22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/03/2017, 10.36

    IRAQ

    Liberata una chiesa di Mosul: era divenuta base dell’Isis



    All’interno, i segni del controllo jihadista. Non è sopravvissuto neanche un crocifisso. I cristiani erano stati costretti a fuggire o a convertirsi. Continua l’offensiva per riprendere il controllo di Mosul.

    Mosul (AsiaNews/Agenzie) – Liberando il quartiere al-Dawasa di Mosul, le forze irachene hanno rinvenuto una chiesa cristiana che era stata utilizzata come base dai miliziani dell’Isis. La chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso (Um al-Mauna) non porta più alcun segno del suo passato cristiano: non un solo crocifisso o statua sono sopravvissuti, sostituiti da manifesti e simboli del passaggio di Daesh.

    L’insegna sopra la porta, “Chiesa cattolica caldea”, insieme all’altare di marmo grigio testimoniano la funzione originaria dell’edificio. Sui muri esterni color ocra si legge un divieto d’ingresso della polizia religiosa dello Stato islamico. I miliziani hanno cercato di eliminare le croci, danneggiandone una in pietra e cercando di staccarne un’altra da una porta di metallo scardinata.

    All’interno ci sono nicchie vuote e la base di una statua, in origine decorata con fiori gialli e rossi. Sui muri appaiono incisi i nomi di guerra dei combattenti di Daesh.

    Manifesti affissi sulle colonne di marmo fanno comprendere la vita nello Stato islamico. Uno di essi riporta le 14 regole per vivere a Mosul sotto il comando jihadista, fra cui l’obbligo alle donne a vestire in maniera modesta e mostrarsi in pubblico solo “se necessario”. Sul pavimento ricoperto da detriti, è stato trovato un volantino in cui si elencano le punizioni corporali previste per i colpevoli di furto, consumo di alcool, adulterio e omosessualità. Le spiegazioni sono affiancate da violente immagini rappresentative.

    Il recupero della chiesa è avvenuto questa settimana per mano dell’esercito iracheno, durante l’offensiva per la riconquista completa di Mosul. La città è stata un importante bastione per i militanti di Daesh, ma oramai ne stanno perdendo il controllo. Già questo gennaio le forze di Baghdad hanno recuperato l’area orientale della città. Fonti affermano che cinque jihadisti sono stati trovati morti fuori dalla chiesa.

    Le forze dell’Isis avevano preso la città nel giugno del 2014, obbligando i membri della comunità cristiana a scegliere fra convertirsi all’Islam, pagare una tassa speciale, fuggire o venire uccisi. Poche settimane dopo, devastavano Qaraqosh nella piana di Ninive, dove si pensa vivessero 120mila cristiani, obbligandoli alla fuga.

    I caldei rappresentano la maggioranza dei cristiani iracheni, ma il loro numero è diminuito in maniera drastica: prima del 2003 superavano il milione, oggi sono meno di 350mila.

    Secondo il colonnello Abdulamir al-Mohammedawi, dalla chiesa lo Stato islamico controllava che tutti i residenti di Mosul rispettassero le regole e seguissero le loro ideologie estremiste.

    La chiesa è in condizioni migliori rispetto al resto del quartiere. In una strada commerciale, le appariscenti vetrine di negozio ora non sono altro che ferro piegato su sé stesso e detriti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/12/2014 IRAQ
    Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
    Mar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".

    04/08/2016 12:00:00 IRAQ
    Louis Sako: A due anni dalla cacciata dei cristiani da Mosul e Ninive

    In un messaggio diffuso oggi, il Patriarca caldeo ricorda la tragedia, mentre si diffondono le voci di una sconfitta di Daesh e un possibile ritorno delle famiglie alle loro case. Ricostruire la nazione irakena rifiutando la vendetta, l’uso della religione come un’arma contro gli altri; combattere il terrorismo fermando gli autori, ma anche i finanziatori e i predicatori della violenza. Un nuovo patto sociale per un Iraq della convivenza fra etnie e religioni.



    05/09/2014 ITALIA - IRAQ
    Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
    Inviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

    17/09/2014 IRAQ
    Peshmerga curdi liberano alcuni villaggi cristiani occupati da jihadisti
    Fondamentale l'aiuto dell'aviazione Usa. I miliziani islamisti hanno minato molte case prima di fuggire. Nella città di Alqosh, liberata giorni fa, diversi cristiani siriaci sono ritornati e hanno celebrato la festa del santo patrono.

    06/12/2014 IRAQ-VATICANO
    Papa ai profughi cristiani di Mosul: Vi sono vicino. La vostra resistenza è martirio, rugiada che feconda
    Il videomessaggio del pontefice portato dal card. Philippe Barbarin. L'impegno in Turchia e con la comunità internazionale per una "maggiore convergenza" a risolvere i conflitti in Iraq. Il ringraziamento per la testimonianza di fede. L'8 dicembre, preghiera speciale di tutta la Chiesa per i profughi cristiani irakeni a Erbil.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®