25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/03/2017, 15.25

    PAKISTAN

    Lahore, ex lavoratore agli arresti domiciliari: aveva chiesto di essere pagato il giusto

    Kamran Chaudhry

    Muhammad Iqbal è in causa con il suo ex datore di lavoro, che lo sfruttava per pochi euro al mese. In Pakistan 2,3 milioni di persone svolgono lavori in condizioni di schiavitù. È diffusa la pratica di far ripagare il debito del padre tramite l’impiego del figlio. Il 65% dei lavoratori schiavi è cristiano.

    Lahore (AsiaNews) – Aveva chiesto di essere pagato il giusto, ma il datore di lavoro lo ha prima minacciato e poi costretto a licenziarsi; ora vive agli arresti domiciliari nella sua casa di Lahore. È la storia di Muhammad Iqbal, uno dei tanti lavoratori delle fabbriche dei mattoni del Pakistan, sfruttato per anni per pochi euro al mese. Ad AsiaNews racconta che la sua vita è cambiata lo scorso anno, dopo aver partecipato ad un “seminario per la consapevolezza”, che gli ha dato la forza di ribellarsi. “Per anni sono stato pagato 500 rupie (4,5 euro) ogni 1000 mattoni. Nonostante l’aiuto dei miei figli, passavo tutto il giorno immerso nel fango. Dopo il seminario ho chiesto di essere pagato 962 rupie, in base a quanto stabilito dal governo del Punjab”. Le sue richieste non sono state ben accolte dal datore di lavoro. “Ho iniziato a ricevere minacce – continua – fino a quando i miei ex colleghi hanno barricato l’entrata del nostro quartiere e stazionato di fronte alla mia casa. Il mio capo ha pure contestato l’educazione dei miei figli. Dopo quegli odiosi argomenti, ho lasciato la fabbrica”.

    La testimonianza dell’ex lavoratore forzato è stata presentata ieri, in occasione di una conferenza stampa al Lahore press club. Iqbal e altri tre colleghi della fabbrica situata a Mominpura hanno sporto denuncia contro l’ex datore di lavoro e ora sono in causa. Egli ha trovato impiego presso un’azienda edile e viene pagato alla giornata.

    La sua storia è simile a tante altre. Nella sola provincia del Punjab esistono 10mila mattonifici. Secondo il Bonded Labour Liberation Front Pakistan (Bllfp), nel Paese ci sono 2,3 milioni di lavoratori schiavi, compresi donne e bambini. Dati recenti del Global Slavery Index pongono il Paese al terzo posto a livello mondiale tra quelli che impiegano più sfruttano i lavoratori, dietro solo a India e Cina.

    Il fenomeno è diffuso soprattutto nelle province del Punjab e del Sindh, dove si verificano forme moderne di schiavitù. Una di queste è la pratica del sistema “peshgi” (anticipo), secondo cui quando un componente della famiglia chiede in prestito dei soldi, il datore di lavoro può esigere che il debito venga estinto con l’impiego del figlio.

    In Punjab sono state approvate una serie di norme a tutela del lavoro che dovrebbero punire le pratiche coercitive. Si tratta del Bonded Labour System (Abolition) Act 1992, del Bonded Labour System (Abolition) Rules 1995 e del Punjab Prohibition of Child Labour at Brick Kilns, siglato lo scorso anno con l’intento di proteggere proprio i bambini.

    Gruppi di attivisti lamentano però che tali normative rimangono inapplicate in larga scala. Mahar Safdar Ali, direttore dei programmi del Bllfp, riporta che “il 65% dei lavoratori schiavi è cristiano. I titolari delle fabbriche di mattoni preferiscono assumere dipendenti non musulmani, ben sapendo che essi non hanno competenze legali, educazione e assistenza sanitaria. La classe sociale dimenticata è l’ideale per il lavoro a poco prezzo”.

    Ieri durante la conferenza stampa si è parlato anche del caso di tre cristiani, torturati e tenuti dietro le sbarre. Lo scorso ottobre Salim Masih, Farooq Masih e Asif Masih hanno denunciato il padrone per la misera paga. A sua volta quest’ultimo li ha accusati di furto. La polizia di Pattoki, nel distretto di Kasur, aggiunge Ali, “li ha prelevati in modo forzato dalle proprie case. È passata una settimana e ancora non sono stati portati davanti al giudice. Stanno ricevendo pressioni affinchè ritirino la denuncia. I proprietari dei mattonifici hanno forti legami con i ministeri del Lavoro e della Giustizia. Nessuno di essi è mai stato punito in questo Paese”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/02/2010 CINA
    Hubei: ancora disabili costretti al lavoro nelle fabbriche di mattoni
    Rapiti e forzati a lavorare tutto il giorno per pochi centesimi. Una televisione locale denuncia il nuovo scandalo, che peraltro era emerso da quasi due anni.

    24/11/2016 12:02:00 PAKISTAN
    Lahore, pena di morte per gli assassini della coppia cristiana bruciata viva per blasfemia

    Nel 2014 i coniugi Shahzad e Shama sono stati linciati e gettati in un forno. Erano genitori di tre bambini, ora accuditi da un’associazione cattolica. I cinque musulmani condannati dovranno anche pagare una multa. “Il verdetto va nella giusta direzione per garantire lo Stato di diritto”.



    08/09/2011 CINA
    La polizia libera 30 schiavi nelle fabbriche di mattoni dell’Henan
    Sono disabili mentali gravi, rapiti e venduti per 300 yuan, da molti anni; costretti a turni di lavoro massacranti senza paga e pestati per ogni trasgressione. Ora la polizia cerca le famiglie, ma alcuni nemmeno sanno il nome e hanno difficoltà a parlare. Nella grande Cina rimane attuale la schiavitù, specie di disabili e bambini.

    18/07/2007 CINA
    Le peggiori fabbriche con schiavi esistono ancora
    Genitori di bambini schiavi spiegano che in molte fabbriche non è stato arrestato nessuno e che la polizia protegge gli schiavisti. Ritengono “lievi” le pene date ai pochi riconosciuti colpevoli, anche se un sorvegliante è stato condannato a morte per avere ucciso di botte un operaio. Solo qualche anno di carcere al proprietario.

    09/05/2013 INDONESIA
    Jakarta, società civile in rivolta per il dramma dei 34 lavoratori “schiavi”
    La scorsa settimana la polizia ha rinvenuto un gruppo di giovani costretti a vivere in condizioni disumane. I padroni avrebbero goduto di “coperture” nelle forze dell’ordine. Arrestate cinque persone, altre due latitanti. Il presidente indonesiano assicura provvedimenti urgenti, ma la popolazione è indignata e preoccupata per il modello di sviluppo.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®