21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/08/2017, 08.59

    IRAQ

    L’esercito irakeno caccia l’Isis da Tal Afar. Preoccupa la sorte dei civili



    In una settimana le forze della coalizione hanno vinto la resistenza dei jihadisti, liberando la città. Ora l’obiettivo è Al-Ayadieh, a 15 km, lungo la strada che conduce al confine con la Siria. Attivisti e ong lanciano appelli per la tutela della popolazione, decine di famiglie accolte nel centro sanitario di Badush in condizioni precarie. 

     

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Le forze irakene, sostenute da milizie sciite locali e dai raid aerei della coalizione internazionale a guida statunitense, hanno sconfitto la resistenza dello Stato islamico (SI, ex Isis) a Tal Afar, nel nord del Paese, liberando la città dalla presenza jihadista. A una settimana dall’inizio dell’offensiva, le autorità hanno annunciato la vittoria (quasi) completa sulle milizie fondamentaliste, che hanno perso il controllo di una delle ultime roccaforti in Iraq.

    In una nota i vertici della coalizione anti-Isis - esercito irakeno, polizia federale, forze anti-terrorismo e circa 20mila combattenti delle milizie paramilitari sciite (sostenute dall’Iran) di Hashed al-Shaabi - rivendicano il controllo di tutti e 29 i distretti della città. Al momento sono in corso le battute finali di pulizia dell’area dalle ultime sacche di resistenza jihadista. 

    Intanto i soldati hanno già iniziato a festeggiare la vittoria, che segna un altro colpo inferto alle milizie di Daesh [acronimo arabo per lo SI] in Iraq, dopo la “liberazione” di Mosul. Milizie pro-governative hanno sfilato per le vie della città a bordo dei carri armati, sventolando bandiere e mostrando segni di vittoria. Rimossi anche stendardi e cartelli dello SI dagli edifici e dai punti di controllo allestiti dai combattenti. 

    La rapida caduta di Tal Afar è un ulteriore, durissimo colpo inferto dall’esercito alle milizie dell’Isis, che fino a pochi mesi fa controllavano gran parte del nord dell’Iraq e del settore orientale della Siria. La città sorge lungo la tratta che collega Mosul al confine siriano ed è un crocevia importante di uomini e mezzi nella regione. 

    L’annuncio ufficiale della vittoria dovrebbe giungere entro il prossimo 2 settembre, giorno di inizio della festa musulmana di Eid al-Adha (la “festa del Sacrificio”) in Iraq. Ora il prossimo obiettivo nell’area è la cittadina di Al-Ayadieh, circa 15 km a nord di Tal Afar, anch’essa situata lungo la strada che conduce alla frontiera con la Siria. 

    La maggior parte degli oltre 200mila abitanti di Tal Afar hanno già abbandonato la città nel 2014, in concomitanza con l’arrivo dei primi miliziani dello Stato islamico. In origine essa era abitata da turkmeni sciiti, considerati “eretici” dai fondamentalisti sunniti dell’Isis. Come per Mosul, i timori della battaglia di Tal Afar hanno riguardato la sorte di migliaia di civili intrappolati in città e impossibilitati a fuggire. Stime della coalizione riferivano di circa 50mila persone bloccate all’interno, usati dai jihadisti come scudi umani.

    Nelle battaglie che si sono combattute nei giorni scorsi sarebbero morte almeno 162 persone, decine i feriti. I soldati hanno inoltre rinvenuto una fossa comune in una zona periferica della città, che conteneva i cadaveri di 80 persone, in maggioranza civili. 

    Ed è proprio la sorte della popolazione locale a preoccupare attivisti e associazioni pro diritti umani attive nella zona. In una nota i vertici di Oxfam, che coordinano gli interventi nell’area, chiedono al governo iracheno di assicurare l’incolumità dei civili e la consegna urgente di aiuti. Decine di persone in fuga dai combattimenti hanno trovato riparo nel centro sanitario di Badush, circa 60 km a est di Tal Afar: “I piccoli - riferisce un portavoce della Ong - erano ricoperti di sporcizia e molto magri, hanno attraversato l’inferno per arrivare fino a qui. Le famiglie hanno cercato di rimanere unite, le madri tenevano stretti a sé i loro bambini, alcuni neonati. Erano tutti esausti e traumatizzati dalla terrificante esperienza”. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/08/2017 08:59:00 IRAQ
    Offensiva irakena contro l’Isis a Tal Afar, timori per la sorte di migliaia di civili

    I soldati governativi hanno già assunto il controllo di alcuni villaggi nell’area. La città sorge lungo la via che collega Mosul al confine siriano ed è strategica per il passaggio di uomini e merci. All’interno vi sarebbero fino a 50mila persone intrappolate. Visita a sorpresa in Iraq del capo di Pentagono, previsti incontri con il premier e il presidente curdo. 

     



    16/10/2015 IRAQ
    Iraq, parlamentare cristiano: Unite, Mosca e Washington possono battere lo Stato islamico
    Yonadam Kanna, dell’Assyrian Democratic Movement, è convinto che il Paese saprà mantenersi unito. Solo i curdi, in futuro, potrebbero “staccarsi” in cerca di autonomia. L’intervento di Mosca, spiega ad AsiaNews, è "decisivo" nella lotta contro i jihadisti; fondamentale unire gli intenti nella lotta al terrorismo. Sempre più critica la situazione dei cristiani, servono protezione, aiuti e riconciliazione nazionale.

    24/10/2017 08:59:00 IRAQ - IRAN - USA
    Baghdad e Teheran contro Washington: le milizie sciite speranza dell’Iraq e della regione

    Tillerson aveva auspicato la cacciata dei combattenti sciiti dal Paese. Il premier irakeno ne difende il ruolo nella lotta contro lo Stato islamico. Sono paramilitari locali, non alleati iraniani e vanno “incoraggiati”. Il ministro iraniano degli Esteri rivendica il ruolo di “pace e stabilità” esercitato da Teheran nella regione. 

     



    14/06/2017 14:18:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: entro fine mese il rientro dei primi profughi cristiani a Karamles, nella Piana di Ninive

    Don Paolo racconta i lavori di ricostruzione della cittadina della piana di Ninive, affidati a operai locali. I progetti riguardano un primo settore di case con danni solo parziali. Se continueranno gli aiuti l’opera dovrebbe proseguire “senza intoppi”. Ma servono altri fondi per la sistemazione delle abitazioni con i danni maggiori. Le famiglie: “Risorgeremo quando torneremo”. 

     



    18/03/2016 15:34:00 SIRIA - STATI UNITI
    Patriarca Laham su Kerry: In Siria vi è un conflitto, non un genocidio

    Ad AsiaNews Gregorio III critica le affermazioni del segretario di Stato Usa, perché “non fanno bene” ai gruppi etnici e religiosi nel Paese. Per il presule bisogna evitare di associare “la religione alla guerra”, perché altrimenti si “esaspera il clima”. Necessario lavorare per la pace e la convivenza. Dai vescovi siriani richiesta di preghiere per il buon esito dei colloqui a Ginevra. 





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®