06/04/2018, 12.09
PAKISTAN
Invia ad un amico

Lahore, le minoranze hanno ‘diritto all’istruzione senza essere discriminate’

di Shafique Khokhar

La “Politica educativa” del 2017 ignora il diritto alla libertà religiosa nelle scuole. Gli studenti cristiani e indù vittime di pregiudizi ed episodi di violenza. Di fatto è obbligatorio l’insegnamento dell’islam. Gli studenti che “apprendono il Corano con il cuore” hanno un punteggio maggiore per l’ingresso nei college.

Lahore (AsiaNews) – “Diritto all’istruzione senza discriminazione”: è il tema di una conferenza che si è svolta ieri alla Information Technology University di Lahore. L’incontro era organizzato dal Centre for Social Justice in collaborazione con il Centre for Governance and Policy dell’ateneo. I partecipanti hanno evidenziato il clima di intolleranza religiosa che circonda il sistema educativo del Pakistan e proposto misure per incrementare il tasso di alfabetizzazione e l’inclusione degli studenti cristiani e indù, discriminati nella scuola e sul posto di lavoro per la propria fede.

Il seminario ha radunato rappresentanti delle minoranze religiose, attivisti, della società civile e della politica. Dall’incontro è emerso che la “Politica educativa” approvata nel 2017, e che sostituisce la precedente del 2009, si fonda sugli articoli 31 e 25-A della Costituzione pakistana, cioè sullo stile di vita islamico e sul diritto all’istruzione libera e obbligatoria. Ma questa politica, sottolineano i partecipanti, ignora le garanzie previste dalla carta fondamentale agli articoli 20, 22 e 36 sulla libertà religiosa, la salvaguardia e il rispetto della religione contro la discriminazione nelle scuole e la protezione dei diritti delle minoranze religiose.

Secondo Nazir Qaisar, noto poeta cristiano, “l’istruzione è una questione laica e pertanto non devono esserci pregiudizi e discriminazione all’interno del sistema educativo. Lo scopo dell’istruzione è spingere una persona ad apprezzare il genere umano, e questo richiede un modo di pensare avanzato che deriva solo dall’istruzione laica. La divisione di classe produce divisioni e nei nostri istituti ci sono divisioni religione, ceto e razza. Domando con forza un programma di studi basato su laicismo, amore e unità”.

Peter Jacob, direttore del Centre for Social Justice, aggiunge: “Lo scorso anno il governo ha predisposto una politica scolastica che è la replica della precedente, nel senso che fallisce nell’obiettivo di eliminare le discriminazioni religiose. Viene da chiedersi a che serva una nuova politica. Dato che per le minoranze non c’è posto nel nuovo programma, è chiaro che si tratta di una politica cieca sulle diversità. Bisogna sradicare il pregiudizio che ha portato ad episodi di estremismo religioso, come quello avvenuto a Sharon Masih [il ragazzo ucciso dai compagni di scuola per razzismo religioso, ndr]”. Allah Bakhsh Malik, segretario per l’educazione nel Punjab, ammette che “i libri scolastici sono ancora pieni di discorso dell’odio e pregiudizi”. Poi fa sapere che l’amministrazione “sta assumendo insegnanti preparati che potranno insegnare ai bambini con mente aperta e senza discriminazione”.

Durante l’incontro sono stati evidenziati gli aspetti critici del sistema scolastico pakistano. Tra questi, il fatto che l’insegnamento dell’islam sia obbligatorio – sulla carta – solo per gli studenti musulmani, mentre per i cristiani sono previste lezioni alternative di “etica”. Ma poi nei fatti è impossibile per i cristiani accedere a tali corsi. Inoltre circa il 30-40% dei programmi di studio verte sulla storia e sulla lingua della religione di maggioranza e anche gli studenti delle minoranze devono superare gli esami su tali materie.

I relatori hanno ribadito che nei testi è presente materiale che incita all’odio; che lo studente “Hafiz-e-Quran” (colui che impara il Corano con il cuore) ottiene dai 10 ai 20 punti in più per l’ammissione in scuole professionali e nei luoghi di lavoro; infine, che dal 2017 la provincia del Khyber Pakhtunkhawa e i governi federali hanno reso obbligatorio lo studio dell’islam per i musulmani, mentre gli studenti delle minoranze non possono studiare la propria fede.

Un sistema scolastico così discriminante, lamentano, ha prodotto studenti meno istruiti rispetto ai colleghi musulmani: i cristiani l’11% in meno della media nazionale, gli indù il 30% in meno. Per questo nell’incontro sono state proposte una serie di misure per colmare il divario: rivedere i programmi scolastici ed eliminare i contenuti offensivi; assicurare la tolleranza religiosa; i governi locali e federale devono offrire un programma di recupero per gli studenti delle minoranze; assicurare che indù e cristiani possano apprendere nozioni sulla propria fede; consentire anche alle minoranze di avere un punteggio maggiore per l’accesso ai college e ai posti pubblici; includere lo studio di personalità rilevanti tra le minoranze religiose che hanno contribuito alla creazione e allo sviluppo del Paese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Islamabad, minoranze religiose sempre meno rappresentate
23/11/2017 11:40
Goa, cattolico arrestato per le croci dissacrate: ma per qualcuno è fumo negli occhi
17/07/2017 11:13
India: nuovo decreto sull'istruzione, apre tutte le scuole alle minoranze
14/03/2006
Appello di più di 200 scrittori indiani per le elezioni: No alla politica dell’odio
03/04/2019 09:46
Attivisti: sdegno per il genero di Nawaz Sharif che ha chiesto discriminazioni per gli ahmadi
21/10/2017 10:33