20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/01/2017, 08.51

    ISRAELE - PALESTINA - ONU

    Lega araba contro Israele: le colonie, segno del “disprezzo” per la comunità internazionale



    Dichiarazione di Ahmed Aboul Gheit, leader dell’organizzazione. Il governo Netanyahu vuole “far fallire” tutti gli “sforzi” per la soluzione dei due Stati. Il Consiglio di sicurezza Onu non si esprime sui progetti di ampliamento degli insediamenti. 

     

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - La Lega araba condanna i piani di Israele, che intende costruire migliaia di nuovi insediamenti nei Territori occupati della Cisgiordania. Per l’organizzazione essi sono un segno del “disprezzo” per la comunità internazionale e un “ostacolo” alla pace. La decisione dello Stato ebraico ha già incontrato l’opposizione dei vertici delle Nazioni Unite; tuttavia, essa non sembra frenare i piani del premier Benjamin Netanyahu e del suo governo, chesi sentono forti del sostegno della nuova amministrazione Usa guidata da Donald Trump. 

    Il 24 gennaio scorso Israele ha approvato la costruzione di 2500 nuove unità abitative, nel contesto del più ampio progetto promosso negli ultimi anni. Dopo mesi di tensioni con l’amministrazione uscente guidata da Barack Obama, che ha di fatto avallato una risoluzione Onu contro le colonie, il cambio ai vertici della Casa Bianca ha impresso una accelerazione nella politica espansionista di Israele. 

    Dalla sua sede del Cairo Ahmed Aboul Gheit, capo della Lega araba, riferisce che il piano di ampliamento delle colonie “conferma l’approccio del governo israeliano, che è pieno di disprezzo e di sfida verso le volontà espresse dalla comunità internazionale”. Il leader arabo accusa inoltre Israele di “far fallire” tutti gli “sforzi” in atto per l’applicazione della soluzione dei due Stati. 

    Infine, come molti analisti ed esperti anche Ahmed Aboul Gheit ritiene che il governo israeliano e il premier Netanyahu si sentano “rafforzati” nelle loro decisioni in seguito ai recenti sviluppi internazionali. Il riferimento, come ovvio, è all’elezione di Trump che in campagna elettorale aveva pure anticipato l’intenzione di trasferire l’ambasciata Usa a Gerusalemme

    Se la Lega araba condanna con forza le mosse di Israele, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sembra invece inerte; al termine di una riunione a porte chiuse che si è svolta ieri, i delegati non hanno preso alcuna posizione riguardo i recenti sviluppi regionali.

    I rappresentanti dei 15 Paesi membri hanno ascoltato l’inviato speciale Onu per il Medio oriente Nikolay Mladenov, ma non hanno proposto alcuna misura nei confronti di Israele. Del resto il nuovo ambasciatore Usa all’Onu Nikki Haley deve ancora presentare le proprie credenziali al segretario generale Onu Antonio Guterres e resta alta l’attesa sulle prime decisioni della diplomazia americana al Palazzo di Vetro. 

    Intanto il rappresentante diplomatico palestinese Riyad Mansour si è rivolto al Consiglio di sicurezza, esortandolo a far rispettare la risoluzione adottata a dicembre; Israele non può, ha aggiunto, “ignorare” in questo modo le leggi internazionali. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 08:46:00 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    Israele vuole costruire migliaia di nuove abitazioni nei Territori. Condanna Onu

    Il governo ha annunciato la realizzazione di 2500 nuove unità abitative. Il progetto di espansione più imponente degli ultimi anni. Ferma condanna dei palestinesi. Contrarie le Nazioni Unite: “Azioni unilaterali” ostacolo alla pace e alla soluzione dei due Stati. Nessun commento dalla Casa Bianca, che conferma la volontà di “riavvicinarsi” a Israele. 

     



    23/01/2017 12:57:00 ISRAELE - PALESTINA
    In attesa di Trump, Netanyahu dà via libera a centinaia di nuovi insediamenti

    L'incontro fra il premier e il presidente Usa sarà in febbraio. La municipalità di Gerusalemme ha approvato 556 nuove case negli insediamenti di Pisgat Zeev, Ramat Shlomo e Ramot. Con il giuramento di Trump, per Israele si apre una “nuova era” nelle relazioni fra i due Paesi. Pressioni dall’estrema destra per l’ampliamento del controverso insediamento di Maaleh Adumim, Decisione congelata fino al vertice di Washington. 

     



    25/03/2017 12:06:00 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    Onu: Israele non rispetta le direttive sugli insediamenti e favorisce l’espansione

    L’inviato speciale delle Nazioni Unite per il Medio oriente contro lo Stato ebraico, che non ha preso “alcun provvedimento” per conformarsi alla risoluzione Onu. Al contrario, il governo israeliano ha promosso “un gran numero” di nuove unità abitative. Ambasciatore israeliano all’Onu: Le colonie non sono un ostacolo alla pace.

     



    23/12/2016 08:33:00 EGITTO-USA-ONU
    Posticipata all’Onu la risoluzione su Israele e le colonie. L’intervento di Trump

    Una bozza presentata dall’Egitto, è stata ritirata il giorno dopo. Il presidente Usa eletto, non ancora in carica, ha imposto il veto degli Stati Uniti.



    17/11/2016 12:45:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, la legge che legalizza il sequestro di terre ai palestinesi

    La Knesset ha approvato in prima lettura la norma dell’estrema destra che legalizza il sequestro di terre di privati palestinesi. Per il voto finale serve la maggioranza assoluta. Peace Now: Netanyahu è “concentrato sulla lotta di potere interna”. Bernard Sabella: Contro la legge “essenziale l’intervento dell’Europa e l’unità fra palestinesi”. I dubbi su Trump e le politiche Usa. Il tramonto del progetto di "due popoli, due Stati".

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®