanciata ieri mattina da un aereo Usa ha ucciso almeno 36 militanti dell’Isis. Lo affermano oggi fonti del ministero afghano della difesa.

    La GBU-43/B Massive Ordnance Air Blast, conosciuta con l’acronimo “Moab”, ha colpito dei nascondigli dello Stato islamico distretto di Achin, situato nella provincia orientale di Nangarhar.

    L’enorme bomba, della potenza pari a 11 tonnellate di esplosivo e lunga 9 metri, è stata trasportata da un MC-130 e sganciata con l’uso di un paracadute.

    Il governatore di Achin, Esmail Shinwari, ha detto che “l’esplosione era la più grande che io abbia mai visto. Alte fiamme hanno avvolto l’area… Pensiamo che un mucchio di combattenti di Daesh siano stati uccisi”.

    Il gen. John W. Nicholson, comandante in capo delle forze Usa in Afghanistan, ha dichiarato che “il lancio era programmato per minimizzare i rischi per gli afghani e le forze Usa che stanno ripulendo l’area – e elevare al massimo la distruzione”.

    Nell’entusiasmo generale per questa prova di potenza, unica voce contraria è quella dell’ex presidente Hamid Karzai che in un tweet ha detto: “Con le parole più veementi e più forti condanno il lancio sull’Afghanistan dell’ultimissima arma Usa, la più grande bomba non nucleare”.

    Egli ha accusato gli Usa di usare il suo Paese come un campo di esperimento per nuove armi.

    Fra gli esperti si spiega che la bomba era stata sviluppata nel 2002 per colpire Saddam Hussein. Il Pentagono ha dichiarato che essa non può essere definito uno strumento di “uccisione indiscriminata”, e perciò il suo uso è legale.

    La bomba ha potere di portare distruzione anche in rifugi sotterranei (come quello dell’Isis colpito ieri). Sebbene il Pentagono citi finora solo l’Isis come possibile obbiettivo, gli esperti pensano che tale bomba potrebbe essere usata anche contro le centrali e i laboratori sotterranei dell’Iran.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2010 USA - IRAN - COREA DEL NORD
    Obama: Monito a Corea del Nord e Iran sulla minaccia nucleare
    Nel suo discorso sullo stato dell’Unione, il presidente americano sottolinea che “il pericolo più grande per il popolo americano” è che le armi nucleari finiscano nelle mani di terroristi. Isolare ancora di più Pyongyang e Teheran, con sanzioni ancora più aspre. Obama promette l’uscita delle truppe Usa dall’Iraq entro l’agosto 2010 e dall’Afghanistan entro il 2011. Ma il nucleo del suo discorso era legato ai problemi interni degli Usa, soprattutto all’economia. Nel 2010 occorre creare posti di lavoro.

    10/01/2017 09:21:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale

    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     



    24/10/2017 08:59:00 IRAQ - IRAN - USA
    Baghdad e Teheran contro Washington: le milizie sciite speranza dell’Iraq e della regione

    Tillerson aveva auspicato la cacciata dei combattenti sciiti dal Paese. Il premier irakeno ne difende il ruolo nella lotta contro lo Stato islamico. Sono paramilitari locali, non alleati iraniani e vanno “incoraggiati”. Il ministro iraniano degli Esteri rivendica il ruolo di “pace e stabilità” esercitato da Teheran nella regione. 

     



    30/01/2017 13:05:00 STATI UNITI - A. SAUDITA - IRAN
    Trump e re Salman favorevoli a un applicazione “rigorosa” dell’accordo nucleare iraniano

    Il presidente Usa e il monarca saudita hanno discusso ieri della questione in una conversazione telefonica. L’obiettivo è “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. In campagna elettorale Trump aveva minacciato di stralciare l’accordo. I due leader hanno parlato anche di terrorismo islamico e zone sicure in Yemen e Siria. 

     



    23/10/2017 11:49:00 A. SAUDITA - IRAQ - USA - IRAN
    Tillerson: un asse Riyadh-Baghdad in chiave anti-iraniana

    Il segretario di Stato Usa a Riyadh per contrastare il “comportamento maligno” di Teheran. Le milizie sciite protagoniste della lotta anti-Isis devono abbandonare le armi o unirsi all’esercito. Per Washington la partnership fra re Salman e il premier Abadi fondamentale per la rinascita dell’Iraq. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®