13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/05/2010, 00.00

    PAKISTAN

    Lahore: cristiani accusati di blasfemia, costretti ad abbandonare le loro case



    Cinque giovani avrebbero “profanato” uno stendardo contenente versetti tratti dal Corano. Per evitare il processo e tensioni fra cristiani e musulmani, essi hanno dovuto lasciare le abitazioni. Il 26 maggio la sentenza per Matha Bibi, 45enne madre di sei figli, accusata di aver diffamato il profeta Maometto. La donna rischia la condanna a morte.
    Lahore (AsiaNews) – Cinque ragazzi cristiani, accusati in base alla famigerata legge sulla blasfemia, hanno dovuto abbandonare le loro case per evitare violenze da parte di estremisti islamici. Il fatto è avvenuto nell’area di Green Town, a Lahore, città del Pakistan orientale dove il 26 maggio prossimo si concluderà il processo per blasfemia a carico di Martha Bibi. Se riconosciuta colpevole, la donna rischia fino alla condanna a morte.
     
    Sohail Johnson, coordinatore di Sharing Life Ministry Pakistan (SLMP), conferma ad Assist News Service (Ans) che “cinque ragazzi cristiani hanno dovuto abbandonare le loro case” nella zona di Green Town; in caso contrario, essi avrebbero dovuto “rispondere dell’accusa di blasfemia”. I giovani cristiani – Shoaib Ilyas, Chaman Ashraf, Ashar Masih, Neeta Masih e Sunny – sono serviti come capro espiatorio, nel contesto di una situazione già di tensione fra la maggioranza musulmana e la comunità cristiana.
     
    I giovani cristiani sono accusati di aver “profanato” uno striscione contenente versetti tratti dal Corano. Secondo l’inchiesta condotta da SLMP, il 30 aprile scorso il gruppo si trovava nei pressi di un palo della corrente. Il forte vento ha fatto cadere lo striscione contenente i versetti coranici, che è stato raccolto da Shoaib e consegnato a un musulmano che si trovava nelle vicinanze. Questi, più tardi, ha accusato il giovane cristiano e i suoi amici di aver “profanato” lo stendardo.
     
    Per stemperare la crescente tensione e la possibile accusa di blasfemia a carico dei giovani – reato che può costare l’ergastolo e anche la condanna a morte – i due fronti hanno raggiunto un accordo: la riconciliazione fra cristiani e musulmani è stata condizionata alla partenza dei cinque dall’area di Green Town.
     
    Intanto un tribunale di Lahore ha fissato al 26 maggio prossimo la sentenza del processo per blasfemia a carico di Martha Bibi, 45enne cristiana, sposata e madre di sei figli. La donna è imputata in base alla sezione 295 C del Codice penale pakistano, con l’accusa di aver diffamato il profeta Maometto.
     
    Il fatto risale al 22 gennaio 2007 e, se riconosciuta colpevole, Martha rischia la condanna a morte. Fonti cristiane spiegano che dietro il presunto caso di blasfemia, in realtà, vi sarebbero delle fatture non saldate da un musulmano alla donna e al marito per la fornitura di materiale edile.
     
    Martha Bibi ha preso parte al dibattimento in aula coperta da un velo, nel timore di nuovi attacchi da parte di estremisti islamici. Sohail Johnson, che segue da vicino il processo, invita i cristiani di tutto il mondo a pregare per la “protezione di Martha” e “il proscioglimento dalle accuse”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2011 PAKISTAN
    Rapporto annuale di Giustizia e pace: violenze e abusi contro le minoranze pakistane
    Lo Human Rights Monitor 2011 di Ncjp racconta non solo i casi di violazione ai diritti umani, ma elabora anche proposte per migliorare la società e il Paese. Esso contiene casi emblematici di persecuzione e i dati relativi a omicidi, incriminazioni per blasfemia e persecuzioni verso i non musulmani. Nel 2010, 40 persone incriminate per blasfemia; 37 gli uccisi.

    13/12/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
    In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.

    21/11/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
    Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto "indagini approfondite" prima di emettere la condanna. E auspica che "la cultura della pace e dell'armonia religiosa" possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.

    04/11/2011 PAKISTAN
    Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
    Cornelius Mohsin, imprenditore con la passione della politica, vive da anni negli Usa. Amico e collaboratore di Shahbaz Bhatti, potrebbe tornare nel Paese di origine e contribuire alla nascita di un movimento politico che promuova i diritti delle minoranze e una migliore scolarizzazione. Il progetto è accolto con favore dal vescovo di Islamabad, che assicura il sostegno dei cattolici.

    12/05/2011 PAKISTAN
    Mons. Saldanha: cristiani pakistani, sotto le violenze riscoprono Dio
    La loro situazione è difficile e gravosa, molti appartengono a classi sociali basse, svolgono lavori umili e vengono emarginati. Spesso le relazioni con i musulmani sono tra “servo e padrone”. Arcivescovo emerito di Lahore: senso di inquietudine e paura, ma la Chiesa è fonte di “consolazione”.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®