18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/02/2018, 08.57

    TURCHIA

    Leader dell’opposizione turca condannato per aver documentato il traffico di armi in Siria



    Il deputato del Partito popolare repubblicano(Chp) Enis Berberoglu dovrà scontare cinque anni e 10 mesi. Per i giudici egli ha fornito “informazioni segrete” a un quotidiano filo-opposizione. Il suo arresto all’origine di una imponente marcia da Ankara a Istanbul, la manifestazione antigovernativa più importante degli ultimi mesi. 

     

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) - Un tribunale di Istanbul ha condannato ieri un parlamentare del Partito popolare repubblicano (Chp) a cinque anni e 10 mesi di prigione. I giudici lo hanno riconosciuto colpevole di aver diffuso materiale segreto a un quotidiano, critico nei confronti del presidente Recep Tayyip Erdogan. 

    Nel giugno scorso Enis Berberoglu, una delle personalità più in vista del Chp, era stato condannato a 25 anni prigione; tuttavia, una corte di appello regionale a Istanbul aveva annullato la condanna e, a ottobre, aveva ordinato la ripetizione del processo. 

    Secondo quanto riferisce l’agenzia ufficiale turca Anadolu, egli era finito alla sbarra per “aver rivelato informazioni” che “avrebbero dovuto rimanere segrete, per il bene della sicurezza dello Stato”. 

    La controversa vicenda di Berberoglu risale al 2015, con la pubblicazione da parte del quotidiano Cumhuriyet (vicino all’opposizione e oggetto a più riprese di attacchi governativi dal fallito golpe  del luglio 2016) di foto compromettenti. Le immagini mostravano elementi dell’intelligence turca intenti a trasportare armi oltreconfine, in Siria. 

    Il parlamentare Chp avrebbe fornito le immagini all’ex direttore del Cumhuriyet Can Dundar, che è fuggito dal Paese cercando rifugio in Germania, dopo aver ricevuto una condanna a cinque anni e 10 mesi di prigione. 

    Il deputato del Chp si trova in prigione dal giugno scorso. Ad oggi, egli è il primo e unico parlamentare del principale partito di opposizione laico finito in prigione e condannato in seguito al tentativo di colpo di Stato, in cui il potere di Erdogan ha vacillato per diverse ore. 

    L’incriminazione di Berberoglu aveva spinto il leader Chp Kemal Kilicdaroglu a promuovere una marcia di protesta da Ankara a Istanbul, alla quale hanno partecipato migliaia di persone. Una camminata che ha rappresentato il punto più alto della protesta dell’opposizione contro il governo dalle dimostrazioni di piazza del 2013 contro il presidente Erdogan. 

    Dal tentativo di golpe contro il governo e il suo leader, le autorità turche hanno arrestato decine di migliaia di persone nel contesto di una massiccia campagna di repressione. Giornalisti, intellettuali, professori, militari, funzionari pubblici o giudici; e ancora medici, sportivi, imprenditori e semplici cittadini, la repressione governativa non ha risparmiato nessun ambito della società. Fra le accuse, spesso pretestuose, l’affiliazione a gruppi “terroristi” curdi o l’appartenenza al movimento che fa capo al predicatore islamico Fethullah Gülen, in esilio in Pennsylvania (Stati Uniti).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/02/2006 siria
    Assad cambia ministri e intimorisce oppositori e popolazione

    Il regime di Damasco vuole mostrare di avere ancora il controllo della situazione, che nessuno può sfruttare l'attuale pressione internazionale per rovesciarlo e vuole proibire ai cittadini qualsiasi iniziativa di protesta".



    07/04/2017 09:07:00 SIRIA-USA
    Arabia Saudita, Israele e Turchia applaudono Trump. Dure le critiche di Russia e Iran

    Plauso dell’Arabia Saudita e Israele, per loro un messaggio anche per Nord Corea e Iran. Per la Turchia “positivo l’attacco”, ma non basta. Russia e Iran criticano la decisione unilaterale, secondo Putin è “aggressione a uno Stato sovrano”.



    27/06/2007 LIBANO
    Rapporto Onu: esperti internazionali per fermare il traffico d’armi dalla Siria
    Il documento, che sarà presentato da Ban Ki-moon al Consiglio di sicurezza, propone la creazione di una unità speciale dell’esercito libanese. Monito del patriarca Sfeir: ognuno dei protagonisti obbedisce a voci esterne alla patria. No all’ipotesi dei due governi.

    10/07/2017 09:23:00 TURCHIA
    Una “lunga marcia” contro Erdogan, in nome della giustizia

    La manifestazione che si è conclusa ieri a Istanbul con un milione di partecipanti era partita 25 giorni fa da Ankara con pochi attivisti. L’adesione del partito filo-curdo e la presenza di alcuni Lui grigi. Ma il partito di opposizione deve promuovere il senso della democrazia.



    21/05/2016 09:10:00 TURCHIA
    Turchia: primo passo verso la sospensione dell’immunità parlamentare

    Il Parlamento approva un primo emendamento della Costituzione che permette di perseguire giuridicamente alcuni parlamentari pro-curdi dell’opposizione. Nelle prossime settimane attesa una valanga di procedure contro i deputati non allineati al regime di Erdogan. Che ora vuole trasformare il Paese da parlamentare a presidenziale, accentrando ancora di più il potere.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®