24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 23/10/2006, 00.00

    CINA

    Leader anglicano invita i cristiani cinesi "a sviluppare una libertà interiore"



    L'arcivescovo di Canterbury conclude oggi la sua visita di due settimane in Cina, dove ha notato "un crescente spirito di apertura". In un anno Pechino ha arrestato quasi 2 mila protestanti non ufficiali.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L'arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, leader della chiesa anglicana, ha invitato ieri i cristiani di tutta la Cina "a sviluppare una libertà interiore, necessaria a servire i veri interessi della nazione".

    Il primate, punto di riferimento per circa 77 milioni di anglicani in tutto il mondo, ha celebrato una funzione nella chiesa protestante della capitale, a Chaoyang. Nel corso del suo sermone, egli ha sottolineato che "i cristiani devono sviluppare quella libertà che permette di vedere la verità su noi stessi e sulla nostra società. Solo tramite la preghiera e la riflessione si arriva a questa libertà, che porta a capire di cosa ha bisogno la propria nazione".

    Williams ha poi aggiunto che "è molto importante che esistano nella nostra società delle persone in grado di capire e comunicare che la questione della libertà non riguarda solo la prosperità economica, ma abbraccia l'intera dignità umana".

    Williams  è il primo leader anglicano a visitare la Cina da oltre 10 anni: riparte oggi dal Paese dopo una visita di due settimane su invito delle autorità religiose cinesi che lo ha portato a Shanghai, Nanjing, Wuhan, Xian e Pechino. Nel corso del suo viaggio, egli ha incontrato diversi rappresentanti dei governi locali e nazionali ed ha discusso con loro di questioni come censura, pena di morte, invecchiamento della popolazione e sviluppo industriale.

    Prima di ripartire, il primate della chiesa anglicana ha aggiunto che i cristiani devono sostenere il concetto di armonia sociale proposto dai leader comunisti all'ultimo Plenum del Partito ed ha notato che nel Paese si respira "un crescente spirito di apertura, con un sorprendente livello di dibattito sulle questioni pubbliche".

    "Non è più vero, se mai è stato vero – ha concluso – che essere cristiani significa non essere cinesi: siamo incoraggiati a cercare una chiesa che cerca di portare avanti con onestà la sua missione, per trovare un linguaggio che sia proprio del posto in cui si trova".

    Pechino permette la pratica del  protestantesimo solo all'interno del Movimento delle tre autonomie (MTA), nato nel 1950 dopo la presa di potere di Mao e l'espulsione dei missionari stranieri e dei leader delle Chiese. Le statistiche ufficiali dicono che in Cina vi sono 10 milioni di protestanti ufficiali, tutti uniti nel MTA, di cui fa parte anche la piccola comunità anglicana.

    I protestanti non ufficiali, che si radunano nelle "chiese domestiche" non registrate, sono stimati ad oltre 50 milioni. Durante lo scorso anno, il governo ha arrestato 1958 pastori e fedeli non ufficiali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/10/2006 CINA
    Dura condanna per un pastore protestante cinese "colpevole" di aver stampato Bibbie

    La sentenza, 2 anni di galera e 10mila euro di multa, è stata pronunciata nel giorno in cui il leader degli anglicani discuteva con i vertici cinesi di "collaborazione più stretta per la formazione teologica del clero". Il governo apre all'insegnamento del catechismo ai bambini.



    16/09/2016 15:29:00 CINA
    Con il processo agli avvocati, naufraga lo “stato di diritto” promesso da Xi Jinping

    I processi-farsa; le confessioni estorte sotto costrizione e pubblicizzate in tivu; il facile patriottismo sono gli ingredienti di un ritorno della giustizia in Cina come ai tempi della Rivoluzione culturale. Gli Stati Uniti e l’occidente accusati di “portare il caos” in Cina strumentalizzando i diritti umani. Avvocati, attivisti, editori liberali esautorati e arrestati. Xi Jinping si rimangia le promesse e nel Partito continua la guerra fra le fazioni. Per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.



    16/03/2017 11:53:00 CINA
    Partito comunista? No grazie. Per servire il popolo basta essere cristiani

    Iscriversi al Partito garantisce possibilità di lavoro, di carriera, di riconoscimento sociale. Ma la costituzione del Partito proibisce ai membri di credere in qualunque religione. I cristiani che riescono ad entrare nel Partito vivono una doppia vita, nascondendo o abbandonando la loro fede. Ma vi sono anche cristiani che scelgono un lavoro senza la tessera del Partito o addirittura un impegno a vita nella missione.



    20/05/2014 CINA
    Zhejiang: ancora croci e chiese demolite. Chiese ufficiali e domestiche nella persecuzione
    Distrutti una Via Crucis cattolica, chiuse e disperse comunità domestiche. I motivi ufficiali sono "l'abbellimento" delle città, eliminando le costruzioni illegali o ritenute tali. Ma la vera ragione sta nel tentare di eliminare quanto contrasta con il potere del Partito e nel sequestrare i terreni per lo sviluppo edilizio. Le religioni sono la minaccia più grande alla società (cioè al Partito). Un pastore protestante: Si può distruggere un edificio, ma non la chiesa come comunità.

    16/03/2006 Cina
    Cina, nuove violenze contro i cristiani protestanti

    Non si ferma la persecuzione nei confronti dei cristiani non ufficiali di tutta la Cina. Dopo il Xinjiang e lo Shanxi, nuovi arresti e violenze nell'Hunan e nell'Hebei.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®