18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/03/2010, 00.00

    MYANMAR

    Leader birmano teme una “dura repressione” dei militari



    Win Tin teme un giro di vite contro la Lega nazionale per la democrazia. Il governo dichiarerà il partito “associazione illegale”, ma l’opposizione continuerà a lottare per “lo smantellamento della dittatura militare”. Tokyo annuncia il congelamento degli aiuti al Myanmar fino alla liberazione di Aung San Suu Kyi.
    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il regime militare birmano attuerà “con molta probabilità” un giro di vite contro il partito. È quanto afferma U Win Tin, membro del Comitato esecutivo della Lega nazionale per la democrazia (Nld), prigioniero politico dal 1989 al 2008. “I nostri movimenti saranno assai limitati – spiega – e se ci metteremo contro di loro [la giunta], essi dichiareranno associazione illegale il nostro partito”. Intanto il governo giapponese annuncia il “congelamento” degli aiuti al Myanmar, fino al rilascio di Aung San Suu Kyi.
     
    La Nld non parteciperà alle elezioni politiche indette dalla giunta militare e in programma nel 2010. La decisione è stata presa il 29 marzo scorso, all’unanimità, dai 113 membri del consiglio direttivo del principale partito di opposizione. La mancata registrazione entro il 6 maggio porterà alla dichiarazione di “movimento fuorilegge” per il partito di Aung San Suu Kyi, che ha vinto le ultime elezioni del 1990 – mai riconosciute dalla dittatura militare – con l’82% dei consensi.
     
    Win Tin (nella foto), 80 anni 19 dei quali trascorsi in prigione per la sua lotta per la democrazia, si è battuto con forza contro la registrazione del partito, come indicato dalla Nobel per la pace. “Lavoriamo per lo smantellamento della dittatura militare – conferma l’oppositore – per questo ci puniranno duramente”. Egli spiega che è impossibile accettare “l’espulsione di Aung San Suu Kyi dal partito” per poter competere alle elezioni, così come è impensabile accettare una Costituzione “approvata in modo arbitrario dalla giunta” con il solo scopo di “stabilire una dittatura militare permanente” in Myanmar.
     
    Intanto la scelta della Nld continua a destare controversie nel Paese e fra gli oppositori all’estero. Il poeta birmano Ko Lay è “soddisfatto” della decisione del partito e ritiene che “le elezioni, alla fine, non si terranno”. Una posizione condivisa dal Forum del Parlamento indiano per la democrazia in Myanmar (Ipfdb), che giudica la decisione della Nld un “passo coraggioso” contro la giunta militare.
     
    Diverso il parere del Centre for Policy Research, formato da un gruppo di esperti con base a New Delhi, secondo cui sarebbe “un grosso sbaglio” rimanere esclusi dal processo politico, perché le elezioni possono essere “un’opportunità”.
     
    Il governo giapponese, infine, annuncia il congelamento degli aiuti al Myanmar. Il Ministro degli esteri Katsuya Okada ha affermato che Tokyo bloccherà i fondi “fino alla liberazione di Aung San Suu Kyi”, unita alla partecipazione della leader dell’opposizione alle elezioni in programma nel 2010.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/04/2012 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi in Parlamento: “trionfo del popolo”, inizio di una “nuova era”
    La “Signora” avrebbe vinto nel proprio collegio elettorale. I candidati della Nld avrebbero trionfato in 43 dei 44 seggi in cui erano candidati. I risultati ufficiali verranno pubblicati entro la settimana. Le elezioni suppletive un primo passo verso la vera sfida: le elezioni generali del 2015.

    31/03/2012 MYANMAR
    Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi
    In lizza 160 candidati in rappresentanza di 17 partiti, per i colmare i 48 seggi vacanti. Sulle elezioni vigileranno 159 osservatori internazionali e 300 giornalisti stranieri. Per la leader dell’opposizione non sono “davvero libere e giuste”, ma è necessario “andare avanti”. Proteste degli esclusi dalle liste elettorali, in cui risultano esserci invece cittadini deceduti da tempo.

    21/02/2012 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi, il governo elimina le restrizioni alla sua campagna elettorale
    L’opposizione aveva denunciato la mancata concessione di spazi pubblici per i comizi della "Signora". Per il portavoce dei democratici è un “cambiamento molto significativo” e motivo di cauto ottimismo. Il presidente birmano apre a osservatori Asean per il voto del primo aprile.

    18/11/2011 MYANMAR
    Il partito di Aung San Suu Kyi per la registrazione. Il Nld sarà "legale"
    Il Comitato centrale ha votato "all'unanimità" per il ritorno nel quadro politico del Paese. Il partito dovrebbe partecipare alle prossime elezioni e la Nobel per la pace conquistare un seggio in Parlamento. Non mancano le critiche: la corrente Kachin del partito chiede la pace nelle aree a minoranza etnica; altri ritengono che la presenza della Nld sarà solo "di facciata".

    30/03/2010 MYANMAR
    Il partito di Aung San Suu Kyi non parteciperà alle elezioni politiche
    Il consiglio direttivo della Lega nazionale per la democrazia (Nld) ha deciso di non registrarsi. La decisione presa all’unanimità. Il vice-presidente conferma l’intenzione di continuare a lottare per democrazia e diritti umani. Reazioni opposte fra i birmani.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®