17/04/2019, 14.16
GIAPPONE-MONGOLIA
Invia ad un amico

Leggenda del sumo ‘tradisce’ la Mongolia per il Giappone: è polemica

La cittadinanza giapponese è un requisito per diventare anziano della Japan Sumo Association (Jsa). Munkhbat Davaajargal è il figlio di un eroe della lotta mongola. L'atleta ha riscritto molti dei record nel sumo. Suo padre ha vinto la prima medaglia olimpica della Mongolia.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – In Mongolia ha suscitato polemiche l’annuncio dello yokozuma (grande campione di sumo) Hakuho (foto), che ha chiesto la rinuncia alla nazionalità mongola per ottenere la cittadinanza giapponese.

L’atleta 34enne, il cui vero nome è Munkhbat Davaajargal, aveva in precedenza indicato il desiderio di diventare un cittadino giapponese naturalizzato, requisito per tutti i lottatori stranieri desiderosi di diventare anziani del sumo. Gli anziani della Japan Sumo Association (Jsa) sono i lottatori in pensione che, una volta abbandonato il dohyo (anello), gestiscono tutto il circuito e vengono considerati i veri custodi della tradizione.

Secondo i media mongoli, Hakuho ha presentato la sua richiesta la scorsa settimana presso l’Ufficio presidenziale. “Ora devo solo aspettare la risposta”, ha dichiarato l’atleta durante un’intervista al torneo regionale di Primavera in corso a Tokyo.

Lo scorso mese, il lottatore ha vinto il suo 42esimo titolo nella divisione makuuchi al torneo Spring Grand Sumo. Durante la competizione, ha attirato le critiche della Jsa per aver indotto il pubblico ad un estemporaneo applauso, al fine di “svegliare la folla per la conclusione dell'ultimo grande torneo dell'era Heisei”. Ma nonostante i successi storici dello yokozuna, la Jsa non ha voluto modificare la norma secondo cui ogni anziano dev’essere cittadino giapponese.

La decisione ha turbato Hakuho, anche a causa dello status di eroe della lotta mongola conseguito in passato da suo padre, Jigjid Munkhbat. Quest’ultimo ha partecipato a cinque Olimpiadi, vincendo una medaglia d'argento – la prima nella storia della Mongolia – nel 1968 a Città del Messico. Dal 2001, anno del suo debutto da professionista, Hakuho ha ridefinito il sumo e ha riscritto molti dei record dello sport: il maggior numero di vittorie in carriera (1.120), di trionfi nella massima divisione (1.026) e di campionati vinti da imbattuto (15).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Niente barba o baffi per i campioni di sumo
02/03/2019 12:09
Lottatori di sumo corrotti, cancellato il torneo
07/02/2011
Il sumo “lotta” per la sopravvivenza
13/07/2007
Tokyo pronta a nazionalizzare altre 400 isole. L'irritazione di Pechino
16/07/2013
Dalle piramidi al sumo, il giovane lottatore egiziano che conquista Tokyo
15/06/2013