30/09/2015, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Le Filippine rilanciano la Laudato sì: tradotta in tagalog, essa “ispira” il risparmio energetico

L’edizione a cura della Claretian Communications. La parrocchia di Nostra Signora degli Angeli di Atimonan installa pannelli solari sul tetto. L’impianto da 5 kw consentirà un risparmio mensile di circa 230 euro. La parrocchia impegnata anche contro la costruzione di un impianto elettrico a carbone. Presidente Conferenza episcopale filippina: “L’enciclica ci insegna che il nocciolo della questione del cambiamento climatico è la giustizia”.

Manila (AsiaNews) – La Laudato sì, la lettera enciclica di papa Francesco pubblicata a fine giugno, è stata tradotta per intero in tagalog. Il testo, accorato appello alla cura dell’ambiente e delle sue creature, è stato presentato alla recente Fiera internazionale del libro a Manila e risponde alla richiesta della Conferenza episcopale delle Filippine (Cbcp) di studiare, riflettere e attuare il messaggio “verde” del papa. In questa ottica di ecologia integrale, la parrocchia di Nostra Signora degli Angeli di Atimonan (nella provincia centro-settentrionale di Quezon) ha installato pannelli solari sul tetto dell’edificio, per diminuire il consumo di energia elettrica e sfruttare quella del sole.

La traduzione della “Laudato sì” è pubblicata dalla casa editrice Claretian Communications, ad opera di Leo R. Ocampo. L’autore della traduzione ha usato la versione spagnola del testo e l’ha adattata alla lingua ufficiale tagalog. Il card. Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila e presidente di Caritas Internationalis, ha dichiarato: “Se da una parte il documento non ha la pretesa di risolvere problemi scientifici, dall’altra offre un’analisi pastorale, un appello sostenuto dalla Bibbia, dalla dottrina sociale della Chiesa, dai pronunciamenti dei pontefici e un’interpretazione delle condizioni ecologiche che ci troviamo ad affrontare oggi”.

L’arcivescovo Socrates Villegas, presidente della Cbcp, ha poi aggiunto: “La Laudato sì ci insegna che il nocciolo della questione del cambiamento climatico è la giustizia”.

L’invito ad una conversione ecologica è stato accolto dalla parrocchia di Nostra Signora degli Angeli di Atimonan. P. Emmanuel Villareal, il parroco, durante l’accensione dei pannelli solari ha dichiarato: “Facendo piccoli passi verso una ‘chiesa verde’, diamo un importante messaggio: passare alle energie rinnovabili è possibile e noi iniziamo dalla nostra comunità”.

L’impianto da 5 kw sfrutta l’energia prodotta da sole e sarà in grado di soddisfare il 50% del fabbisogno energetico della parrocchia, con un risparmio mensile di circa 12mila pesos filippini (circa 230 euro). La parrocchia, che si trova nella diocesi di Lucena, è attiva a livello ambientale anche contro la costruzione di un impianto elettrico alimentato a carbone da 1.200 megawatt nel villaggio di Villa Ibaba, vicino la città di Atimonan. Caritas Filippine sta sostenendo le azioni del clero di Lucena.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Toyota lancia l’auto ibrida a pannelli solari
08/07/2008
Pechino impone lo stop alle acciaierie dell’Hebei
07/09/2010
Inizia il volo Solar Impulse 2, il giro del mondo senza carburanti
09/03/2015
Nepal, mele e fagioli in abbondanza grazie all’irrigazione che viene dal Sole
14/03/2019 15:37
Europa divisa sui dazi ai pannelli solari della Cina
28/05/2013