24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/06/2008, 00.00

    INDIA

    Lenin Raghuvanshi : “Educazione e istruzione contro lo sfruttamento minorile”

    Nirmala Carvalho

    In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, l’attivista indiano sottolinea che “una migliore scolarizzazione per tutti” è l’unica soluzione al problema. Nel Paese vi sono 55 milioni di bambini in condizione di semi-schiavitù, in particolare fra le caste più basse della società.

    New Delhi (AsiaNews) – “Per risolvere il problema del lavoro minorile, l’unica strada praticabile è quella di garantire un miglior livello di istruzione per tutti i bambini”. Ad affermarlo è Lenin Raghuvanshi, direttore del Comitato di vigilanza popolare sui diritti umani (PVCHR) di Varanasi – Uttar Pradesh – in occasione della “Giornata mondiale contro il lavoro minorile” che si celebra domani, giovedì 12 giugno.

    In un’intervista ad AsiaNews l’attivista indiano, insignito del prestigioso Premio Gwangju 2007 per i diritti umani, sottolinea che nel Paese vi sono “più di 55 milioni di bambini lavoratori e la maggior parte proviene dalle caste più basse della gerarchia sociale, fra cui Dalit e tribali: essi sono esclusi dal sistema scolastico nazionale e questo è un serio motivo di preoccupazione”. A dispetto di una crescita economica vigorosa, l’India resta una società ancorata a “schemi patriarcali e basati sulle caste, con discriminazioni di genere e vessazioni familiari i cui effetti devastanti sono evidenti soprattutto per i milioni di minori, costretti a lavorare in condizioni disumane”.

    Molti di questi bambini hanno meno di cinque anni e mettono a repentaglio la loro stessa vita per un salario che, spesso, è misero. “I minori operano il più delle volte in condizioni di schiavitù – sottolinea Lenin Raghuvanshi – incatenati al luogo di ‘lavoro’, senza possibilità di fuga o libertà, e in molti casi devono ripagre i debiti contratti dai loro genitori”. Essi svolgono le professioni più disparate, dalla fabbricazione di sigarette ai fuochi d’artificio, minatori, pescatori e braccianti agricoli nelle piantagioni di tè; un numero imprecisato è costretto a svolgere lavori domestici, è implicato nel traffico di minori, nello sfruttamento della prostituzione, mentre i mutilati sono obbligati a mendicare.

    Il lavoro minorile è legato alla povertà e alla mancanza di istruzione adeguata, in special modo quando i genitori – per primi – non riescono a mantenere i propri figli; la situazione è ancora più complicata per le bambine, un mondo “invisibile” nel quale esse devono provvedere ai fratelli più piccoli, aiutare le madri nelle faccende domestiche, il tutto a discapito dell’istruzione scolastica. “L’educazione – ribadisce l’attivista indiano – è un diritto fondamentale dei bambini e il ggoverno sta approntando una riforma che renda obbligatoria l’istruzione primaria sino ai 14 anni d’età, in accordo con quanto previsto dall’articolo 21 A della Costituzione indiana. E’ necessario per questo fornire una preparazione adeguata e accessibile a tutti senza discriminazioni, sebbene le differenze di casta, di genere, le punizioni corporali siano ancora oggi motivo di abbandono precoce della scuola. Un abbandono che finisce poi per favorire il mercato del lavoro minorile”.

    “Bisogna migliorare l’applicazione del decreto sulle caste e le popolazioni tribali – aggiunge Lenin Raghuvanshi – per prevenire atrocità e discriminazioni contro le classi più basse e garantire loro maggiori risorse. Ma soprattutto è necessario un “cambiamento culturale per eliminare alla radice il dramma del lavoro minorile”. Nel 2004, per dar voce agli emarginati, è nato il ‘Jan Mitra Gaon’ o anche detto ‘ People-friendly village’. In un progetto sperimentale, Lenin ha adottato tre villaggi e un sobborgo dove riaprire le scuole elementari, abolire il lavoro forzato, rendere obbligatoria l’istruzione per le ragazze e diffondere un’educazione non tradizionale. In vaste aree rurali non esiste educazione elementare, ma il PVCHR ha aperto centri educativi per i bambini del Paese in 45 villaggi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2009 FILIPPINE
    Filippine: quattro milioni di schiavi-bambini, sfruttati per sesso o lavoro
    Vengono impiegati nel settore della pesca, agricolo, nelle miniere o nelle abitazioni, come collaboratori domestici per 12 euro al mese. Più di 100mila minori vittime del racket della prostituzione. La Chiesa cattolica chiede misure efficaci al governo per combattere lo sfruttamento.

    09/09/2004 asia
    Analfabetismo e lavoro infantile, piaghe sociali del continente
    Un quinto del PIL indiano deriva dal lavoro agricolo di minori sfruttati

    27/01/2009 MYANMAR
    Myanmar, bambini sfruttati per meno di 30 centesimi al giorno
    Lavorano come pescatori, camerieri, manovali edili e agricoltori. I “compensi” variano da 0,25 a 0,85 dollari Usa al giorno. Secondo l’organizzazione Save the Children oltre 400 bambini hanno abbandonato gli studi.

    22/10/2004 INDIA
    Minatori bambini: un aiuto dai centri cristiani


    22/06/2007 CINA
    “Polizia e abitanti del villaggio” sapevano degli schiavi
    Il racconto di uno schiavo-operaio di 16 anni, per mesi “detenuto” in una fabbrica dello Shanxi, spesso visitata da “persone con uniformi della polizia”. Intanto il premier Wen promette la massima severità, ma nessuno spiega come questo vasto fenomeno sia potuto accadere per anni.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®