21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 27/07/2017, 08.49

    HONG KONG - CINA

    La stazione di Kowloon sotto il controllo della legge di Pechino

    Paul Wang

    Per il governo di Hong Kong vale la pena ci sia un solo controllo - cinese - alla dogana, all’immigrazione, ai binari e sui treni. Per i democratici è un primo passo per delegare alla Cina anche i controlli su manifestazioni e proteste.

    Hong Kong (AsiaNews) - Il governo di Hong Kong ha proposto che nella stazione ferroviaria di Kowloon, sulla nuova linea ad alta velocità Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong, il controllo sia affidato alla Cina. Diverse personalità democratiche temono che questo sia l’inizio di un processo in cui si cede alla Cina controllo legale e poliziesco sul territorio.

    La nuova linea ad alta velocità verrà inaugurata il prossimo anno e costerà circa 11 miliardi di dollari Usa. Il presidente Xi Jinping ha visitato il sito della stazione quando è venuto ad Hong Kong per celebrare i 20 anni del ritorno della ex colonia britannica alla Cina.

    Fino ad ora, come in tutte le frontiere, le operazioni di dogana e controllo dei passaporti, avvengono in due momenti separati, uno da parte cinese, l’altro da parte della polizia di Hong Kong.

    Con il nuovo metodo proposto dall’esecutivo del territorio, vi sarebbe solo un controllo ad opera di ufficiali cinesi.

    Il controllo di Pechino si estenderebbe nella zona di immigrazione, dogana, nella sala di aspetto, su tutte le piattaforme dei binari e sui treni. Anche se la zona è di fatto territorio di Hong Kong, sarebbe applicata la legge civile e criminale della Cina.

    I contrari alla proposta fanno notare che in questo modo si rischia di arrestare un cittadino di Hong Kong per azioni che nel territorio non sono considerati crimini e che invece lo sono in Cina. In tutti domina il timore che succeda qualcosa di simile a quanto è accaduto a degli editori-librai, scomparsi da Hong Kong e poi riemersi in Cina, sotto il controllo della polizia. Il loro “crimine” era quello di aver venduto libri che riportavano notizie piccanti sui leader cinesi e criticavano la leadership cinese.

    Per Martin Lee Chu-ming, ex parlamentare dei democratici e fra gli estensori della Basic Law, lasciare in mano alla Cina pezzi di territorio di Hong Kong significa vanificare la mini-costituzione della città, che permette stili e libertà diversi dalla Cina popolare, secondo il principio “una nazione, due sistemi”.

    “Una volta che si è posto un precedente - ha detto Martin Lee ad una radio locale - i molti problemi di Hong Kong possono essere facilmente risolvibili usando misure della Cina continentale”. Ad esempio, durante proteste, manifestazioni e sit-in (come è avvenuto al tempo del movimento degli ombrelli nel 2014), si rischierebbe di affidare alla Cina la responsabilità di attuare la sua legge e non quella di Hong Kong, che permette la libertà di espressione.

    I parlamentari del blocco democratico hanno promesso di porre il veto alla proposta del governo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/03/2015 CINA – HONG KONG
    Pechino “difende” la Basic Law di Hong Kong ma avverte: Potrebbe fallire
    ​Secondo un alto funzionario cinese, la formula “una nazione, due sistemi” potrebbe rivelarsi un errore. Per la democrazia nell’ex colonia britannica “non c’è bisogno di garanzie da parte della Cina”. Gli abitanti del Territorio “hanno violato le regole, e questo non porta sviluppo ma divisione sociale”.

    27/06/2017 15:17:00 HONG KONG - CINA
    I 20 anni di Hong Kong alla prova della visita di Xi Jinping

    Il presidente e sua moglie arrivano domani per diverse cerimonie. Barriere pesanti 2 tonnellate e schermi per la sicurezza. Deng aveva promesso “un Paese, due sistemi”, ma in questi anni la popolazione di Hong Kong ha dovuto lottare contro le leggi sulla sicurezza e per la democrazia. Molte dichiarazioni di Pechino esibiscono una cieca supremazia. La scontentezza dei giovani, tentati dallo “indipendentismo”.



    30/06/2017 09:19:00 HONG KONG - CINA
    Xi Jinping ispeziona le truppe ad Hong Kong. Le proteste degli attivisti

    Alla parata militare hanno partecipato anche soldati da Shenzhen. Membri di Demosisto si incatenano al monumento della bauhinia. Veglia per la liberazione di Liu Xiaobo. Arrestati e poi rilasciati 26 attivisti.



    28/06/2017 13:23:00 HONG KONG - CINA
    Cosa cambia e cosa resta degli ultimi 20 anni di Hong Kong. Il contributo dei cristiani

    Il passaggio della ex colonia britannica alla Cina nel 1997 non è stato indolore. Ma Pechino per diverso tempo ha rispettato lo stile di vita del territorio. Negli ultimi tempi si è accresciuta l’intromissione negli affari interni di Hong Kong. Soprattutto fra i giovani, vi è una forte reazione non solo per la democrazia, ma per l’autonomia. L’impegno per il bene comune da parte della Chiesa cattolica. Il card. Zen considerato un eroe della democrazia e degli emarginati. E’ ancora possibile costruire la fiducia fra governanti e governati. L’analisi di una ricercatrice dell’Università cinese di Hong Kong.



    01/07/2017 11:59:00 HONG KONG - CINA
    I 20 anni di Hong Kong: le minacce di Xi Jinping e le botte della polizia

    Il presidente cinese mette in guardia dal superare la “linea rossa” e domandare l’indipendenza di Hong Kong. I giovani devono studiare la costituzione cinese. Il governo deve attuare misure per una maggior sicurezza del territorio. Attivisti democratici picchiati da poliziotti e teppisti “patriottici della mafia di Hong Kong”. La marcia del primo luglio varata dopo la partenza di Xi Jinping da Hong Kong. Chiesta la liberazione di Liu Xiaobo. Ministero cinese degli esteri: La Dichiarazione comune fra Cina e Gran Bretagna del 1984 non ha alcun valore.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®