17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/09/2017, 09.29

    PAKISTAN

    Lahore, cristiano condannato a morte per ‘blasfemia su Whatsapp’



    La sentenza è stata emessa il 14 settembre. Nadeem James era detenuto da luglio 2016. Un amico lo ha accusato di aver inviato un poema che offende l’islam. L’avvocato farà appello all’Alta corte. Ha ricevuto minacce di morte e rimane in carcere.

    Lahore (AsiaNews) – Nadeem James, cristiano del Punjab, è stato condannato a morte con l’accusa di aver insultato il profeta Maometto su Whatsapp. La sentenza è stata emessa il 14 settembre dal tribunale di Lahore, che ha accolto la denuncia del suo accusatore, l’amico Yasir Bashir. Per ragioni di sicurezza, la lettura del verdetto è avvenuta in carcere. Infatti il cristiano è stato minacciato di morte da alcuni imam, che hanno promesso di far pagare a lui e alla sua famiglia le presunte offese all’islam.

    Anjum Wakeel, avvocato difensore del cristiano, ha dichiarato che ricorrerà in appello presso l’Alta corte. Davanti ai giudici di grado superiore egli spera che venga accertata la verità: cioè che James è stato incastrato dall’amico, geloso della relazione sentimentale tra il cristiano e una ragazza musulmana.

    Il caso di James era scoppiato nel luglio 2016, quando egli è stato incolpato di aver inviato un poema blasfemo tramite la famosa applicazione di messaggistica. Egli risiedeva nella Father Colony della città di Sraey Alamgir (distretto di Gujrat), e si era dato alla fuga per paura di essere ucciso dai musulmani. A suo tempo, il Pakistan Christian Post ha denunciato che per spingerlo a consegnarsi alle autorità, la polizia locale ha arrestato e abusato le due sorelle.

    In Pakistan la blasfemia è punita con la pena di morte ed è un tema che divide la società. Anche il solo sospetto può provocare la reazione violenta dei difensori del Corano. Un esempio su tutti, il feroce linciaggio di Mashal Khan, studente dell’università di Mardan, punito dai colleghi del campus dopo che si era sparsa la voce di suoi commenti “che promuovevano la fede ahmadi su Facebook”, considerata eretica dalla maggioranza musulmana. In seguito, un’indagine voluta dalla Corte suprema ha stabilito che il giovane di 23 anni non ha mai pronunciato offese contro il profeta. Prima di lui, almeno altre 62 persone sono state uccise tra il 1987 e il 2015, tra cui l’ex governatore del Punjab Salman Taseer, punito per aver criticato la “legge nera” sulla blasfemia e difeso Asia Bibi, la madre cristiana da sette anni in attesa di giudizio. Anche su di lei, come ora per Nadeem James, pende l’esecuzione per blasfemia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2017 11:46:00 PAKISTAN
    Lahore, cristiano evangelico accusato di blasfemia, avrebbe strappato pagine del Corano

    Shahbaz Babu rischia la pena capitale. È incolpato di aver scritto il suo nome sulle pagine del libro sacro dell’islam, ma il cristiano è del tutto analfabeta. La denuncia sarebbe una ritorsione per questioni economiche. L’arrestato è popolare anche tra alcuni musulmani perché organizza incontri di preghiera.



    18/04/2017 11:54:00 PAKISTAN
    Imam pakistani chiedono l’esecuzione di Asia Bibi, dopo il linciaggio dello studente di Mardan

    Per i leader islamici l’impiccagione della madre cristiana sarebbe un deterrente per le violenze di massa. Per loro è giustificabile il comportamento degli studenti che hanno ucciso e seviziato un loro collega per presunta blasfemia. Commissione Giustizia e pace: “Le università devono insegnare il pensiero critico, le virtù della tolleranza, della coesistenza e dell’accettazione”.



    04/01/2011 PAKISTAN
    Assassinato il governatore del Punjab. Aveva chiesto la grazia per Asia Bibi
    Salman Taseer è stato ucciso oggi a Islamabad da una delle sua guardie del corpo. Secondo il ministro dell’interno l’assassino lo avrebbe ucciso per aver definito “Nera” la legge sulla Blasfemia.

    10/01/2011 PAKISTAN
    Karachi: 50mila in piazza in difesa della legge sulla blasfemia
    La marcia organizzata da leader fondamentalisti, che celebrano l’assassino di Salman Taseer come “eroe dell’islam”. Appello del papa al governo pakistano per la cancellazione della norma, perché “pretesto” per violenze e ingiustizie. Cristiani pakistani pregano per il governatore del Punjab, definito “un martire” dal quotidiano saudita Arab News.

    08/01/2011 PAKISTAN
    Punjab: l’assassino di Salman Taseer vicino ai movimenti islamici
    Mumtaz Qadri affiliato al gruppo conservatore Dawat-i-Islami. I leader fondamentalisti celebrano l’omicida e chiedono di boicottare il lutto per la morte del governatore. Domani a Karachi marcia a favore della legge sulla blasfemia. I cattolici pregano per Taseer e invocano “indagini approfondite” sulla vicenda.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®