22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2017, 13.51

    FRANCIA - ISLAM

    La maggioranza degli imam di Francia (e Belgio) vietano gli auguri a Natale e Capodanno

    Hocine Drouiche*

    È quanto denuncia l’imam di Nimes, Hocine Drouiche, vice-presidente della Conferenza degli imam di Francia. Egli condanna quanti rivendicano che l’islam è una religione di pace e poi considerano gli auguri “un insulto”. L’importanza della presenza di “musulmani aperti” che “ti accolgono con un sorriso e ti augurano felice anno nuovo”. 

     

    Parigi (AsiaNews) – La maggior parte degli imam in Francia (e nel Belgio) ha proibito ai fedeli di celebrare il Natale e il Capodanno e invitato i musulmani a non fare gli auguri per le feste. È quanto denuncia in un post su Facebook l’imam francese Hocine Drouiche, fra le personalità del mondo islamico transalpino più illuminate e schierate nella lotta contro l’estremismo. Strenuo promotore e sostenitore del dialogo fra fedi diversi, egli condanna quanti ripetono il “mantra” islam religione di pace e poi considerano gli auguri “come un insulto” perché “questa non è la nostra religione”. 

    Egli sottolinea che l’islam professato da questi imam, che costituiscono la maggioranza in Francia, in Belgio, e in molte altre nazioni, “non è un vero islam di pace e del vivere in comune”. E le stesse scuole coraniche in Occidente sono un luogo in cui si esalta l’islam politico basato su jihad e odio verso i “nemici”. Per fortuna, conclude, “esistono anche dei musulmani aperti, che ti accolgono con un sorriso grande e ti augurano felice anno nuovo”. 

    La dura nota contro la posizione della maggioranza degli imam sugli auguri [di Natale e Capodanno] è solo l’ultima di una serie di denunce lanciate dal leader religioso musulmano francese. All’indomani degli attacchi di Parigi, nel novembre 2015, egli ha invitato i fedeli a non lasciare l’islam “ostaggio degli estremisti”. Al contempo ha esortato le comunità musulmane a “osare a vivere il dialogo e l’amicizia con gli europei, senza paura e senza arroganza”. 

    Egli non è il solo a denunciare il clima di ostilità e di avversione di una parte del mondo musulmano europeo verso la cultura, la tradizione e la fede dei nativi. Di recente anche una ex islamica radicale, per anni vicina all’ideologia salafita, ha raccontato gli inviti lanciati da imam e leader religiosi a “odiare i cristiani e gli ebrei”, a non imitare gli “infedeli” e a non partecipare “alle loro feste e celebrazioni”.  Ecco, di seguito, la riflessione dell’imam Drouiche. Traduzione a cura di AsiaNews: 

    Spiacente, non vi farò gli auguri di buon anno perché io sono un vero “musulmano”! 

    Quasi la totalità degli imam in Francia (e nel vicino Belgio) hanno proibito ai musulmani francesi di celebrare il Natale e il Capodanno e di fare gli auguri per le feste, tanto ai musulmani quanto ai non musulmani. 

    Si dice che l’islam sia una religione di pace, un mantra che non smettono di ripetere in maniera incessante. Tuttavia, oggi ho visto con i miei occhi il risultato di queste formulazioni incomprensibili e illogiche, incontrando diversi musulmani molto religiosi e credenti che ricevevano gli auguri di Buon Anno come un insulto. 

    Sono imbarazzati, ti guardano in modo strano, ti rispondono: Ma questa non è la nostra religione!

    Come se il nuovo anno appartenesse a una religione specifica. Per fortuna esistono anche dei musulmani aperti, che ti accolgono con un sorriso grande e ti augurano un felice anno nuovo. 

    L’islam di questi imam non è un vero islam di pace e del vivere in comune. Questo è un islam beduino e arcaico. Il ministero francese degli Interni, che finanzia il Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm), deve rivedere i suoi programmi e le sue collaborazioni. 

    Per me i Bataclans, gli Hyper Cachers e le Nizza nascono da queste direttive odiose. Se non vogliono cambiare queste fatwa disumane, non ci potranno certo dire che si tratta di “attentati” isolati in cui l’islam non è coinvolto, perché l’islam è una religione di pace!

    Dunque, Buon Anno a tutti i miei amici (e le mie amiche) musulmani, ebrei, cristiani e atei. 

    *Vice-presidente della Conferenza degli imam di Francia-Parigi

    Candidato al rettorato della Grande moschea di Parigi

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/04/2015 LIBANO - FRANCIA - ISLAM
    Card. Barbarin: In Maria, la Misericordia di Dio abbraccia anche l’islam
    Il 25 marzo scorso a Jamhour il porporato ha partecipato alla cerimonia interreligiosa per celebrare la solennità dell’Annunciazione del Signore, festa nazionale in Libano. Nel suo intervento egli ha esaltato il valore della Misericordia, fonte comune che lega cristiani e musulmani. E in Maria, “nostra madre”, i fedeli delle due religioni possono riuscire a “capirsi meglio”.

    08/01/2015 FRANCIA - ISLAM
    P. Samir: C'è una guerra interna all'islam e i politici occidentali non difendono la cultura europea
    L'odio fra sciiti e sunniti aumenta sempre più, con questi ultimi che riconquistare il potere che hanno perduto in Iraq, in Libano, in Siria... L'islam dovrebbe affrontare a fondo le tematiche della modernità: l'interpretazione di fondo del Corano, la non violenza, la libertà di coscienza, ma nessuno osa farlo. L'occidente dovrebbe chiedere agli immigrati di entrare nel sistema esistente qui, integrandovi dal punto di vista economico, politico, sociale. E controllare le moschee, come fanno i Paesi musulmani.

    25/07/2017 11:32:00 FRANCIA-ISLAM
    A un anno dall’assassinio di p. Jacques Hamel: cosa è cambiato in Francia

    Alle commemorazioni per il sacerdote 85enne sgozzato davanti all’altare, presiedute dall’arcivescovo di Rouen, partecipano il presidente Emmanuel Macron, il ministro degli interni e rappresentanti musulmani. Si è rafforzata l’unità fra comunità cattolica e musulmana. Ma la lotta del governo contro il jihadismo presenta molte falle. Prigioni sovraffollate, disoccupazione ed emarginazione sono gli ingredienti per il reclutamento e la radicalizzazione.



    28/07/2017 12:35:00 FRANCIA-ISLAM
    Imam di Nimes: Se non si condanna l’islam politico, vi saranno ancora vittime come p. Hamel

    Il dott. Hocine Drouiche chiede ai musulmani di “prendere la loro parte di responsabilità” negli attacchi terroristi. La marcia islamica contro il terrorismo ostacolata dai responsabili dell’islam in Francia. La maggioranza dei responsabili dell’islam in Francia e in Europa provengono dall’islam politico o lavorano per Paesi stranieri, che usano l’islam politico per le loro politiche.



    26/07/2017 15:58:00 FRANCIA-ISLAM
    Cristiani e musulmani insieme in memoria del martirio di p. Jacques Hamel

    Una messa nella chiesa dove è avvenuto l’assassinio del sacerdote è stata presieduta dall’arcivescovo di Rouen. Emmanuel Macron ringrazia la Chiesa di Francia che ha testimoniato “la forza del perdono”. Saint-Etienne-du Rouvray è divenuta un luogo di pellegrinaggio per cristiani e musulmani.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®