26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/05/2012
TIBET – CINA
Lhasa: per fermare le auto-immolazioni, Pechino arresta centinaia di tibetani
Sono almeno 600 le persone fermate negli ultimi giorni, dopo il rogo di due giovani davanti a un tempio della capitale tibetana. Espulsi pellegrini e turisti, bloccate le comunicazioni e le linee dei telefoni cellulari. Ieri una madre 30enne si è data fuoco a Barma. Attivisti: la comunità internazionale deve “spezzare il silenzio” sul Tibet.

Lhasa (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità cinesi hanno arrestato centinaia di persone a Lhasa, capitale della Regione autonoma del Tibet (Tar), in risposta all'auto-immolazione di due giovani - avvenuta lo scorso 27 maggio - per protesta contro l'imperialismo di Pechino nell'area e la mancanza di libertà religiosa. Secondo il sito Radio Free Asia (Rfa), con base negli Stati Uniti, le forze di sicurezza hanno prelevato almeno 600 tibetani e ordinato pure l'espulsione di tutti i pellegrini e turisti provenienti al di fuori della Tar. Il rogo dei due giovani, il primo nella capitale del Tibet, e la successiva ondata di arresti è la prima "significativa" protesta a Lhasa, dalla rivolta dei monaci del marzo 2008 repressa nel sangue dal governo di Pechino.

Nei giorni scorsi la città era invasa da pellegrini e fedeli buddisti, accorsi nella zona per celebrare il Saga Dawa, l'anniversario della nascita dell'Illuminato. I due giovani che si sono dati fuoco,  non erano originari del Tar ma provenivano entrambi da province cinesi. L'auto-immolazione è avvenuta davanti al celebre tempio di Jokhang: uno dei due è morto, mentre l'altro sarebbe sopravvissuto - sebbene ferito grave - e al momento non si hanno ulteriori notizie sulla sua sorte (cfr. AsiaNews 28/05/12 Prime auto-immolazioni a Lhasa, muore giovane tibetano).

Da quattro anni Lhasa è sotto la strettissima sorveglianza di Pechino, ma i controlli e la rigida censura non sono serviti a impedire il gesto estremo dei due giovani e la diffusione della notizia. Fonti locali raccontano che la polizia sta identificando chiunque si aggiri per le strade e le autorità hanno bloccato il segnale dei telefoni cellulari. Anche il sito con base a Londra Free Tibet conferma che le forze di sicurezza da giorni procedono con arresti arbitrari e detenzioni forzate.

Ieri, intanto, una 30enne nomade tibetana, madre di tre figli, si è data fuoco di fronte al monastero di Jonang Dzamthang, nella cittadina di Barma, nel Tibet orientale. La donna, conosciuta col nome di Rechok, è morta sul colpo; il suo corpo è composto all'interno del monastero e diverse persone si sono radunate attorno al luogo di  culto per partecipare alla cerimonia di cremazione. Stephanie Bridget, direttrrice di Free Tibet, sottolinea che "a Barma come in molti altri luoghi in Tibet" il popolo "respinge il dominio cinese" e continua a "lanciare il grido di libertà" che resta però inascoltato. "La comunità internazionale - aggiunge deve spezzare il silenzio sul Tibet".

Dal marzo 2009 almeno 35 tibetani, fra cui moltissimi giovani e anche donne, si sono auto-immolati per protesta contro la rigida censura e lo stretto controllo imposto da Pechino, che sorveglia anche la pratica del culto e dispone l'apertura e la chiusura dei monasteri. Il Dalai Lama ha sempre sottolineato di "non incoraggiare" queste forme estreme di ribellione, ma ha elogiato "l'audacia" di quanti compiono l'estremo gesto, frutto del "genocidio culturale" che è in atto in Tibet ad opera della Cina. Pechino risponde attaccando il leader spirituale tibetano, colpevole di sostenere gesti estremi di "terroristi, criminali o malati mentali".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/01/2012 TIBET - CINA
Ancora sangue in Tibet: la polizia uccide 6 manifestanti
07/01/2012 TIBET – CINA
Tibet: le prime due auto-immolazioni del 2012, per protesta contro Pechino
27/04/2012 CINA – TIBET
In Tibet “è in atto un genocidio culturale”
17/06/2011 TIBET - CINA
La Cina chiude il Tibet ai turisti stranieri fino alla fine di luglio
di Nirmala Carvalho
07/11/2008 CINA - TIBET
Senza alcun progresso i dialoghi con gli inviati del Dalai Lama

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate