25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/08/2012, 00.00

    CINA - G.BRETAGNA

    La stella di Liu Xiang cade a Londra. La Cina discute

    Wang Zhicheng

    Liu si è accasciato al primo ostacolo. È il secondo fallimento dopo Pechino. La Xinhua lo loda come un "eroe nazionale", ma i blogger cinesi dicono che l'allenatore ha nascosto le reali condizioni fisiche del campione. L'immagine di Liu usata dalla propaganda del regime.

    Pechino (AsiaNews) - I tifosi cinesi sono rimasti stupefatti nel vedere il loro campione dolorante nella polvere. Ieri, l'ostacolista Liu Xiang si è fermato all'inizio della gara dei 110 metri, cadendo sul primo ostacolo. A Pechino nel 2008 si era fermato alla partenza, nella gara che lo aveva visto vincitore ad Atene, nel 2004.

    L'agenzia Xinhua la definisce una "tragedia", ed esalta Liu Xiang come "eroe nazionale e icona dello sport in Cina". Ma i blog e i commenti su internet, oltre a messaggi di solidarietà, portano anche critiche e sospetti.

    Liu Xiang, 29 anni, sembrava essersi rimesso da una frattura al calcagno, avvenuta nel maggio 2008, pochi mesi prima delle Olimpiadi di Pechino. In prossimità dei Giochi la figura di Liu è stata usata da tutti gli sponsor per pubblicizzare ogni consumo, la sua foto in cui egli appare avvolto dalla bandiera cinese, è onnipresente.

    Ma allo scatto della partenza si accascia dal dolore, proprio mentre "1,3 milioni di paia di occhi lo guardano", come lui ha detto una volta. Qualcosa di simile è avvenuto ieri, mentre Liu saltava il primo ostacolo. Da grande campione, saltellando su un solo piede, ha raggiunto l'ultimo ostacolo, l'ha baciato e si è seduto su una sedia a rotelle, trasportato dagli infermieri.

    I cinesi non capiscono come mai egli abbia voluto concorrere, pur sapendo che il suo calcagno destro (il tendine di Achille, in particolare) non era perfettamente guarito.

    Su internet i commentatori fanno notare che prima della gara, mentre tuti gli altri atleti facevano riscaldamento con piccole corse, Liu Xiang stava fermo. Alcuni suppongono che egli abbia tenuto in sospeso fino alla fine il pubblico per salvare i suoi contratti pubblicitari. Feng Shuyong, il capo degli atleti cinesi, esalta invece il comportamento di Liu Xiang, fedele allo "spirito olimpico" in cui "l'importante non è vincere, ma partecipare".

    Alcuni reporter cinesi hanno detto che le autorità della propaganda hanno diramato indicazioni per i giornalisti, secondo cui "il fatto che Liu si presenti deve essere considerata una vittoria" e che bisognava evitare di registrare critiche su Liu.

    Alcuni commenti sui blog fanno notare che in Cina già da tempo si parlava di un possibile fallimento di Liu Xiang e del suo non essere al massimo livello della forma fisica. Ma si domandano perché l'allenatore ha nascosto la vera entità dei problemi del campione.

    Altri ancora criticano l'atteggiamento della Cina verso lo sport, tutto teso a vincere medaglie d'oro, senza promuovere lo sport a tutti i livelli. "In una nazione dove solo poche scuole elementari e medie hanno un campo di calcio o educazione fisica, è ridicolo contare su Liu per salvare la nostra faccia", ha scritto Huang Jianxiang su Sina Weibo. "La gloria passata di Liu - ha aggiunto - è stata usata come scudo per giustificare il sistema nazionale (juguo tizhi), ma oggi il fallimento lo ha reso inutile".

    Molti atleti presenti a Londra hanno invece apprezzato la presenza di Liu. Il campione Usain Bolt, definendo Liu un "vero campione", ha aggiunto: "Deve essere difficile [per lui] quello che è accaduto per la seconda volta. È un grande atleta".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/08/2012 CINA
    Tutto è falso in Cina, anche le lacrime per Liu Xiang
    Un giornale rivela che i commenti televisivi sul fallimento di Liu Xiang alle Olimpiadi di Londra erano preparati: i giornalisti sapevano che egli non avrebbe gareggiato e la propaganda del governo ha intimato il silenzio. Governo, media e coach olimpici sotto accusa: "Vi siete beffati di noi".

    08/04/2015 CINA
    A 31 anni si ritira il campione Liu Xiang, stella della corsa ad ostacoli
    Vincitore dell’oro alle Olimpiadi di Atene nel 2004, la sua disfatta è avvenuta proprio davanti al suo pubblico, durante le Olimpiadi di Pechino nel 2008. Da allora ha avuto sempre problemi con il tallone d’Achille. Contratti milionari con Coca-Cola e Nike.

    30/08/2008 CINA
    Revocato il lager per le due vecchiette di Pechino
    Erano state condannate a un anno di “rieducazione attraverso il lavoro” per aver domandato il permesso di protestare durante le Olimpiadi. Nessun motivo pubblico per la revoca: forse solo preoccupazione per l’immagine.

    22/07/2008 CINA
    Scarsi i turisti stranieri nella Pechino olimpica
    In difficoltà l’intero settore alberghiero, dimezzato il prezzo di una camera. Se non diminuirà l’inquinamento, previsto un blocco totale del traffico privato.

    28/03/2007 CINA
    Una medaglia di giada per Pechino 2008
    I vincitori delle prossime Olimpiadi riceveranno medaglie raffiguranti da un lato la classica dea alata Nike e dall’altro un dragone intarsiato nella giada. La presentazione di queste nuove medaglie ha riscosso entusiasmo: nell’unione tra giada e metallo i cinesi leggono l’unione tra occidente e oriente.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®