22 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/08/2017, 10.27

    LIBANO-SIRIA

    La resa di Daesh apre la polemica su chi li sosteneva

    Pierre Balanian

    Il Libano celebra la vittoria su Daesh: è il primo Paese della regione e del mondo ad essersi liberato in modo completo dall’organizzazione terrorista. Hassan Nasrallah chiede chi ha bloccato l’esercito dal combattere contro l’Isis. Le accuse all’ex presidente Suleiman.

    Beirut (AsiaNews) – Due giorni fa, al tramonto, l’esercito libanese ha assistito al ritiro degli oltre 350 ed ultimi combattenti dell’Isis ancora presenti nella catena montagnosa dell’Anti Libano nord orientale al confine con la Siria. Nella loro ritirata umiliante, essi si sono rifiutati di essere filmati dai media. I combattenti di Daesh ed i loro familiari hanno lasciato il territorio libanese e la parte più estrema ad est della Siria diretti verso  Abu Kamal, la parte più ad ovest dello stesso Paese, scortati dalla Mezzaluna siriana che insieme al convoglio provvedeva a trasportare anche i feriti del gruppo terroristico.

    La partenza dei terroristi è avvenuta con 17 bus - ognuno con circa 50 passeggeri, per un totale di  circa 850 persone -  con le tende tirate per evitare sguardi indiscreti.

    La gente ha salutato la loro partenza con spari di giubilo in aria e la gioia della vittoria si è diffusa in pochi istanti in tutto il Paese dei Cedri. Con fierezza il Libano ha potuto dichiarare di essere il primo Paese nella regione e nel mondo ad aver sconfitto del tutto Daesh ed averlo allontanato dal territorio nazionale. Sui monti del Kalamun sono state issate tre bandiere: quella del Libano, della Siria e la bandiera gialla di Hezbollah, a conferma di quella che in gergo libanese viene definita la “triumvittoria”.

    Mentre si muoveva il convoglio degli sconfitti di Daesh, appariva in TV il Segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, che annunciava la vittoria e i retroscena dell’accordo con i terroristi. In cambio del ritiro di Daesh si è ottenuta la liberazione di un combattente di Hezbollah in mano all’organizzazione terroristica, e la consegna delle salme dei soldati dell’esercito libanese rapiti ad Ersal ed in seguito sgozzati dai terroristi.

    L’orgoglio di essere i primi al mondo ad essersi liberati da Desh è stato subito turbato dallo stesso Nassrallah il quale ha aperto le porte ad una nuova polemica annunciando: “Bisogna ora rivelare chi finora aveva impedito all’esercito libanese di combattere contro Daesh ed espellerli dal Paese”, ovvero “coloro che in passato dicevano che l’esercito libanese non avrebbe potuto vincere”. E ha aggiunto: “L’esercito poteva prima come ha potuto adesso e potrà sempre” eliminare Daesh.

    “L’esercito - ha continuato - avrebbe potuto farlo subito dopo  l’apparizione in Libano di Daesh, ma alcune forze all’interno del governo [libanese] hanno fermato la mano all’esercito e impedito che facesse il suo dovere. Farlo allora sarebbe stato meno costoso in vite umane di quanto lo sia stato adesso”. La polemica ha trovato subito eco e sono iniziate le accuse verso uno o l’altro.

    In serata l’ex vice presidente dell Parlamento libanese Elie Al Ferzuli è apparso su un canale televisivo privato per accusare senza mezze misure l’ex Presidente della repubblica Michel Suleiman chiedendo “che venga condannato per aver sostenuto e patrocinato il terrorismo”. Dopo la sconfitta di Daesh l’opinione pubblica esige di sapere chi è stato dietro e questa  questione è soltanto all’inizio.     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/08/2017 10:06:00 LIBANO-SIRIA
    La cacciata di Daesh sui monti di Jurud segna l’inizio della fine della guerra in Siria

    L’esercito libanese - e dall’altra parte del confine, l’esercito siriano ed Hezbollah - hanno distrutto le basi dello Stato islamico tagliando le vie di comunicazione e di rifornimento in Siria. L’esercito libanese osannato come liberatore dalla popolazione. Il rispetto di Hezbollah per i prigionieri, jihadisti quasi per caso.



    27/04/2005 libano - siria
    Libano, via libera al governo di Najib Mikati

    Rapporto dell'Onu sul ritiro siriano: resta il nodo delle spie di Damasco presenti in Libano e il disarmo degli hezbollah.



    02/08/2008 LIBANO
    Raggiunto a Beirut l’accordo sul programma di governo, i problemi restano
    Non è stata trrovata soluzione alla questione fondamentale di regolare “il diritto” di Hezbollah di liberare il territorio nazionale ancora in mano agli israeliani. Martedì la “storica” visigta a Damasco del presidente Suleiman.

    25/10/2016 08:42:00 LIBANO
    Michel Aoun incontra il patriarca Rai, dopo l’appoggio della maggioranza dei partiti libanesi

    E’ quasi sicuro che Il gen. Aoun verrà eletto nuovo presidente del Libano alla seduta del 31 ottobre. Egli è sostenuto da Saad Hariri, da Hezbollah, dalle Forze Libanesi. Il suo partito ha buoni rapporti con cristinai, sciiti e sunniti. Dubbiosi i drusi di Jumblatt. Il no di Nabih Berri e di Amal. Stupore per il silenzio dell’Arabia saudita. Il primo presidente “Made in Libano”.



    18/06/2009 LIBANO
    Hezbollah chiede “spiegazioni” al patriarca Sfeir
    Il leader del Partito di Dio all’attacco su una frase detta dal cardinale dieci giorni fa, alla vigilia delle elezioni, sui suoi timori per “l’identità araba e libanese” del Paese. Nasrallah accusa Sfeir di non aver mai denunciato gli attacchi e i massacri compiuti dagli israeliani.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®