23 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/03/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Lahore, paura e angoscia fra i familiari della giovane arrestata per blasfemia

    Jibran Khan

    Shamim Masih è da giorni in stato di fermo con l’accusa di aver insultato Maometto. Fonti locali raccontano è stata punita per essersi rifiutata di convertirsi all’islam. La famiglia in silenzio nel timore di rappresaglie. Vescovo di Islamabad: un “nuovo abuso” contro i cristiani in nome della “legge nera”.

    Lahore (AsiaNews) - Sono in preda al terrore e alla paura i familiari di Shamim Masih, 26enne cristiana pakistana, originaria del Punjab, agli arresti con l'accusa di blasfemia. La giovane, madre di una bambina di cinque mesi, è in stato di fermo dal 28 febbraio scorso presso la caserma del distretto di Bahawalnagar, a Lahore, perché avrebbe pronunciato "insulti al profeta Maometto". In realtà, raccontano fonti in condizioni di anonimato, l'hanno incriminata alcuni parenti - convertiti di recente all'islam - perché si è rifiutata di compiere la medesima scelta. "Sono felice della mia fede cristiana" avrebbe detto loro in risposta alle lusinghe, scatenando una violenta reazione sfociata prima in minacce e poi nell'infamante capo di imputazione.  

    La famiglia di Masih vive giornate di angoscia e preferisce non rilasciare dichiarazioni alla stampa, nel timore di esacerbare gli animi e scatenare rappresaglie di gruppi estremisti. Intanto leader della Chiesa cattolica condannano l'ennesimo caso di abuso della "legge nera", emerso in concomitanza con l'appello lanciato da 50 attivisti per i diritti umani e personalità politiche di primo piano all'Onu per la liberazione di Asia Bibi (cfr. AsiaNews 14/03/2012 Petizione all'Onu per Asia Bibi. In Pakistan, un'altra cristiana accusata di blasfemia).

    Il vescovo di Islamabad/Rawalpindi mons. Rufin Anthony afferma ad AsiaNews che "si tratta di un fatto scioccante" perché ancora una volta "vi è un abuso della legge sulla blasfemia nel Punjab". Il prelato ricorda la demolizione dell'istituto cattolico a Lahore, in cui sono andati distrutti "una chiesa, bibbie, una statua della Vergine Maria" e "non è stato aperto un fascicolo di inchiesta" in base alla "legge nera" pur davanti a prove evidenti. In questo caso, al cospetto di prove inconsistenti e per un fatto minore, i solerti poliziotti "hanno aperto immediatamente un caso in base alla norma 295-C del Codice penale" contro una cristiana. Egli auspica l'intervento delle autorità competenti perché "siano assicurati ordine e giustizia" per la donna.

    Parole dure vengono espresse anche da p. John Mall, sacerdote e attivista di Multan, secondo cui vi è "un abuso enorme" della legge sulla blasfemia che viene sfruttata per colpire le minoranze senza che vi sia un monitoraggio attento e puntuale del fenomeno. "Il governo del Punjab - aggiunge - è un osservatore silenzioso e consente che vi siano questo tipo di abusi della legge". Egli sottolinea che "è giunto il tempo di farsi sentire", altrimenti la comunità cristiana "sarà zittita per sempre".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2012 PAKISTAN – ONU
    Petizione all’Onu per Asia Bibi. In Pakistan, un’altra cristiana accusata di blasfemia
    Al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite 50 attivisti e intellettuali hanno presentato un appello a Islamabad, per la liberazione della donna. I firmatari denunciano gli abusi perpetrati in base alla “legge nera” e le pessime condizioni in carcere. Intanto a Lahore emerge un nuovo caso: una 26enne denunciata perché si è rifiutata di convertirsi all’islam.

    31/03/2011 PAKISTAN
    Ministro pakistano all’Interpol e al Papa: punite il rogo del Corano in Florida
    Rehman Malik ha scritto lettere a Benedetto XVI e all’agenzia internazionale, chiedendo la condanna del gesto e provvedimenti esemplari. Il Senato approva una risoluzione in cui chiede agli Usa di colpire il predicatore evangelico. I cristiani pakistani sottolineano l’appartenenza al Paese e biasimano il “folle” gesto, causa di nuove persecuzioni.

    30/03/2011 PAKISTAN
    Shahbaz Batthi ucciso da una “mafia” di fondamentalisti che tengono in ostaggio il governo
    Il ministro delle minoranze, Salman Taseer e altri vittime di “movimenti organizzati” che lottano per il potere. Le violenze hanno generato paure tali da far cadere ogni discussione in merito alla legge sulla blasfemia. Ma i cristiani devono coltivare la speranza e, con l’aiuto della Chiesa universale, costruire un futuro migliore.

    24/05/2011 PAKISTAN
    Asia Bibi: dopo la morte di Bin Laden, rafforzata la sicurezza in carcere
    Il presidente della Masihi Foundation conferma il crescente livello di allerta attorno alla madre cattolica, condannata a morte per blasfemia. La fede della donna resta salda, prega e digiuna per i cristiani e il Pakistan. L’attivista aggiunge che nel Paese prende piede “una forma peggiore di estremismo”.

    20/04/2011 PAKISTAN
    Candele accese per Asia Bibi. Vescovo di Islamabad: la fede la renderà libera
    In Pakistan e in tutto il mondo preghiere e messe speciali per la 45enne cristiana, condannata a morte per blasfemia. Intanto è al sicuro con la famiglia Arif Masih, arrestato e poi prosciolto in base alla legge nera. Ad AsiaNews dichiara di essere in buone condizioni, in carcere nessuna violenza. Nuovo attacco contro un cristiano a Mardan.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®