13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/02/2006, 00.00

    Filippine

    Leyte, lotta contro il tempo per salvare più di 200 bambini



    Sono "sepolti vivi" all'interno della scuola elementare della zona, colpita ieri da una delle frane più disastrose degli ultimi decenni. "Sono ancora vivi – dice la presidente Arroyo – fate in fretta".

    Guinsuagon (AsiaNews/Agenzie) – I soccorritori al lavoro nell'isola di Leyte lottano contro il tempo per rimuovere il fango che ha coperto la scuola elementare della zona: all'interno, sepolti vivi, si trovano 206 bambini e 40 insegnanti.

    La zona in cui si trova la scuola è la più colpita dalla disastrosa frana di ieri, di cui ancora non si conosce il bilancio umano: alcuni militari parlano di oltre 3 mila dispersi.

    La presidente del Paese, Gloria Macapagal Arroyo, ha detto questa mattina all'incontro con i vertici locali: "Dovete fare in fretta, perché là sotto vi sono persone ancora vive". La prova è data dal fatto che il preside della scuola è riuscito a mandare un messaggio con il suo telefono cellulare ad un parente.

    "Continuiamo con le ricerche – dice Rosette Lerias, governatrice della provincia – e non perdiamo le speranze: qui continuano ad arrivare volontari, sono quasi 320 persone". L'aiuto della popolazione non può però fare nulla "contro il fango che ci ha colpiti. In alcune zone è profondo 30 metri". "Non si possono usare macchinari pesanti per le ricerche – conclude – e continua a piovere. Dobbiamo fare tutto a mano".

    Il colonnello Raul Farnacio, responsabile dei soccorsi militari, si è detto invece "pessimista. Dalla massa di fango e pietre – spiega - sono stati estratti finora solo 41 corpi, e 57 sono le persone tratte in salvo: manca ogni notizia di altre 1.800 persone".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/02/2006 Filippine
    Filippine, frana nell'isola di Leyte: 200 morti e 1.500 dispersi

    Due settimane di piogge ininterrotte "hanno reso il terreno morbidissimo". Per la Croce Rossa le cifre sono "tutte da verificare".  



    17/02/2006 Filippine
    Filippine, la frana di Leyte è "la peggiore tragedia mai avvenuta in questa zona"

    Padre Eufemio Gohetia, direttore del Centro azione sociale della diocesi di Maasin: "Non abbiamo dati certi e la gente è nel panico più totale. E' tutto coperto dal fango".



    20/02/2006 Filippine
    Filippine, "nessun segno di vita" dalla scuola sepolta nel fango

    Nell'isola di Leyte si scava sotto al pioggia per liberare dal fango l'edificio dove sono intrappolate 250-300 persone, per la maggior parte bambini. "E' come lavorare nelle sabbie mobili – dice un responsabile dei soccorsi - ma i dispersi dovrebbero essere meno del previsto".



    21/02/2006 FILIPPINE
    Guinsaugon, un'enorme fossa comune per le vittime della frana

    L'ipotesi è del presidente della Croce Rossa delle Filippine: troppo difficile e pericoloso recuperare i corpi. A Leyte arrivano nuove truppe Usa e la presidente Arroyo fa tracciare una mappa delle zone a rischio disastri, non resa ancora pubblica.



    20/02/2006 Filippine
    Filippine, dopo la frana "ogni famiglia piange almeno un lutto"

    Il vescovo della diocesi colpita dalla frana spiega ad AsiaNews: "La popolazione è sconvolta: la frana ha cancellato mille ettari di terreno ed innumerevoli vite umane". Caritas filippina: "Siamo concentrati sull'evacuazione della zona e la salvaguardia dei più deboli, bambini ed anziani".





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®