21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/12/2006, 00.00

    PAKISTAN

    Libere 2 cristiane, torturate per mesi da un musulmano

    Qaiser Felix

    Muhammad Ikram ha sequestrato la donna che faceva le pulizie nella sua casa e la figlia di 13 anni. Le ha torturate per mesi chiedendo loro di convertirsi all’islam. Libere grazie all’intervento dei giudici di Lahore e dell’All Pakistan Minorities Alliance.

    Sialkot (AsiaNews) – L’All Pakistan Minorities Alliance (Apma) è riuscita a liberare 2 donne cristiane, rapite e torturate per 3 mesi da un musulmano di Sialkot e dalla moglie che le volevano convertire all’islam. Lo conferma ad AsiaNews il direttore dell’Apma, Shabhaz Bhatti, che chiede al governo di “punire i colpevoli di questa atroce vicenda con la massima severità possibile”.

    Bhatti racconta che Nasreen Pervez, 40 anni, e la figlia Razia, 13 anni, “sono entrate nella casa di Muhammad Ikram, musulmano di Sialkot, dopo la morte del marito di Nasreen, Pervaiz, avvenuta lo scorso settembre”. Pervaiz “gestiva un commercio di galline nel Punjab, ma il suo allevamento era stato colpito dall’influenza aviaria e l’uomo si era ammalato. Dopo la sua morte, madre e figlia hanno iniziato a lavorare come inservienti nell’abitazione di Muhammad, loro vicino di casa”.

    Dopo il primo mese di lavoro, però, questi “si rifiuta di pagare loro il salario e, insieme alla moglie, sequestra le 2 donne. Strappano i crocifissi che portano al collo e impediscono loro di pregare. Chiedono alle donne di cambiare religione, convertirsi all’islam, e davanti al loro rifiuto le torturano”.

    La notte “vengono legate con delle catene, per impedirre loro di fuggire. Razia viene sfregiata ad un piede con vetri di bottiglia, ed entrambe riportano bruciature sul corpo. Un giorno, Muhammad le minaccia di voler uccidere i membri della loro famiglia se si ostinano a non cambiare religione o se tentano di fuggire”.

    Poi prende una bottiglia di acido ed una siringa: “Morirete con questo in corpo”. Nasreen risponde: “Potete ucciderci, ma non ci convertiremo”.

    Dopo 3 mesi di torture, la figlia più grande di Nasreen, Sheeba, va a trovare la madre e la sorellina, ma Muhammad e la moglie la cacciano e minacciano: “Non tornare più, se non le vuoi vedere morte”. Sheeba, preoccupata, si rivolge agli anziani del suo villaggio che contattano l’Apma.

    L’Associazione “si rivolge immediatamente all’Alta Corte di Lahore, a cui denuncia la situazione. Il giudice ordina l’intervento di un funzionario che, insieme ad una nostra squadra, libera le 2 donne”.

    Bhatti sottolinea che “il crescente numero di attacchi contro i cristiani e le minoranze in generale è allarmante. Noi cerchiamo di assistere le famiglie delle vittime e nel contempo aiutare per vie legali e pratiche chi subisce queste violenze, ma il governo deve intervenire con forza per fermarle”.

    I cristiani di tutto il mondo, conclude, “possono aiutarci con la preghiera: bisogna chiedere al Signore protezione e giustizia per tutti coloro che soffrono per la propria fede”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/03/2007 PAKISTAN
    Donne pakistane, sempre più vittime di conversioni forzate e violenza
    Secondo il rapporto 2006 sullo stato della donna in Pakistan, preparato dalla Commissione pakistana per i diritti umani, aumentano i casi di discriminazione e violenza contro le donne, soprattutto membri delle minoranze religiose.

    11/12/2006 PAKISTAN
    Nel 2006, peggiorata la situazione delle minoranze religiose
    La denuncia viene dal presidente dell’All Pakistan Minorities Alliance che, in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’uomo, sottolinea l’uso distorto delle leggi nazionali e l’aumento della discriminazione sociale. Accuse anche agli inerti politici cristiani.

    23/11/2017 11:40:00 PAKISTAN
    Islamabad, minoranze religiose sempre meno rappresentate

    È discriminazione contro le comunità che già vivono nella paura. Il numero dei seggi nelle assemblee nazionali e provinciali sono aumentati, ma non la quota per le minoranze. La denunicia di attivisti e politici. Vescovi cattolici: l’attuale sistema elettorale non rappresenta le comunità. Parlamentare: indifferenza anche dai nostri compagni di partito.



    27/04/2007 PAKISTAN
    Cattolico accusato di blasfemia, torturato dalla folla e dalla polizia
    Sattar Masih, cattolico di 28 anni, è stato torturato da una folla di musulmani inferociti che lo hanno accusato, senza prove, di aver scritto parole blasfeme contro Maometto. La polizia è intervenuta solo per arrestarlo. Si sarebbe dovuto sposare il giorno dopo.

    22/11/2006 INDIA
    Jammu, cristiano convertito ucciso da militanti islamici

    Bashir Ahmad Tantray aveva abbandonato l'islam circa 10 anni fa. Molto attivo nei progetti sociali e nell'evangelizzazione, è stato assassinato da due sconosciuti in pieno giorno.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®