21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/06/2009, 00.00

    CINA

    Libera, ma “colpevole” la ragazza che ha ucciso il quadro comunista che voleva stuprarla



    Secondo i giudici essa avrebbe usato “forza eccessiva” mentre tentavano di farle violenza. La sentenza cerca di piacere alle alte autorità e all’opinione pubblica che vede la ragazza come un’eorina.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Deng Yujiao, la ragazza che ha cercato di difendersi accoltellando chi voleva stuprarla, è stata liberata, ma dichiarata “colpevole” per “uso eccessivo di forza”.

    Deng, 21 anni, faceva la cameriera in un hotel dell’Hubei. Lo scorso 10 maggio la ragazza ha accoltellato Deng Guida, 44 anni, funzionario del partito che chiedeva a lei delle “prestazioni speciali” invitandola in un bagno. Al rifiuto della ragazza, Deng Guida, che era accompagnato da un altro notabile del partito, ha cercato di violentarla. La giovane, cercando di svincolarsi, lo ha accoltellato con un coltello per la frutta e ha ferito anche l’accompagnatore. Per chiedere aiuto ha poi chiamato la polizia.

    Le forze dell’ordine l’hanno dapprima imprigionata per omicidio. Ma la storia di Deng Yujiao si è diffusa via internet e ha raccolto molta simpatia e critiche verso la corruzione e l’immoralità dei membri del partito. La polizia allora l’ha messa agli arresti domiciliari, accusandola di violenze.

    Ieri la corte di Badong l’ha condannata per “uso eccessivo della forza”, ma l’ha liberata perché ha agito per autodifesa e perché – secondo loro – la ragazza soffre di “un certo livello di disordine mentale”. I giudici hanno anche ritenuto che chiamando la polizia Deng abbia ammesso in qualche modo la sua colpa.

    Molti attivisti in difesa della ragazza sono felici perché non è stata arrestata, ma definiscono la sentenza “un’ingiustizia”. La sentenza sembra essere “salomonica”: da una parte cerca di piacere alle alte autorità perché giudica colpevole la ragazza; dall’altra cerca di piacere all’opinione pubblica che vede Deng Yujiao come un’eroina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/06/2009 CINA
    E’ quasi un’eroina la giovane che uccise il funzionario cinese che voleva violentarla
    Deng Yujiao, 21 anni, ha rifiutato le prestazioni sessuali chieste da un importante funzionario. Lui l’ha assalita e lei si è difesa e la ucciso. Ora internet è intasata da messaggi di solidarietà verso l’umile cittadina che ha reagito alla violenza del notabile del partito.

    30/05/2013 CINA
    Xi Jinping vara alcune leggi interne al Partito comunista: le prime dal 1921
    Forse è un tentativo di Xi Jinping di moralizzare il Pcc, in crisi di legittimità per abusi di potere e corruzione. Ma vi è il rischio di un doppio binario: le leggi del Partito e quelle dello Stato.

    12/08/2004 cina
    I leader cinesi celebrano divisi il centenario della nascita di Deng


    28/05/2014 CINA
    Wei Jingsheng: Gli eroi di Tiananmen hanno risvegliato la Cina
    Il grande dissidente commemora il 25mo anniversario del Massacro del 4 giugno: "Il Partito e certi intellettuali senza vergogna cercano di sminuire ancora oggi quei coraggiosi giovani, che con il loro sangue hanno rivelato al popolo la verità sul regime e hanno scatenato una richiesta di libertà e democrazia che non sarà mai più incatenata".

    18/05/2012 CINA
    Ergastolo per Lai Changxing, uno degli uomini più potenti della Cina di Jiang Zemin
    L'industriale era considerato un protetto dell'ex presidente e membro della "cricca di Shanghai", il gruppo di potere legato a Jiang. La sua condanna (per corruzione e appropriazione indebita di beni statali) è vista come una mossa preparatoria per il prossimo Congresso del Partito, in cui la Cina cambierà la sua leadership.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®