25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/07/2007, 00.00

    CINA

    Lettera aperta chiede il ritorno a un marxismo ortodosso e la cacciata del capitalismo



    E’ l’opinione di un gruppo di ex ministri, accademici e ufficiali dell’esercito, che inviano ai leader una lettera aperta contro le riforme e il capitalismo. Per il Congresso del Pc in autunno si profila uno scontro acceso tra ala liberale e conservatrice.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – “I segretari del Partito sono diventati capitalisti e i capitalisti sono entrati nel Partito, mentre operai e contadini hanno perso la loro posizione di maestri dello Stato… Le ditte straniere saccheggiano i nostri mercati e schiacciano la nostra economia”. Un gruppo di 17 ex ministri e diplomatici, accademici ed ufficiali della “vecchia guardia” ha pubblicato ieri sul sito web “La bandiera di Mao Zedong” una lettera aperta diretta ai leader cinesi, condannando senza appello le riforme economiche e sociali e chiedendo un ritorno al marxismo ortodosso. Per il congresso del Pc in autunno si delinea un accesso scontro tra ala liberale e conservatrice.

    “La causa socialista – scrivono – è stata molto trascurata e ha perso la via. Parlando con franchezza, le riforme in atto vogliono sostituire la proprietà privata a quella pubblica e trasformare la Cina da Paese socialista in uno capitalista. E’ una via sbagliata. E’ un momento molto precario”. Sotto accusa l’apertura del Paese agli investimenti esteri e l’ammissione nel Pc dei capitalisti. Questo ha portato – ritengono i firmatari a “un pericoloso miscuglio” di corruzione dilagante, disoccupazione, disuguaglianze sociali ed economiche e diffuse proteste di massa. Per “eliminare il male fondamentale” non è sufficiente “mettere in carcere funzionari corrotti e adottare programmi di aiuto sociale”. Ma occorre restaurare un marxismo ortodosso e “purgare” le ideologia socialiste revisioniste e di democrazia sociale. A questo fine, il gruppo sollecita elezioni davvero competitive per i membri del Comitato centrale e anche per il segretario del Pc, con evidente critica alla guida del presidente Hu Jintao.

    La protesta arriva subito dopo che l’ala liberale del Pc ha criticato i leader per non avere consentito una riforma democratica del Paese né affrontato in modo adeguato i problemi sociali.

    Analisti osservano che nel congresso del Pc previsto in autunno sarà in discussione non soltanto l’avvicendamento tra gruppi di potere, ma la stessa linea della Cina per i prossimi anni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/09/2017 16:34:00 CINA
    Che cos’è il Xi Jinping-pensiero?

    Al prossimo Congresso, nella costituzione del Partito si inserirà il pensiero di Xi Jinping, alla stregua di quello di Mao Zedong. Ma tale pensiero sembra solo fatto di retorica, nazionalismo, enfasi sulla grandezza della Cina. Il tanto decantato contributo di Xi al comunismo in stile cinese tende a fermare le riforme per mantenere il potere nelle mani del partito e nelle sue. Mao tendeva al futuro; Xi cerca di mantenere lo status quo. Per gentile concessione della Jamestown Foundation. (Traduzione italiana a cura di AsiaNews).



    16/07/2007 CINA
    L'ala "liberale" del Partito, chiede l'immediata ripresa delle riforme democratiche
    Secondo tale componente, è urgente riprendere le riforme sociali e democratiche volute da Deng e fermate dopo il 1989. Il boom economico senza democrazia ha causato corruzione e ingiustizie sociali, che sfociano in proteste di massa. Ma Hu Jintao propugna un eterno potere del Pc e una politica “passo-dopo-passo”.

    04/01/2005 CINA
    Giuristi cinesi: il Partito deve inchinarsi alla legge

    Xiao Yang, presidente della Corte suprema, suggerisce la nascita di strutture indipendenti per controllare l'operato del Partito, sempre più corrotto.



    17/11/2015 CINA
    Pechino, il Partito celebra il riformista Hu Yaobang. Ma non lo riabilita
    L’ex Segretario ha riabilitato milioni di persone cadute nelle campagne volute da Mao Zedong, ha aperto la Cina al mondo e ha preparato la transizione dall’economia statalista a quella di mercato. Accusato di aver “tollerato la liberalizzazione borghese”, è stato purgato: alla sua morte, nel 1989, sono scoppiati i moti di Tiananmen. A cento anni dalla sua nascita il Pcc pronto a commemorarlo “per sfruttare la sua buona immagine”.

    28/10/2013 CINA
    Xi Jinping: importanti riforme economiche, ma con qualche accidente
    Il Centro di ricerche per lo sviluppo, dipendente dal Consiglio di Stato, propone: il ritiro del governo dall'economia; pensione, sanità e aiuto all'educazione per tutti; fine del regime dell'hukou (certifcato di residenza); freno alle vendite illegali di terreni dei contadini; uso dello yuan nel commercio internazionale. Silenzio su qualunque riforma politica. Ma tutte queste proposte devono essere valutate dal Terzo Plenum in novembre.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®