05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/05/2009, 00.00

    VATICANO - PALESTINA

    Leader palestinese: il coraggio del Papa contro le strumentalizzazioni



    Bernard Sabella, cattolico e parlamentare di Fatah: il Papa sta costringendo tutti ad accettare che è venuto come pellegrino di pace. Questo viaggio in Terra Santa è un messaggio alla comunità internazionale perché lavori per la pace. La Santa Sede conferma che il Medio oriente e le comunità cristiane che vi abitano sono al centro della sua agenda.
    Betlemme (AsiaNews) - “Dobbiamo ringraziare il Papa per essere stato così deciso nel fare questo viaggio ed aver resistito anche alle tante pressioni di chi sconsigliava una visita in un momento così difficile”. Bernard Sabella, cattolico palestinese, deputato di Fatah, è soddisfatto di come si stanno svolgendo i giorni del Papa in Terra Santa.
     
    Subito dopo l’annuncio del viaggio, sino ai giorni che hanno preceduto la partenza per la Giordania, i cristiani di Terra Santa non hanno nascosto il loro timore per le possibili strumentalizzazioni dei gesti e dei discorsi del pontefice. Sabella afferma: “Tutte le parti in causa vogliono leggere le parole del Papa come la fine delle sofferenze e ogni parte presenta le sue richieste. Per i cristiani palestinesi la fine delle sofferenze vuol dire: fine dell’occupazione, del muro, dei check-point, dei visti negati ai sacerdoti…. E queste sono le cose che i cristiani arabi hanno voluto ricordare al Papa con la loro stessa presenza”.
     
    Il parlamentare di Fatah aggiunge: “Il Papa ha ripetuto più volte che veniva come pellegrino per pregare per tutti e venerare i Luoghi santi, e sta costringendo tutti ad accettare questa sua intenzione”. Sabella parla di “un feeling quasi inatteso” tra Benedetto XVI e i cristiani palestinesi. “Il Papa si è presentato come uomo di fede e preghiera dicendo: vi porto questa fede e questo credo. Ai cristiani ha detto che devono restare nella società affianco di israeliani e palestinesi, ebrei e musulmani. Questo è quello che vogliono: pace e riconciliazione. E il Papa li ha confermati in questo”.
     
    Sulle implicazioni politiche del viaggio, Sabella sottolinea gli appelli di Benedetto XVI alla comunità internazionale: “Il Papa ha consegnato il suo messaggio di pace a chi ha la responsabilità politica per raggiungerla. E con questo viaggio ha dato un segnale importante che rincuora anche i cristiani. Ai leader mondiali ha fatto capire che la situazione del Medio oriente, della Terra Santa in particolare, e delle comunità cristiane che la abitano, è al centro dell’agenda della Santa Sede”.
     

    Per Sabella la pace è l’unica via d’uscita: “Senza soluzione del conflitto è impossibile restare non solo per i cristiani, ma per tutti i palestinesi. La stabilità politica serve a tutti ed è il primo passo verso una riconciliazione che tutti desiderano, ma che bisognerà costruire con molta pazienza”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/05/2009 PALESTINA - VATICANO
    Betlemme: i profughi palestinesi attendono il papa perché veda il Muro
    Benedetto XVI è atteso nel campo profughi di Aida, dove incontrerà anche Mahmoud Abbas. Una mostra sulla situazione dei palestinesi e il dono di una “chiave per il ritorno”. A Betlemme, un calligrafo musulmano ha scritto e decorato una copia del Vangelo di san Luca.

    22/12/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Mons. Twal: La riconciliazione in Terra Santa un’utopia, ma vi sono segni di speranza
    Falliti i dialoghi israelo-palestinesi; lo scambio dei prigionieri; lo status di Gerusalemme. Continuano l’isolamento di Gaza e la paura degli israeliani. Gli aiuti della comunità internazionale e delle Chiese nel mondo; la visita del papa lo scorso maggio; il prossimo Sinodo per il Medio oriente; la beatificazione di sr. Marie-Alphonsine, sono fra i segni positivi.

    09/03/2009 VATICANO - ISRAELE
    Nunzio in Israele: il papa viene come pellegrino per la pace
    Mons. Antonio Franco spiega i motivi e il valore del viaggio di Benedetto XVI in Terra Santa, all’indomani dell’annuncio ufficiale. Non una mossa politica, ma un incoraggiamento a superare le difficoltà e trovare soluzioni ai problemi.

    20/01/2006 terra santa
    Far sentire ai cristiani di Terra Santa l'appoggio della Chiesa universale
    Mons. Fleetwood, rientrato da un viaggio in Terra Santa con il Gruppo di coordinamento dei vescovi europei ed americani per il sostegno della Chiesa di Terra Santa, spiega ad AsiaNews: "Bisogna cercare di capire la loro complessa realtà, aiutarli ad unirsi in un'unica voce e mostrare il nostro appoggio in ogni modo, specie con i pellegrinaggi".

    08/06/2009 ISRAELE - VATICANO
    Fondi sequestrati alla Chiesa in Terra Santa. Parla il delegato della Custodia
    P. David Jaeger spera che il gesto sia solo frutto di “un singolo funzionario” e venga sconfessato dal governo di Netanyahu. L’ambasciatore israeliano presso la Santa Sede è assente per una dichiarazione.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®